Dopo un'incredibile rimontaAlonso vince il Gp d'EuropaE vola in testa al mondiale

Gara straordinaria della Ferrari: Alonso parte 11° e trionfa al Gran Premio di Valencia. Adesso è in testa alla classifica: "Orgoglioso di essere spagnolo"

Un grande trionfo a Valencia. Partito dall'11esima posizione, Fernando Alonso vince in patria portando la Ferrari alla conquista del Gran Premio. Il pilota asturiano ha preceduto sul traguardo il finlandese Kimi Raikkonen su Lotus Renault. Terza piazza per Michael Schumacher su Mercedes  che sale sul podio per la prima volta da quanto è tornato a gareggiare. "Vincere qui in casa è qualcosa di unico - ha commentato Alonso - la sensazione è speciale".

Il ferrarista torna in testa alla classifica piloti siglando la sua 29esima vittoria in carriera. "Siamo molto contenti, è stata una gara straordinaria ma il mondiale finisce a novembre", ha commentato il direttore della Ferrari, Stefano Domenicali, esultando (anche se non troppo) al termine del Gran Premio d'Europa grazie all'incredibile rimonta di Alonso. A dare una mano alla Ferrari anche i ritiri di Vettel e Hamilton. "Fa parte delle gare - ha commentato Domenicali - e per questo oggi dobbiamo essere molto contenti. Ma noi puntiamo a un obiettivo più importante di una vittoria". Lo spagnolo della Ferrari è il primo pilota ad imporsi in due gare in questa stagione e, in virtù di questo successo, è tornato nuovamente al comando del mondiale piloti.

Partito in undicesima posizione, dopo una bellissima gara tutta in rimonta, Alonso si era portato al secondo posto, approfittando anche dell’ingresso per due volte della safety car, alle spalle del leader della corsa Sebastian Vettel, scattato dalla pole position, quando si è vista spianata la strada verso la vittoria dall’improvviso ritiro del tedesco della Red Bull nel corso del 34esimo giro. Alonso aveva già avuto l'opportunità di vincere in Spagna a Barcellona nel 2006, con la Renault. "Mi sono ripetuto - ha commentato il ferrarista - grazie ad un team speciale come la Ferrari che ha portato qui tutti i tifosi con le bandiere spagnole". Un successo, quello di Alonso, che arriva dopo la vittoria della Spagna contro la Francia agli europei di calcio. "Oggi sono orgoglioso di essere uno sportivo spagnolo", ha poi concluso il ferrarista definendo quella di oggi "la più bella vittoria".

Commenti

Rico74

Dom, 24/06/2012 - 16:17

BRAVO Alonso e brava la Ferrari.Non ci speravo piu´dopo l´11° posto in griglia.Finalmente un GP di Spagna emozionante. E stasera forza Italia per completare un weekend pieno di soddisfazioni.

Luigi Fassone

Dom, 24/06/2012 - 16:41

Non nascondo di aver spremuto qualche lacrimuccia,quando ho udito DISTINTAMENTE pronunciare finalmente a voce alta le corrette parole del nostro inno dagli uomini "in rosso". E poi,Alonso che si teneva la testa tra le mani,come se non ce la facesse a trattenere l'emozione... Finalmente una bella vittoria,anche se favorita da incidenti e defaillances tecniche di altre vetture.Peccato che,mentre lui,Fernando,è tornato saldamente in testa al mondiale,così non si può dire della Ferrari come team,sempre per via di Massa,che resta sempre indietro,ma così indietro che più indietro non si puote...Non sarebbe venuta l'ora di istituire,oltre che due gruppi distinti per provare nuove soluzioni tecniche,anche una poderosa "campagna acquisti " ?

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 24/06/2012 - 16:41

L unica boccata di buon umore della giornata.Esta vez , puedo dicir arriba espana!

zio Fester

Dom, 24/06/2012 - 17:02

In una gara distruttiva per gomme e macchine ha vinto la Ferrari, ma secondo e terzo sono arrivati due ex-ferraristi. Non è un caso: è una scuola.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 24/06/2012 - 17:10

VOI CONTINUATE A FARE I TITOLI COME QUELLO DI IERI CHE CI PORTANO BENE!!! La Ferrari è come la fede, se uno ce l'ha non la perde mai. Lasciatevelo dire da uno che è nato a Monza, dove ha visto il 1ª GP nel 1961 vinto da PHILL HILL su FERRARI, da uno che ha avuto la fortuna di conoscere personalmente il DRAKE a Maranello nel 1971, da uno che ha avuto la fortuna di conoscere personalmente molti piloti, cito solo Michele, e l'indimenticabile Gilles, da uno che ha avuto la fortuna di conoscere Luca e che è anche cittadino onorario di INDIANAPOLIS. Ora poi che da 13 anni vivo in un paese dove si parla Spagnolo, anche se non conosco ancora Alonso mi è entrato nel cuore come tutti gli altri. Una giornata fantastica, dove ancora una volta la FERRARI ha dimostrato che c'è e ci sarà sempre con la sua volontà di vincere. Un podio così bello poi non si vedeva da tanto tempo. GRAZIE RAGAZZI DELLA FERRARI di averci regalato un'altra giornata fantastica. Ernando Colombo

Ritratto di Zago

Zago

Dom, 24/06/2012 - 17:59

Sono ferrarista, me devo riconoscere che pur avendo fatto una corsa eccezionale, Alonso è stato fortunato per il ritiro di Vettel. Pur avendo fatto progressi, la ferrari non è ancora all'altezza della Red Bul che nei primi venti giri dava un secondo a giro, questo occorre riconoscerlo per essere sportivi fino in fondo. Per le prossime gare, potrebbe darsi che la ferrari faccia altri progressi e non debba vincere per le disgrazie altrui ma deve battere gli avversari sul piano agonistico.

Ritratto di antoni55

antoni55

Dom, 24/06/2012 - 18:15

Buon giorno a voi.E vai per bacco oggi Domenicali si è ricordato di cambiarci le gomme!!!!

Ritratto di antoni55

antoni55

Dom, 24/06/2012 - 18:42

Buon giorno a voi.X6zago:per quanto riguarda la parte tecnica la ferrari di oggi non è seconda a nessuno,lo dimostra il ritiro di vettel chè non è un caso ma era previsto in quanto per avere quei margini sul giro hanno esasperato le mappature,cosa non evidenziata sulla seconda vettura che è rientrata nella norma,lei chè cosa pensa chè noi non potremmo fare altrettanto?????Ma il gioco non vale la candela si rischia troppo sulla affidabilità della vettura facendo al 90%dei casi la fine di vettel.Le ricordo anche l'altra gara persa dalla ferrari per non aver cambiato le gomme!!!quindi di quale superiorità stiamo parlando?????????????!!!!!!!!!!!!!!!!!!

rikkà

Dom, 24/06/2012 - 20:38

Vince come vince un becchino sulla morte degli altri.......

Ritratto di antoni55

antoni55

Dom, 24/06/2012 - 21:46

Buona sera a voi.X9rikkà:Anche se non si fossero suicidati da soli li avremmo infilati lo stesso la ferrari di oggi era invincibile,e sarà sempre l'auto da battere per tutti.

adriano1

Dom, 24/06/2012 - 22:00

Premessa: non ho la patente, non so guidare e non capisco un accidente di macchine ! Detto questo,guardo molto volentieri la F1 . Penso che , per una vittoria contino macchina e pilota in simbiosi, poi la fortuna e il team. Alonso é stato fantastico ! Dicono, e forse giustamente, che senza il ritiro di Vettel non ci sarebbe riuscito: ma qui subentra l'affidabilità della macchina e la Ferrari mi pare di gran lunga piazzata meglio dei suoi avversari, la macchina quindi é una parte del tutto che interagisce con il pilota. Lo stesso Schumi, pur con la maggior prudenza dei suoi 43 anni , pur avendo una macchina di una grande Casa,pur con tutta la sua esperienza, solo oggi ha avuto un risultato da podio o forse anche qualche altra volta ma in ogni caso, ben lontano dai precedenti standard. Insomma la macchina conta come il pilota : un pilota eccezionale con una macchina farlocca non combina nulla; una macchina spaziale con un carrettiere al volante , idem. Potreste dirmi se sbaglio ?

cesar

Lun, 25/06/2012 - 07:48

Complimenti a Fernando e alla scuderia Ferrari....anche se è più merito del pilota che del team......unica nota stonata il commento ipocrita di Domenicali a fine gara ...un concentrato di banalità ...ovvietà e finta serietà........non sa nemmeno gioire quando è il momento di farlo...che personaggio.......

rikkà

Lun, 25/06/2012 - 08:28

Montezuffolo il giorno prima ha detto che non vuole gare decise dalle gomme. Oggi dovrebbe dire che non vuole gare decise dai ritiri degli altri.......taaaanti altri.