La stretta di twitter sulle foto porno: "Niente immagini senza consenso"

Una mossa che gli utenti chiedevano da tempo, per contrastare il revenge porn e gli abusi in generale

Una battaglia contro il revenge porn, le foto e video pornografiche pubblicate senza che il soggetto lo sappia, come "vendetta", ha visto scendere in campo anche twitter. Il social network dei cinguettii ha aggiornato oggi le sue regole, inaugurando una policy contro il cyberbullismo.

Da tempo twitter sta cercando migliore il modo in cui gestisce gli abusi che compaiono sulla piattaforma. Un problema che non vale soltanto per le immagini pornografiche, ma pure, per esempio, per la propaganda jihadista, che ha sul social i suoi account, alcuni molti prolifici.

Secondo dati che a febbraio aveva pubblicato il Daily Mail, ogni giorno mezzo milione di immagini finiscono twittate senza filtri. Ragion per cui il social network ha deciso di dare una stretta e di proibire la pubblicazione di materiale intimo di altre persone, ma anche di informazioni private, a partire dai documenti altrui.

Se qualcuno dovesse trasgredire alle nuove regole, la risposta di twitter sarà prima il blocco dell'account e poi, se i comportamenti sbagliati non cesseranno, la sospensione.