Venezuela, rivoluzione Chavez: poteri speciali per diciotto mesi

Potrà approvare leggi senza passare dalle camere. L’opposizione, quasi del tutto assente dal 2005,
a partire dal 4 gennaio occuperà 67 dei 165 seggi della nuova assemblea. Ma non potrà, comunque, abrogare questa legge

Caracas - Il parlamento venezuelano, controllato dal partito del presidente Hugo Chavez, ha approvato una legge che conferisce al Capo dello stato poteri eccezionali per 18 mesi. Il voto avviene appena due settimane prima del ritorno massicio ai seggi parlamentari di deputati dell’opposizione. "La legge che autorizza il presidente della Repubblica a varare decreti aventi valore e forza di legge è stata adottata", ha dichiarato il presidente del parlamento, signora Cilia Flores, accompagnata dagli applausi dei deputati filo-Chavez.

Opposizione indebolita L’opposizione, quasi del tutto assente dal parlamento dalle legislative del 2005, che vennero boicottate, occuperà a partire dal 4 gennaio prossimo 67 dei 165 seggi della nuova assemblea. Non sarà comunque in grado di abrogare questa legge, per la quale sarebbe necessario il 60% dei voti. Per il prossimo anno e mezzo quindi Chavez avrà la possibilità di legiferare in materia di sicurezza e difesa nazionale, finanze, cooperazione internazionale, trasporti e servizi pubblici.