Quando Padoan criticava l'Ici
La manovra acrobatica dell'ultimo volo Air Berlin
Milano, la metro viaggia con la porta della cabina conducente aperta
Ophelia, uomo rischia la vita per portare in salvo l'auto sommersa dalle onde
Raqqa, militanti Isis in fuga da ospedale provano a confondersi tra i pazienti
Ischia, la calorosa accoglienza riservata al Cav

Roma, donne in corteo contro il centro di accoglienza

Roma, via Boccea. “Nessuna sicurezza, nessuna libertà”. Dietro a questo slogan, impresso su uno striscione, decine e decine di donne marciano tra la folla. Hanno il passo sicuro di chi vuole riprendere possesso delle strade. Quelle strade che, con l’apertura dell’ennesimo centro di accoglienza e l’arrivo di altri duecentocinquanta migranti, sono diventate ancora più insicure, minacciose, proibite. Alla testa del corteo di comitati e cittadini che, sabato pomeriggio, ha attraversato il quartiere Aurelio di Roma - sfidando la pioggia battente - per dire no al nuovo centro di accoglienza, alcune donne cantano a squarciagola l’inno d’Italia. Cantano per esorcizzare la paura perché “non è facile girare di notte in questo quartiere - racconta una di loro - ti senti seguita, ti senti osservata, non si è più tanto al sicuro qui”. Apprezzamenti, sguardi insistenti, pedinamenti e inconvenienti spiacevoli: per molte residenti le difficoltà quotidiane sono diventate intollerabili.

Viaggio nel tempo

Annunci