Vodafone: ricavi servizi +1,2%, Adsl +65%

Vodafone Italia chiude l’anno fiscale con ricavi da servizi per 8.335 milioni di euro. I ricavi totali sono arrivati a 8.647 milioni di euro. I
clienti mobili sono stabili a 29.812.000 (-0,7% rispetto al 31 marzo 2008), mentre i clienti abbonati privati
e business sono aumentati del 27%

Roma - Vodafone Italia chiude l’anno fiscale al 31 marzo 2009 con ricavi da servizi per 8.335 milioni di euro, registrando su base organica un aumento dell’1,2%. I ricavi totali sono arrivati a 8.647 milioni di euro. I clienti mobili sono stabili a 29.812.000 (-0,7% rispetto al 31 marzo 2008), mentre i clienti abbonati privati e business sono aumentati del 27%. I volumi totali di traffico voce sono aumentati del 9,7%. La forte crescita in volumi, passati da 48,7 a 53,4 miliardi di minuti, ha compensato in parte la riduzione dei prezzi spinta dalla forte competizione tra operatori e dal calo delle tariffe di terminazione. I ricavi da traffico voce si attestano quindi a 5.549 milioni di euro (-2,4%). I ricavi dati e messaggistica sono aumentati dell’11% attestandosi a 1.924 milioni di euro, con un’incidenza sui ricavi da servizi del 23% grazie soprattutto alla significativa crescita del 29% dei ricavi da servizi multimediali e da banda larga mobile. Tra i risultati dell’anno emerge il successo dei nuovi servizi di banda larga fissa Vodafone che, insieme all’offerta di Tele2, hanno permesso di arrivare a 921 mila clienti Adsl, con un aumento del 65% rispetto a marzo 2008. Nell’anno, inoltre, i clienti di rete fissa complessivi hanno superato la soglia dei due milioni attestandosi a 2.307.650. L’Ebitda si attesta a 3.784 milioni di euro, in calo del 6,4%. Su base organica ed escludendo l’effetto straordinario della revisione degli accordi per le royalties sul marchio, l’Ebitda è sostanzialmente stabile.

L’Ebitda in percentuale dei ricavi totali dell’anno (sempre escludendo l’effetto straordinario della revisione degli accordi per le royalties sul marchio) è pari al 44%. «Vodafone Italia ha investito molto sia nel miglioramento continuo dei servizi tradizionali che nei servizi a banda larga fissa e mobile - ha commentato l’amministratore delegato Paolo Bertoluzzo - e grazie a questi investimenti di sviluppo e al costante lavoro sull’efficienza siamo riusciti a far crescere i nostri ricavi e sostenere i margini. Significativa la crescita della banda larga mobile. Anche quest’anno, nonostante la delicata fase economica, abbiamo continuato ad investire al ritmo di circa un miliardo di euro l’anno in servizi e tecnologia, e i risultati raggiunti testimoniano - ha concluso Bertoluzzo - la capacità di garantire innovazione, qualità e valore per i clienti».