Roma
Roma, centro scommesse adibito a centrale di spaccio
A Milano la mostra "Elliott Erwitt. Family"
Cronache
80enne aggredita e rapinata da due balordi in scooter
Fermato con 1 Kg di droga su una Bmw, marocchino aggredisce poliziotti
L'addio di Trieste ai due poliziotti uccisi
Lampedusa, le immagini del barchino in fondo al mare

Cisliano, la nuova vita de La Masseria

La Masseria è un bene confiscato alla 'ndrangheta che si estende per novemila metri quadrati. Grazie al lavoro dei volontari di Caritas Ambrosiana e Libera è stato in parte ristrutturato e ospita famiglie sfrattate e in difficoltà. Il sindaco Luca Durè ci racconta che molto altro si potrebbe (e vorrebbe) fare ma è necessaria l'assegnazione definitiva all'amministrazione comunale che tarda ad arrivare.

Lungaggini, difficoltà e burocrazia sono tra le cause principali dell'abbandono di molti beni confiscati. Si pensi che nel sud - ovest milanese c'è un bene immobile confiscato alla mafia ogni mille abitanti. Di questi solo il 30 per cento sono assegnati e utilizzati. Eppure ognuno dei 150 beni assegnati e utilizzati ha creato in media 2,5 posti di lavoro.

Per accorciare i tempi ed evitare che ulteriori atti vandalici distruggessero definitivamente il bene, a fine 2014 i volontari, guidati da Don Massimo Mapelli, hanno organizzato un presidio permanente. Da quel momento è iniziata la loro avventura. A partire da fine giugno, si terranno i campi estivi di "Scegli da che parte stare": lavoro e formazione per singoli o gruppi da 14 anni in su.