Tivoli, scoperta a Villa Adriana scala monumentale e una sfinge

Straordinario rinvenimento, ieri, all’interno di Villa Adriana a Tivoli: gli scavi archeologici - finanziati con fondi Arcus dai ministeri delle Infrastrutture e dei Beni culturali - in corso all’interno del cosiddetto «Complesso della Palestra», hanno portato alla luce una scala monumentale di accesso composta da una doppia rampa su cui si innalzano pilastri rivestiti di marmo di vari colori, che recavano al centro due sontuose colonne. Inoltre è stata rinvenuta una sfinge, che fiancheggia sul lato destro la scala: una statua colossale in marmo ancora poggiata sul proprio basamento. Soddifatto il ministro dei Beni culturali Buttiglione: «Dovrei essermi abituato al continuo ritrovamento di tesori nascosti, ma il valore di opere come quelle di Tivoli stupisce ogni volta». La scala, rivestita di marmo, è larga 8 metri e mezzo e si innalza per circa 4 metri. Per gli archeologi si tratta certamente della scala di accesso alla villa, databile quindi intorno al 125-130 d.C, e si trova in buono stato di conservazione. Quanto alla Sfinge, è lunga circa tre metri, più grande di un leone al naturale, è in marmo, e gli archeologi stanno valutando se si tratta di un reperto di produzione romana, attribuibile a un’officina di scultori di epoca adrianea o addirittura se si tratta di un reperto importato in quell’epoca in Egitto.
Annunci
Altri articoli