Squinzi batte Prodi in bici. Ma lui non ci sta: "Poco sportivo"

Il presidente di Confindustra arriva al traguardo del Mapei Day prima dell'ex premier. Che accusa la mancanza di sportività dell'avversario, che avrebbe avuto più di un aiutino

Squinzi umilia Prodi in bicicletta. Vince sullo Stelvio, durante il Mapei Day, facendo mangiare la polvere all'ex premier. Ma Romano non ci sta. E contesta la vittoria del numero uno di Confindustria, gridando all'imbroglio. Squinzi ha barato. Questa è la tesi di Prodi.

Innegabile la vittoria. Ha tagliato prima il traguardo. Nulla da contestare. Ma non lo avrebbe fatto in modo corretto. Facile vincere - è quello che dice Prodi - se a darti una mano ci sono gli amici che hanno pedalato con te da Bormio fino allo Stelvio, che a turno ti si avvicinano per darti un aiutino.

Romano contesta la mancanza di sportività del presidente dell'Unione Industriali. Non ci sta proprio insomma. O si gareggia lealmente, oppure tanto vale non parlare neppure di vincitori e vinti. E mettere la cosa in caciara, come una scampagnata in salita tra amici. Prodi, sono pronti a giurare tutti quelli che lo hanno visto correre, i 21 chilometri della manifestazione se li è fatti tutti sui pedali, non un centimetro escluso.