Tesoro Usa: Gm verso la bancarotta "chirurgica" Repubblicani: "rivolta" delle tasse contro Obama

Il dipartimento del Tesoro americano
starebbe tentando di spingere il colosso dell’auto verso una rapida e "chirurgica" bancarotta. Si tratta con i detentori di bond societari
per ìconvertire il debito in azioni: è un'operazione da 28 miliardi di dollari. <a href="/a.pic1?ID=343500" target="_blank"><strong>Intanto i Repubblicani protestano contro le nuove imposte del presidente </strong></a>

Washington - Il Dipartimento del Tesoro americano starebbe tentando di spingere il colosso dell’auto General Motors verso una rapida e "chirurgica" bancarotta. È quanto emerge da un articolo apparso ieri sul New York Times.

Una bancarotta rapida e "chirurgica" I membri della task force per il settore automobilistico sono tuttora in contatto con il management della casa di Detroit e con i consulenti del gruppo. Si tratta di una fase preparatoria al processo di amministrazione controllata nel caso in cui, entro il primo giugno, l’azienda non sia ancora riuscita a raggiungere un accordo con gli obbligazionisti ed i sindacati dei lavoratori. Al momento il colosso di Detroit è in trattative con i detentori di bond societari per la conversione di debito in azioni, un’operazione dal valore complessivo pari a 28 miliardi di dollari.