GoBeyond 2019, 120 le idee in gara per l'innovazione e il sociale

La call of ideas di SisalPay, promossa insieme a Cvc Capital Partners per far diventare un progetto giovane in una realtà imprenditoriale è entrata nella fase finale. La proclamazione dei vincitori avverrà a Milano il 9 dicembre presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinell

Idee e progetti, ben 120, in gara per GoBeyond, la call for ideas di SisalPay, promossa insieme a Cvc Capital Partners giunta alla terza edizione, nata per incoraggiare l’innovazione e il talento, facilitando la trasformazione di un’idea in una realtà imprenditoriale.

Progetti da sviluppare sui temi dei servizi innovativi per la persona e l’innovazione per il sociale che vanno dalla finanza al turismo, dalla mobilità alla sanità, dal retail ai servizi per l’employment e hanno coinvolto oltre 500 studenti con momenti di crescita e confronto in tutta Italia, come la presenza a DigithOn e Heroes, e di workshop nelle Università di Bari, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e La Sapienza di Roma, per coinvolgere sempre più giovani sulle tematiche dell’ imprenditorialità e dell’innovazione.

Ora è in corso la fase finale, la giuria sta valutando i progetti e la proclamazione dei vincitori avverrà a Milano il 9 dicembre presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.
SisalPay, con Cvc Capital Partners, garantirà un finanziamento all’idea vincente per ciascuna delle due categorie, attraverso un grant di 20 mila euro e un supporto di advisory di eccellenza scelto dal vincitore e sostenuto dal network dei partner di GoBeyond. della call che hanno un ruolo di valutazione, di mentorship, formazione e accelerazione: Agi, Brunswick, frog design, Google, Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, Roland Berger, Talent Garden e K&L Gates.

Le prime due edizioni di GoBeyond hanno raccolto oltre 250 idee da tutta Italia. A vincere la prima edizione fu dbGlove, il progetto di Nicholas Caporusso volto a migliorare la vita delle persone cieche e sordocieche: dbGlove è un guanto che permette di interagire con smartphone e tablet digitalizzando diversi alfabeti esistenti basati sul tatto, come Molossi e Braille, consentendo alle persone cieche e sordocieche di utilizzare tutte le funzionalità di un dispositivo mobile, comunicare con gli altri e interagire con il mondo.

Nella seconda edizione sono stati proclamati vincitori, Wiseair, il vaso smart per il monitoraggio diffuso, iper-locale e real time della qualità dell’aria (categoria Innovazione Sociale), e Plick, il pagamento semplice senza Iban, senza app e senza limiti (categoria Servizi al Cittadino).

Entrambe le start up hanno dimostrato la competitività sul mercato dell’innovazione, infatti Plick è stata selezionata tra le migliori start up italiane da LeVillage (spazio di co working dedicato alle start up appartenente al Gruppo Crédit Agricole) mentre Wiseair si è aggiudicato il bando Fabriq volto a finanziare, attraverso fondi pubblici, progetti ad alto impatto sociale.
Tutte le informazioni su gobeyond.info