Modella nuda contro l'aumento mutui e benzina in Russia

Una modella nuda per protestare contro il costo della vita in Russia, dagli aumenti del prezzo del carburante ai tassi del mutuo troppo alti: è l'iniziativa di sensibilizzazione del gruppo Golaya Pravda, la nuda verità

Una modella nuda per protestare contro i costi della vita in Russia, all'interno di una campagna di sensibilizzazione. Organizzata dal gruppo Golaya Pravda - ovvero "Naked Truth", la nuda verità - l'intento è quello di attirare le attenzioni del pubblico su temi quali l'aumento della benzina e dei mutui, dalle cifre elevate rispetto alle capacità di spesa dei cittadini russi. Protagonista degli scatti è una giovane studentessa e modella di 19 anni, Liana Klevtsova, a quanto pare già apparsa sulle copertine dei magazine di moda.

Secondo quanto riportato dal Siberian Times, gli attivisti avrebbero organizzato questa campagna di nudo per tre intenti pubblicitari, legati ad altrettante tematiche della città di Irkutsk: l'aumento dei tassi d'interesse dei mutui, i costi del carburante e le spese per il trasporto pubblico. La modella è quindi ripresa completamente senza veli nelle situazioni elencate: per strada con documenti e passaporto in bella mostra, in una stazione di servizio e su un autobus, con un conducente anch'esso nudo. Naturalmente, nonostante l'intento locale le immagini sexy hanno fatto rapidamente il giro del Pianeta, incentivate anche dalla condivisione senza sosta sui social network. In particolare, le fotografie dedicate al trasporto pubblico rappresentano un trittico. Il primo scatto, intitolato "Così è com'era", mostra la donna vestita con l'autista nudo. Il secondo, "Così è come sarà", mostra solo la ragazza senza veli. E il terzo, "Così è come dovrebbe essere", mostra modella e guidatore vestiti.

Stando alle dichiarazioni rilasciate sulla stampa russa, i costi della vita sarebbero talmente elevati tanto da non lasciare ai cittadini denaro sufficiente per l'acquisto di vestiti. «Abbiamo voluto inviare il messaggio positivo alle persone poiché nulla potrà abbatterci» - avrebbe dichiarato la giovane, così come sottolinea il Mirror - «quindi abbiamo mostrato il contrasto tra l'inverno e il corpo nudo. Le persone non sono pronte per combattere affinché i prezzi del carburante scendano. È più facile per loro comprare un'auto più piccola». In molti hanno paragonato questa iniziativa alle proteste a seno nudo delle Femen, riportate nella gallery, sebbene le modalità d'azione e di comunicazione siano decisamente differenti.