Star ecologiste sull’auto pulita ma poi volano con il jet privato

Il sito Tmz.com mette a nudo le incoerenze dei divi impegnati

Lorenzo Amuso

da Londra

Sostenitori a ciclo continuo di campagne «giuste e nobili». In prima fila contro le brutture che affliggono il mondo. Indignati e implacabili paladini del bene, a cui prestano volto e voce. Ma incoerenti quando si tratta di metterlo in pratica, il supposto bene. Predicano bene e razzolano male le star di Hollywood. La comunità del cinema statunitense da tempo ha sposato la causa ecologista, schierandosi senza indugi a fianco di chiunque combatta per un’esistenza meno inquinata.
Ambientalisti sensibili all’emergenza effetto serra, preoccupati per il surriscaldamento della Terra, dunque favorevoli allo sviluppo di fonti di energia alternativa per la riduzione delle emissioni di biossido di carbonio. In cuor loro - probabilmente - Leonardo Di Caprio & Co. ritengono di dover dare l’esempio. Così, oltre all’attivismo ecologista ribadito in conferenze stampa e premiere, si fanno fotografare alla guida di vetture elettriche, o «ecologicamente sostenibili». «Tappeto rosso, macchina verde», si chiamava la campagna ideata dalla Toyota in occasione della scorsa notte degli Oscar per promuovere la Prius, la prima vettura in commercio dotata di motore ibrido. Lo scorso febbraio numerosi divi - tra gli altri, Joaquin Phoenix e George Clooney - hanno rinunciato alle limousine di rito per la fede ecologica. Altre celebrità, come Julia Roberts, Jennifer Lopez e Brad Pitt, sono in possesso della vettura. Grazie al sistema ibrido, la Prius utilizza l’energia che normalmente viene dissipata immagazzinandola in apposite batterie, come supplemento di potenza. Ciò consente minori consumi e una riduzione del 20-30% delle emissioni inquinanti. La vettura idonea all’animo ecologista di Hollywood. Una scelta di coerenza, se non fosse che un sito, Tmz.com, si è divertito a svelare i vizi delle stesse stelle. E ha scoperto che, quando sono costrette a viaggiare, le star «verdi» preferiscono i jet privati alle compagnie aeree di linea. Come Di Caprio, uno dei primi divi a guidare la Prius, pizzicato dal New York Post ad affittare un aereo privato da Parigi a Roma per la prima del suo ultimo film, The Departed. Prima di lui, Julia Roberts e Jennifer Lopez hanno bruciato migliaia di litri di carburante in spostamenti esclusivi. Per raggiungere la Namibia con l’amata Angelina Jolie, è stato calcolato che il jet di Brad Pitt ha consumato oltre 6mila litri, «abbastanza per trasportare una Prius sulla luna», ha ironizzato Tmz.
Gli attori si difendono sostenendo che il loro impegno ecologista è necessario per sensibilizzare l’opinione pubblica e i politici. Ma non tutti sembrano concordare. «Se viaggiassero su voli di linea come tutti noi potrebbero anche essere giustificati - è uno dei commenti sul sito -. Ma volare solo su jet privati li rende dei perfetti idioti».