Web batte cellulare nel cuore degli italiani

Nel Paese in cui tutti hanno almeno un telefonino (ma moltissimi viaggiano sempre con almeno due cellulari in tasca) sorprende scoprire che la maggior parte delle persone non considera il telefonino oggetto indispensabile. Almeno, non più del web. Ma sufficientemente più dell'automobile.
Questo l'inatteso dato di fondo che emerge dal nuovo «Norton Online Living Report» (Nolr), l'indagine globale sulle abitudini online condotta dal 13 ottobre al 5 dicembre 2008 da Harris Interactive per conto di Symantec. Dodici i Paesi teatro dove è stata effettuata la ricerca.
Messa di fronte a una lista di oggetti e alla richiesta di scegliere a quale di questi non possa fare assolutamente a meno, la maggioranza degli italiani ha indicato nell'ordine internet (55%), il cellulare (54%) e la macchina (47%). L'indagine è stata condotta intervistando 6.427 adulti dai 18 anni in su e 2.614 giovani dagli 8 ai 17 anni, che si connettono per una o più ore al mese.
Sette adulti su 10 affermano che Internet ha migliorato le loro relazioni personali. E infatti gli intervistati hanno una media di circa 41 amici virtuali e il 49% ha un profilo su un social network. Sebbene la metà degli utenti sia consapevole delle attività da svolgere per una totale sicurezza in Rete, molti effettuano scansioni di virus raramente o non hanno una protezione adeguata alle minacce che provengono oggi da Internet. Circa un genitore su cinque ha poi rimproverato i propri figli per comportamenti inappropriati in Rete ma al contempo emerge nel 90% dei genitori la consapevolezza della propria responsabilità per la protezione dei figli nell'utilizzo di Internet.