Terrorismo, possibile attacco stile Bataclan: è allerta in Italia

Una nota delle forze dell’ordine fanno riferimento ad un attacco stile Bataclan. Si cercano due albanesi che avrebbero pianificato l’azione

Allarme terrorismo in Italia. Come riporta Open, la scorsa notte le forze dell’ordine hanno diffuso una nota nella quale si parla di una minaccia di un attentato nel corso di un evento pubblico con “modalità di esecuzione stile teatro Bataclan in Francia”.

Il riferimento è alla strage compiuta da estremisti islamici a Parigi in cui morirono 90 persone, tra cui la 28enne ricercatrice italiana Valeria Solesin. Secondo l’informativa, sono ricercati su tutto il territorio nazionale due sospetti di nazionalità albanese. Uno ha 46 anni e risponderebbe al nome di Battar Nabiyula, ma è conosciuto anche come Maximilian Defilade o Bardhyl Hoxha. L’altro, invece, dovrebbe avere tra i 40 e i 48 anni e si chiamerebbe Bujar Hysa. Un’azione pianificata per vendicare la marte dell’autoproclamato Califfo Al Baghdadi? Non si sa. Sulla vicenda ci sono diversi punti oscuri, dato che Hysa dovrebbe trovarsi in carcere.

Fonti investigative, contattate dall'Adnkronos, fanno presente che "si tratta di una delle tante segnalazioni che periodicamente vengono vagliate per valutarne l'attendibilità. E' chiaro che notizie di questo tipo non possono essere sottovalutate e quindi si effettuano tutti gli accertamenti possibili ai fini della prevenzione, ma non è il caso di alimentare allarmismi”. Le stesse fonti fanno, inoltre, sapere che “si tratta di un evento che era stato pianificato per i giorni scorsi, che non si è verificato e comunque non avrebbe riguardato il nostro Paese".

Nella nota gli agenti e i militari vengono invitati a “prestare la massima attenzione, adottando ogni sistema di sicurezza e protezione in caso di controllo persone sospette”. L’allerta scatta proprio a pochi giorni dall’anniversario degli attentati di Parigi avvenuti il 13 novembre del 2015.

In quella drammatica notte, tre commando di jihadisti di una cellula franco-belga legati all’Isis sconvolsero la capitale francese causando la morte di 130 persone. L’azione terroristica, una delle più sanguinose mai registrate in Europa, colpì il teatro, alcuni locali della città e anche lo stadio Stade de France, in questo caso fallito, dove si stava svolgendo l'amichevole di calcio Francia-Germania.

Il massacro compiuto quella sera dagli uomini legati allo Stato Islamico è una ferita ancora aperta nel cuore dei parigini e non solo. In un testo pubblicato sul quotidiano Le Parisien un gruppo di 44 sopravvissuti degli attentati hanno lanciato un appello contro il rischio di evasione dei jihadisti nel nord della Siria, il territorio sotto il controllo dell'Isis, e si mobilitano a favore dei curdi in seguito all'intervento militare della Turchia.

Nel testo, i superstiti chiedono "alle popolazioni del mondo" di mobilitarsi nonché "ai capi dello Stato" di agire. "In quanto sopravvissuti del terrorismo - si legge - ci è impossibile restare silenziosi e indifferenti all'attentato permanente che vivono queste popolazioni, verso le quali abbiamo un debito inestimabile. Siamo indignati dalla passività della Francia e della comunità internazionale che, dopo gli attentati di Parigi, non esitò tuttavia ad intervenire al fianco dei curdi contro i nostri assassini".

Commenti

manson

Sab, 02/11/2019 - 19:05

ovviamente dovrebbe essere in carcere ma qualche kompagno giudice lo avr' rimesso fuori. tranquilli qui i maomettani non fanno attentati, sono trattatati troppo bene e accolti a braccia aperte dal pampero ai kompagni. Se veramente un dramma del genere dovesse accadere spero che gli italiani sani sappiano cosa fare

Homunculus

Sab, 02/11/2019 - 19:07

Se non sono cellule fuori controllo, è improbabile che succeda in Italia un attentato di tale portata: metterebbero in crisi Bergoglio e la sinistra di governo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 02/11/2019 - 19:10

rischio sempre concreto e fattibile, visto che la sinistra ha voluto far entrare tutti, cani e porci....

Reip

Sab, 02/11/2019 - 19:34

Mah... Sono sicuro che un “non Popolo” cosi menefreghista disunito e vigliacco come il nostro, lobotomizzato dalla televisione dal calcio e da internet, non reagirebbe minimamente all’invasione clandestina anche se ci fosse un attentato al giorno! Con o senza un attentato non cambierebbe nulla!

Reip

Sab, 02/11/2019 - 19:46

“E’ allerta terrorismo in Italia” WOW! E cosa cambia? Quotidianamente forze dell’ordine e carabinieri vengono malmenati o nel peggiore dei casi uccisi da africani impazziti! Stupri e violenze perpetrati da centinaia di finti profughi clandestini sono all’ordine del giorno! Il corrotto sistema giudiziario protegge e tutela la permanenza illegale di questi animali e tutti i giorni centinaia di virulenti affamati e disperati africani in ciabatte sbarcano tranquillamente sulle nostre coste! Allarme terrorismo? Noi il terrorismo lo stiamo gia’ vivendo, da anni, passivi e indifesi!!!

dot-benito

Sab, 02/11/2019 - 20:17

Ci sono tre posti a Roma che ci mangiano i nostri soldi speriamo che vadano li

VittorioMar

Sab, 02/11/2019 - 20:25

..ci mancava il "TERRORISTA" di turno !!

HappyFuture

Sab, 02/11/2019 - 20:33

DEFICIENTI JETTATORI! CORNA SU DI VOI!

ST6

Sab, 02/11/2019 - 23:39

mortimermouse: se il problema fosse di "destra" e di "sinistra", avremmo già avuto decine e decine di attentati a sentir voi su questo giornale. Evidentemente non ci avete capito granchè.