Lo strapotere divinatorio di Otelma colpisce ancora

Avete presente il nubifragio di ieri, giusto all’ora dello spuntino che aiuta a tirare avanti la giornata? Beh, quel temporalone è nulla se confrontato con la «tempesta» che il vaticino del Divino ha scatenato negli ambienti politici genovesi e non solo genovesi. Sì perché Lui (il Divino per chi fosse distratto è il Maestro Otelma, al secolo conte dottor Marco Belelli, famoso in tutto il mondo per le sue doti divinatorie, appunto) è sceso tra noi mortali per renderci finalmente edotti sui risultati delle prossime elezioni amministrative (leggi ballottaggi?), sul destino del governo Prodi (tutte le mortadelle del mondo sono avvertite) e del partito democratico (che sta cercando, buon per lui, di vedere la luce). Ma perché, ci chiediamo noi infelici cui non è stato fatto (...)