"STATO DI POLIZIA, CENSURA"

Dure le reazioni della politica alle perquisizioni ordinate dai pm romani nella redazione romana del nostro quotidiano e nell'abitazione privata della nostra giornalista (<strong><a href="/interni/dai_pm_bavaglio_al_giornale/01-02-2011/articolo-id=503217-page=0-comments=1" target="_blank">leggi la cronaca</a></strong>). Indignazione anche da sinistra. Severe critiche da Merlo (Pd) e Giulietti (Articolo 21). Nucara parla di &quot;stato di polizia&quot;. L'ordine dei giornalisti del Lazio: &quot;Un provvedimento che sa di censura&quot;. <strong>SONDAGGIO</strong> <strong><a href="/sondaggio_1a.pic1?PID=171">E' ammissibile che in democrazia i pm facciano perquisire la redazione di un giornale? VOTA
</a></strong>

Roma - Per una volta si indignano anche a sinistra per la perquisizione a casa e in redazione della cronista del Giornale, Anna Maria Greco. "È una strana perquisizione quella avvenuta nella sede del Giornale. Del resto, le perquisizioni nelle sedi dei giornali sono sempre inquietanti e preoccupanti, qualunque giornale sia. Ma nello scontro sempre più violento e radicale tra la politica e la magistratura, non credo che debbano pagarne le conseguenze anche i giornalisti. Comunque, le perquisizioni nelle redazioni dei giornali sono sempre una brutta pagina per la democrazia e per la libertà di in formazione" dice Giorgio Merlo, Pd, vice presidente Commissione Vigilanza Rai. Dalla stessa parte anche Giuseppe Giulietti, di Artciolo 21: "Le perquisizioni nella sede dei giornali non ci piacciono mai e dunque non ci piacciono neppure quelle nella sede de il Giornale. Allo stesso modo tuttavia non ci piace né il metodo Boffo né quello Bocassini e tanto un meno un conflitto di interessi che diventa manganello da sbattere sulla testa di chi non piace al presidente del consiglio editore. Forse le perquisizioni, per essere efficaci, dovrebbero svolgersi in altri palazzi e non in redazione".

"Notizia spaventosa" Il coordinatore del Pdl, Sandro Bondi, commenta: "La perquisizione in casa della giornalista Anna Maria Greco de Il Giornale è una notizia spaventosa, che dovrebbe essere denunciata da tutti i giornalisti democratici. Temo che questo non avverrà perchè viviamo ormai in una repubblica commissariata da una parte della magistratura piegata alle ragioni della politica e in un paese in cui la sinistra ha delegato alla giustizia l’azione politica".

Cicchitto attacca "Ho già avuto modo di dire che sono contrario a ogni speculazione sulla vita privata, sia che investa con centinaia di intercettazioni Berlusconi, sia che riguardi rivelazioni su episodi personali riguardanti la Boccassini" dice Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputati del Pdl. "Detto questo, però, il meccanismo investigativo che oggi colpisce così duramente il Giornale, in quanto tale, e la giornalista Anna Maria Greco è del tutto inaccettabile e gravissimo, poiché rappresenta un autentico attentato alla libertà di stampa che deriva chiaramente dalla logica aberrante dei due pesi e delle due misure. In passato, infatti, di fronte a plateali violazioni del segreto istruttorio non c’è stato (salvo rare eccezioni) alcun intervento della magistratura. Del tutto inusitato, al limite dell’incredibile, è il trattamento riservato ad un membro del Csm, che non credo abbia precedenti nella storia della Repubblica. Più in generale, è ancor più incredibile il ben diverso trattamento riservato da un lato al Giornale e dall’altro alle testate di opposta collocazione politica".

Nucara parla di stato di polizia "Si perquisiscono le abitazioni dei giornalisti. Si intercettano i cittadini e si inibiscono i politici. Le libertà non contano nulla. Siamo a un passo dallo stato di polizia" dichiara il segretario del Pri, Francesco Nucara, commentando la perquisizione dell’abitazione della nostra Greco e della redazione de Il Giornale. Nucara esprime inoltre "piena solidarietà" alla Greco.

L'ordine parla di censura "La perquisizione nella sede di un giornale lascia sempre l’amaro in bocca perché sa di censura, di limitazione al diritto di cronaca". Così Bruno Tucci, presidente dell’Ordine dei giornalisti di Roma commenta il fatto del giorno. "Un’altra perquisizione nella sede di un quotidiano. Non è la prima, né purtroppo, sarà l’ultima. Stavolta ne ha fatto le spese il Giornale, 'reo' di aver pubblicato una notizia che aveva un suo fondamento di verità. Dov’è il peccato? - chiede Tucci - Dove la scorrettezza? Quale tipo di reato hanno commesso i colleghi?. Qui non è in gioco né la destra, né la sinistra. Né la maggioranza o l’opposizione - conclude -. È in gioco la libertà di stampa che in un paese civile e democratico non può mai essere messa in dubbio".

I senatori del Pdl La notizia della perquisizione nell’abitazione della cronista del Giornale e nella redazione del nostro quotidiano dopo la pubblicazione di documenti riguardanti il pm di Milano, Ilda Boccassini, ha suscitato un coro di proteste dei senatori del Pdl. "Un’iniziativa scandalosa. Le perquisizioni al Giornale della procura di Roma per aver pubblicato un articolo sugli amori boccacceschi della dottoressa Boccassini dimostrano ancora una volta l’atteggiamento vessatorio di una certa magistratura" protesta il senatore Achille Totaro mentre il vicecapogruppo Francesco Casoli parla di "intimidazioni degne della peggior dittatura comunista" nei confronti dei cronisti del Giornale invocando analoghe azioni della magistratura verso "quei giornalisti di testate di sinistra, perennemente impuniti, che passano regolarmente notizie e fango su indagini su Berlusconi". Secondo il senatore Cosimo Izzo, "è partita la caccia contro chi si oppone al potere delle procure rosse" e "le perquisizioni sono una chiara intimidazione alla libertà di stampa e al diritto di cronaca. Mentre dalle pagine dei giornali di sinistra - sostiene Izzo - è consentito rovesciare vagonate di fango sul presidente Berlusconi in spregio a qualsiasi segreto istruttorio, il Giornale viene violato per aver scritto di una vicenda vecchia e datata". "Chi tocca la magistratura di sinistra muore" sostiene la senatrice Laura Bianconi che si chiede "come mai questo stesso rigore non sia stato utilizzato per altri giornali, come la Repubblica, il Fatto o l’Espresso che per settimane hanno pubblicato notizie coperte dal segreto istruttorio".