Il tecnico «certificatore», una nuova attività per la verifica del rendimento energetico

L'aumento delle temperature sul pianeta e tutte le conseguenze ambientali richiamano all'attenzione un tema di grande attualità: quello della sostenibilità energetica. «Il consumo di energia per i servizi energetici connessi agli edifici è pari a quasi un terzo del fabbisogno globale nell'ambito dell'Ue». Tale constatazione ha imposto la definizione di politiche finalizzate a sostenere ogni sforzo per conseguire l'obiettivo di adattare gli edifici o realizzarli ad alto grado di isolamento termico se non addirittura con la dotazione di fonti ecologiche per l'autoproduzione di almeno parte dell'energia necessaria al proprio fabbisogno. Tematica così attuale e prepotentemente emersa anche per il necessario adeguamento degli stati membri al Protocollo di Kyoto, che l'Unione europea ha sottoscritto in data 29 aprile 1998; «gli stati membri dell'Unione», inoltre, «devono ridurre collettivamente le loro emissioni di gas a effetto serra dell'8%».
In attesa dell'emanazione delle «Linee guida nazionali», delle disposizioni attuative del dlgs 192/05 e della pubblicazione in G.U. del decreto di modifica dello stesso, approvato dal consiglio dei ministri il 22 dicembre 2006, atti che dovranno essere emanati entro il 28 febbraio 2007 a cura del ministero dell'economia di concerto con il ministero dello sviluppo economico, il Consiglio nazionale geometri, dopo aver informato tempestivamente i Collegi provinciali e circondariali, è pronto ad avviare le attività e iniziative per dare attuazione concreta alla normativa sulla tematica del «rendimento energetico». «Certificatore» è la figura che il Cng individua come nuovo indirizzo di attività professionale collegata al tecnico che si occuperà e dedicherà a questa tematica. Dovrà essere formato con un puntuale e approfondito percorso formativo, omogeneo sul territorio nazionale, con le stesse modalità già previste per il coordinatore della sicurezza in fase di progettazione o di esecuzione nei cantieri fissi e mobili delle opere edili. Il percorso formativo dovrà essere conformato ai requisiti professionali e ai criteri di accreditamento idonei per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli «esperti». In attesa dell'emanazione delle norme attuative, con l'entrata in vigore degli adempimenti dal 1° gennaio 2007, la «certificazione energetica» potrà essere sostituita da un «attestato di qualificazione energetica» predisposto e asseverato da un professionista abilitato. Pertanto, già dal 1° gennaio 2007 l'attività dei geometri è dedicata, tra le altre connesse al variegato mondo delle costruzioni, all'attività di «attestazione»; il tutto anche in riferimento alle norme sugli incentivi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti e nuovi previsti dalla legge finanziaria per l'anno 2007 (commi dal 344 al 352).
La disciplina vigente, unitamente a nuove norme allo studio relativamente agli impianti fotovoltaici ed agli impianti di cogenerazione, costituisce un forte nuovo impegno, assolutamente prioritario e di grande attualità, per il quale dovrà essere attivato ed espletato un fortissimo investimento in termini di formazione anche con lo scopo di fornire un servizio alla società teso al miglioramento delle condizioni climatiche e di sopravvivenza dell'intero ecosistema.
(Consiglio Nazionale Geometri)