Ustica, esclusa l'ipotesi di bomba a bordo A causare l'incidente un missile o una collisione 

Esclusa l'ipotesi della bomba a borda del Dc9 Itavia che viaggiava da Bologna a Palermo il 27 giugno 1980. Per il tribunale di Palermo si è trattato di una collisione o di un missile

Palermo - Nessun missile a bordo. L'incidente occorso al Dc9 il 27 giugno del 1980 si sarebbe verificato "a causa di un intercettamento realizzato da parte di due caccia, che nella parte finale della rotta del Dc9 viaggiavano parallelamente ad esso, di un velivolo militare precedentemente nascostosi nella scia del Dc9 al fine di non essere rilevato dai radar, quale diretta conseguenza dell’esplosione di un missile lanciato dagli aerei inseguitori contro l’aereo nascosto oppure di una quasi collisione verificatasi tra l’aereo nascosto ed il Dc9".

Questa la conclusione del Tribunale di Palermo nelle motivazione della sentenza con cui ha condannato i ministeri della Difesa e dei Trasporti al risarcimento dei familiari delle vittime di Ustica. Le motivazioni della sentenza, rese pubbliche oggi dagli avvocati Alfredo Galasso e Daniele Osnato, escludono quindi che ci fosse una bomba a bordo del Dc9 Itavia.

"I fatti - afferma nella sentenza il giudice Proto Pisani, a cui era affidata la causa - rilevano una situazione aerea complessa che può avere consentito l’inserimento di un velivolo nella scia del Dc9 al fine di evitare di essere rilevato dai radar, ed una serie di anomalie sia nelle rilevazioni radar che nel comportamento dei velivoli presenti nelle immediate vicinanze del Dc9".