Vibo Valentia, fermato il presunto killer di Soumaila Sacko

È un uomo di 43 anni, imprenditore agricolo e nipote di uno degli ex soci della fabbrica da cui il maliano stava prendendo le lamiere

Si chiama Antonio Pontoriero l'uomo di 43 anni fermato per l'omicidio di Soumaila Sacko, il migrante di origine maliana ucciso a San Ferdinando, in provincia di Vibo Valentia, la notte tra sabato e domenica scorsi. Pontoriero è un imprenditore agricolo.

L'indagato, secondo quanto ricostruito dai militari, è il nipote di un ex socio di minoranza della fabbrica dismessa, in contrada Calimera, dove è avvenuto il delitto. Lo stabile è sottoposto a sequestro giudiziario dal 2011 nell'ambito di un'inchiesta 'Poison' della Procura di Vibo Valentia sullo smaltimento di rifiuti tossici e pericolosi.

Difeso dall'avvocato Franco Muzzopappa, all'uomo è stata sequestrata la Fiat Panda bianca descritta dai due cittadini del Mali che erano in compagnia di Soumaila nel momento in cui è stato aperto il fuoco. I vestiti del 43enne sono invece stati sottoposti all'esame stub (le analisi eseguite della polizia giudiziaria) per accertare la presenza di residui da sparo.

Ricordiamo che Sacko è stato ucciso mentre con due connazionali cercava di prendere dall'ex acciaieria sotto sequestro alcune lamiere che gli sarebbero servite per costruire la sua baracca nella tendopoli di San Ferdinando. Il fermo è stato eseguito dai carabinieri della Compagnia di Tropea.

Intanto oggi è prevista l'autopsia sulla salma di Sacko Soumaila. L'incarico per l'esame autoptico è stato affidato al medico legale Katiuscia Bisogni.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Gio, 07/06/2018 - 10:42

trattamento è equo e paragonato a quello delle risorse, torni libero dopo 24 ore!

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Gio, 07/06/2018 - 10:55

Ecco i nuovi santi della sinistra: il fratello di Mattarella, spacciato per nume tutelare della patria, e il ladro di lamiere del Mali, spacciato per sindacalista

Ritratto di ...sandrino...

...sandrino...

Gio, 07/06/2018 - 11:19

prendere? a casa mia tra prendere e rubare c'è una certa differenza, magari per rom ed africani clandestini è diverso

Ritratto di diemme62

diemme62

Gio, 07/06/2018 - 11:24

Se ti azzardi a toccare una risorsa ti beccano subito, non hai scampo.

Ritratto di Turzo

Turzo

Gio, 07/06/2018 - 11:29

Com'è possibile che un sindacalista della CGIL vada a rubare lamiere e per giunta in un luogo posto sotto sequestro? Come fa ad essere un immigrato irregolare ad essere sindacalista (di sinistra ovviamente)? Senza contare che il furto e la violazione di sigilli è un REATO PENALE! che fine hanno fatto i suoi complici? Mistero della Procura Rossa....

Una-mattina-mi-...

Gio, 07/06/2018 - 11:55

CHGI LA "RISORSA" SUBISCE, IN GALERA FINISCE

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 07/06/2018 - 12:13

Che venga anche chiamato sindacalista, rimane sempre un ladro in meno sulla piazza. Non sempre vicono i cattivi con la loro odiosa pretesa di essere giustificati perchè neri,poveri, in fuga dalla guerra, bla bla bla... Chi ruba si chiama solo in un modo: ladro. E questo qui oltre a non pagarci più la pensione non ruberà più nulla!

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 07/06/2018 - 12:47

Perché sindacalista? Uno che prende roba altrui è un ladro. Oppure coincidono?

Alessio2012

Gio, 07/06/2018 - 13:03

AL PAESE SUO ERA NESSUNO, QUI E' SINDACALISTA. DOMANDIAMO E DOMANDIAMOCENE IL PERCHE'!

Royfree

Gio, 07/06/2018 - 13:13

Ma..se questo tipo non fosse mai venuto in Italia? Se non avesse tentato di rubare?....Se avesse pensato che costruire una baracca è illegale?....

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 07/06/2018 - 13:24

--salvini proprio tu --che sei stato eletto senatore coi voti calabresi--e che parli di tutto e di più---sei stato assurdamente in silenzio su questa storia drammatica e di miserie---questa è l'altra faccia della migrazione--salvini tu parli di gente che viene in italia a fare la pacchia --ma vatti a fare un giro nei campi calabresi per vedere sti poveracci colorati cosa sono costretti a fare per sopravvivere da anni ed anni--fare gli schiavi nei campi per due lire sotto il controllo dei caporali ndranghetisti--questo ragazzo morto lavorava come uno schiavo ma cercava di difendere i diritti suoi e della sua gente--altruista come pochi -stava aiutando un connazionale a recuperare una lamiera per un rifugio--nulla di più--ripetiamo -in un'area sotto sequestro di una ditta in odore di mafia --altro che furto dunque--

Corsicana77

Gio, 07/06/2018 - 13:30

@Stenos: Spesso coincidono. Anzi, il sindacalista minaccia per avere i soldi, è quindi più vicino al rapinatore che al ladro

Malacappa

Gio, 07/06/2018 - 13:39

giangol mi hai tolto le parole di bocca

poli

Gio, 07/06/2018 - 14:02

se non provvede lo stato,provvedera' il POPOLO a un minimo di giustizia.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 07/06/2018 - 14:19

Basta che si adotti la stessa linea come con gli abbronzati.Fuori dopo un'ora.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Gio, 07/06/2018 - 14:28

Leggo "stava aiutando un connazionale a recuperare una lamiera per un rifugio" Vorrei solo capire se rubavano o no. Prendere, recuperare, tutti verbi poco chiari. Era proprietà privata? C'erano cancelli e recinzioni? O era tutto a disposizione di chiunque volesse prenderlo? Manca la volontà di fare chiarezza. Resta il fatto che per la legge italiana uccidere un ladro, sempre che lo sia, in flagranza di reato non è ammissibile per cui Mr. Pontoriero andrà a finire in gabbia per il tempo che sarà necessario.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 07/06/2018 - 14:34

---poli--ma di che giustizia parla?---una ditta sequestrata e requisita dallo stato per atti di mafia --coi sigilli ed in stato di abbandono---da chi deve essere controllata se non dallo stato?--il minus sparatore a che titolo lo ha fatto?--voglia di provare il pistolone su bersagli viventi?--ma lei a rosarno ci è mai stato?--questo ragazzo di colore con cultura superiore alla media si impegnava nel sindacato a tutela di quei lavoratori invisibili che ogni giorno lavorano nella Piana di Gioia Tauro-alle condizioni di vita e lavoro disumane si aggiunge anche la costante catena di violenza e abusi che questi migranti sono costretti a subire nell’indifferenza generale-ad ottobre dell’anno scorso-i caramba hanno arrestato un gruppo di ragazzi calabresi che si divertiva ad investire i migranti o a colpirli con delle mazze- come fossero dei birilli e non delle persone-vergognatevi

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 07/06/2018 - 15:17

elkid, non dica FESSERIE per cortesia, il diversamente bianco "con cultura superiore" ??? Ma de che ( dicono a Roma). TU a ROsarno ci sei stato a vedere come la MAFIA e la CAMORRA lavorano ? Tu sai cosa fanno i Moretti nei paesi vicino, sai che rubano di tutto..dalla biancheria appesa ad asciugare , entrano nelle cantine ecc.... Ma credi di essere Superiore a tutti ??? Tranquillo NON LO SEI, abbassa la cresta Faccina Gialla del c...

zetal

Gio, 07/06/2018 - 15:39

@ Elkid - A leggere i tuoi commenti è palese la tua volontà di difendere i clandestini a prescindere da quello che facciano. Non importa se rubino o uccidano o commettano crimini di ogni genere. Tu li difendi comunque. In questo caso, giustifichi il furto commesso al punto di far sembrare il ladro un buon samaritano. Per pensarla come te ci possono essere solo poche motivazioni: 1) ci guadagni 2) non ci stai con la testa.

bundos

Gio, 07/06/2018 - 16:25

sindacalista? forse per attenuante? invece è una aggravante: sindacalista (ma dubito) e LADRO.

Ritratto di LEGIONECRISTIANA

LEGIONECRISTIANA

Gio, 07/06/2018 - 17:18

La vecchia fornace è stata usata per anni come discarica di rifiuti tossici, ora è sotto sequestro del tribunale e completamente abbandonata. L'uomo che ha sparato, oltre a non poter vantare alcun diritto di proprietà sul locus commissi delicti, è anche (probabilmente) un mafioso colluso con i vecchi proprietari. Il ragazzo è stato ucciso probabilmente per motivi assai diversi da un ipotetico furto. Mi chiedo poi furto di cosa? Di materiale inutilizzabile non sorvegliato da nessuno? Qu non si tratta di difendere un bianco o un nero, si tratta di legge, di buon senso e di persone. La nostra vita può migliorare solo con un po' d'amore, non di certo con tutto l'odio, con tutto l'astio che leggo nei vostri post.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 07/06/2018 - 18:08

Un ladro che si e' beccato una fucilata. Che sia luogo sotto sequestro o no, oppure materiale sorvegliato da nessuno cambia poco, fatevene una ragione comunistioti.

Ritratto di LEGIONECRISTIANA

LEGIONECRISTIANA

Gio, 07/06/2018 - 18:16

Signor BUNDOS, delle attenuanti avrà bisogno l'assassino, non di certo la vittima. Passi una bella serata con i suoi cari.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 07/06/2018 - 19:42

"Cultura superiore"...LOL Ora le ho sentire tutte.

fifaus

Gio, 07/06/2018 - 21:53

poli: credo che lei abbia ragione, purtroppo.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 08/06/2018 - 12:02

---cape code--ha mai provato lei a fare il sindacalista ?--e contemporaneamente svolgere una attività lavorativa che potrebbe essere danneggiata dalla ricerca dei diritti?--ha mai provato a fare tutto ciò in un paese straniero?--ha mai provato a farlo vivendo in una baracca o poco più?---provi --e mi dica se non occorra una cultura superiore per fare tutto ciò---poi provi pure a scambiare qualche chiacchiera con un operaio medio italiota--veda se è in grado di capire la sua favella e se abbia senso compiuto quello che dice--tra una lingua italiana da bimbo di quinta infarcita con inflessioni dialettali--si beva un pò di acqua di po e taccia--