Mondo
Kobe Bryant, l'ultimo audio: "State volando troppo bassi"
Roma
Tenta rapina in albergo, attacca carabinieri e cerca di rubare pistola: preso ghanese
Cronache
Catturato pakistano: ottiene status rifugiato in Italia ma in patria aveva ucciso la moglie
Sorprende nel sonno la compagna, la pesta a sangue e la sequestra: preso nigeriano
Ragusa: ecco come le maestre maltrattavano i bambini
Aggredisce sanitari che vogliono soccorrerlo ed agenti: fermato albanese ubriaco

Sequestro da 1,5 miliardi di euro agli eredi dell'imprenditore Carmelo Patti

La Dia di Palermo ha eseguito un decreto di sequestro e confisca, emesso dal tribunale di Trapani su proposta del Direttore nazionale della Dia, nei confronti degli eredi dell'imprenditore Carmelo Patti, originario di Castelvetrano già proprietario della ex Valtur (ora in amministrazione straordinaria), deceduto il 25 gennaio 2016. Il procedimento ha riguardato un patrimonio stimato, per ora, prudenzialmente in oltre 1,5 miliardi di euro, con degli interessi economici riferibili alla famiglia mafiosa di Castelvetrano, guidata ancora dal latitante, il numero uno di Cosa Nostra, Matteo Messina Denaro. L’attenzione si è focalizzata inizialmente sul coinvolgimento - negli anni ’90 - del Patti in un’indagine per associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale e all’evasione dell’Iva., nella quale rimasero coinvolti numerosi personaggi poi risultati vicini agli ambienti mafiosi.