Strasburgo, fiamme e scontri al summit E' ancora guerriglia dei no global: 50 feriti

Scontri tra manifestanti anti-Nato e polizia. Gli agenti hanno respinto con cariche e lacrimogeni i black bloc: 25 arresti. Tafferugli sul Ponte d'Europa, che collega Francia e Germania. Incendiati negozi, hotel, posti di polizia. Gli agenti si difendono sparando proiettili di gomma e lacrimogeni: 50 feriti

Strasburgo - Ancora violenti scontri intorno al vertice della Nato. Su uno dei ponti che collegano la città di Strasburgo alle rive del Reno, dove è prevista la mega manifestazione no-global di oggi pomeriggio contro il vertice Nato. Sono già almeno 50 i feriti nei disordini scoppiati lungo la frontiera franco-tedesca. Dopo che il corteo principale ha preso il via vicino della riva francese del Reno, decine di giovani incappucciati hanno appiccato incendi a un posto di frontiera francese abbandonato e a un albergo Ibis e hanno saccheggiato una stazione di rifornimento e una farmacia. Gli scontri più duri si sono verificati sul Ponte d’Europa che collega Francia e Germania. Il ponte disaa 5 chilometri dal Palazzo della Musica e dei Congressi di Strasburgo dove si tiene il summit. Circa 5mila manifestanti, secondo gli organizzatori, si sono radunati sul Ponte, che a un certo punto è stato bloccato dalle forze dell’ordine che hanno ripetutamente lanciato lacrimogeni. Vari gruppi di black bloc tra i manifestanti hanno dato vita a episodi di violenza, lanciando pietre e appiccando incendi.

Torna la calma Sembrano essersi diradati i "contatti" tra la polizia e la parte più violenta dei manifestanti. Paiono avere desistito dai loro propositi i no global che, in gran numero, si stavano dirigendo verso il ponte sul Reno con l’obiettivo di attraversarlo, per ricongiungersi con le migliaia di persone che stanno attuando un’altra protesta, dall’altro lato del fiume. La polizia, comunque, continua a presidiare, oltre al ponte, le strade di accesso alla zona (controllando anche il fiume, con gommoni). Camionette cariche di agenti si spostano in continuazione, per tenere sotto controllo quanto più "territorio" possibile. Tra i manifestanti non violenti si vedono, comunque, sconosciuti con la tenuta dei black bloc.

Il primo assalto Respinto a colpi di lacrimogeni l'assalto dei mille. Nuovi scontri a Strasburgo a margine del vertice Nato. La polizia ha respinto un migliaio di attivisti che cercavano di avvicinarsi al centro della città. In diverse zone gli agenti hanno usato gas lacrimogeni per respingere i gruppi dei pacifisti anti-Nato, tra i quali molti italiani. Vicino a Place de L’Etoile, la polizia si è scontrata con molti manifestanti con il volto coperto che si dirigevano verso il centro. La polizia ha effettuato 25 fermi durante le manifestazioni che si sono verificate nella città, proprio all’inizio del vertice dei leader della Nato. La situazione è al momento tranquilla, i manifestanti bloccano una delle principali strade della città, impedendo la circolazione al traffico. E per oggi sono annunciate una serie di manifestazioni (i collettivi si attendono tra i 30 e i 60mila manifestanti) che faranno da sfondo al summit tra i 28 capi di stato e di governo dell’Alleanza Atlantica. Sul tappeto, il futuro dell’organizzazione, la sua missione in Afghanistan e il mancato accordo sulla designazione del futuro segretario generale.