Venezuela, gli ultimi istanti di Oscar Perez
Maltrattava bambini in asilo, arrestata maestra a Susa
Esplosione in Belgio, si scava tra le macerie
Anversa, esplode una palazzina
Dolores O'Riordan e il bacio lanciato ai fan nell'ultimo concerto
Dolores O'Riordan, l'ultima foto su Twitter

Vittorio Sgarbi contro la Swiss Air: "Non volerò mai più con loro"

Piccola disavventura in volo per Vittorio Sgarbi, che è andato su tutte le furie dichiarando guerra alla compagnia aerea svizzera Swiss Air. I fatti ci vengono raccontati dallo stesso critico d'arte, con un video pubblicato sul proprio profilo Facebook e che potete vedere in fondo alla pagina.

Ma cosa ha fatto scatenare l'ira di Vittorio Sgarbi? La toilette, o meglio, il trattamento che gli stewart della compagnia gli hanno riservato perché si era macchiato di aver utilizzato il bagno della prima classe, quello più vicino a lui.

Il critico d'arte, infatti, come racconta, era seduto alla quarta fila e, colto da improvviso bisogno fisiologico, scomoda i passeggeri accanto a lui e si dirige verso il bagno a lui più vicino, quello accanto alla cabina di pilotaggio.

Secondo la policy della compagnia aerea, infatti, quella toilette è riservata alla prima classe, ovvero alle prime tre file. Dalla quarta in poi, bisogna andare in fondo all'aereo.

Un ragionamento che Sgarbi ritiene assurdo e per il quale si è lamentato sul social network, oltre ad aver accusato gli stewart (definiti tangheri, ovvero persone dai modi rozzi) di essersi rivolti a lui con tono arrogante e di averlo addirittura spinto, minacciando addirittura di chiamare la polizia se lui avesse alzato la voce.

"Un risultato però l'hanno ottenuto", conclude il critico, "io non salirò mai più su un volo Swiss Air e vi consiglio di fare altrettanto", aggiungendo: "Non salite sui voli Swiss Air, rischiate di farvela addosso".

Viaggio nel tempo

Calendario eventi