A Torino il dialogo sale in cattedra

Ogni secondo venerdì del mese maestri di diverse esperienze dialogano sulla figura di Gesù, partendo dall’interrogativo: Gesù chi sei? La risposta arriverà dal cinema, dalla letteratura, dal Vangelo. Un confronto culturale aperto alla città<br />

Torino In una società dove pare che più nessuno sappia ascoltare a Torino da settembre è partito un progetto finalizzato al confronto culturale. La Cattedra del Dialogo, molto di più di una serie di conferenze, qualcosa di diverso da un susseguirsi di incontri o di un corso. Altro ancora da un seminario. Ogni secondo venerdì del mese maestri in diversi ambiti si confrontano sulla figura di Gesù. L’approccio è culturale, si basa sul dialogo inteso sia come ascolto e rispetto dell’altro, sia nella chiarezza del linguaggio e la fiducia dell’interlocutore. “Parlando di cattedra, - spiega mons. Luciano Pacomio, vescovo di Mondovì tra i promotori dell’iniziativa. - ci riferiamo immediatamente a una presenza o a più presenze di maestri, docenti, persone esperte che hanno un insegnamento pensato e motivato da donare. Ma aggiungendo del dialogo ci si pone in quella forma metodologica di insegnare che, da Socrate-Platone in poi, qualifica l’insegnamento come: ricerca, capacità di ascolto; risposta aperta ad ulteriore approfondimento; disponibilità d’accoglienza del vero, del buono, del bello, del gioioso; rispetto di ogni interlocutore.

Gesù chi sei? Una proposta che durerà negli anni e che nel suo primo anno cattedratico è dedicato a : “Sotto i riflettori. Gesù chi sei?”. La risposta arriva dal cinema e dallo spettacolo; dalla letteratura; dall’ascolto, lettura e studio, dei Vangeli, riletti anche rispetto alla cultura ebraica e islamica; infine dall’ascolto della fede cristiana, storicamente fondata. Tra i maestri Samir Khalil Samir, Gad Lerner, Khaled Fouad Allam, Pierangelo Sequeri, Paolo Ricca. Il prossimo appuntamento, il 14 novembre, è riservato al dialogo sulla figura di Gesù nei Vangeli. Si confronteranno il biblista Roberto Vignolo e la vaticanista del Tg5 Marina Ricci. Per info: cattedradeldialogo@agdonline.it