Trentamila libri a rischio distruzione

(...) i volumi andranno al macero, legalmente rispetto a quanto avvenne nella storia passata, ma sempre di distruzione di libri si tratta. Il problema di questi volumi, patrimonio comune dell'Università e della città, sono una delle conseguenze del poco intelligente e mirato adeguamento alle necessità di una Facoltà di recente formazione da parte degli organi competenti, che non bene hanno calcolato le esigenze didattiche e formative degli studenti e dei professori, che non hanno ben calcolato spazi e metri quadri, così che la Biblioteca si è ritrovata collocata in vani del tutto insufficienti. Non solo, erano state preventivate aule per il laboratorio cinema, quello video, per un centro multimediale. Niente è stato fatto... Non esiste nella nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione un luogo per il ricevimento degli studenti da parte dei professori come non esiste un luogo per ricevere gli ospiti invitati.
Ci pare che la situazione non brilli, soprattutto per la Biblioteca che è un patrimonio non solo dei professori e degli studenti universitari, ma anche di tutti gli studiosi e di coloro a cui sta a cuore il patrimonio dei beni culturali, in una parola a tutti color che non pensano ancora che la cultura e l'Università siano solo l'anticamera del posto di lavoro. Un esamificio per prendere un pezzo di carta per un lavoro che il più delle volte non corrisponde alle caratteriste e ai talenti degli studenti, che sempre più, e non c'entra la nuova riforma, rimangono delusi dopo i primi anni di frequentazione delle Facoltà, non certo tutte, tanto è vero che il numero degli iscritti è statico e molti professori pensato alla nostra Università quale momentanea sosta per più appetite sedi.
E questo se va di concerto con lo spirito poco amante della vera cultura della città di Genova, di sicuro non è un fiore all'occhiello della fu «capitale europea della cultura», per cui «mettiamo in piazza» il problema nel suo assieme, e speriamo che il Comune, la Regione, la Provincia e tutte le Associazioni professionali si interessi della «loro» Universitas, a partire dalla sorte di quelle migliaia di libri.
*Università di Genova
Facoltà di Scienzedella Formazione