Cronache
La Coca Cola lascia l'Italia per la sugar tax: "Troppe tasse"
Africano reagisce a controllo: 4 agenti per fermarlo
Roma
L'assurdo caso del "nido fantasma" di Colle del Sole
Non sopporta pianto di un bimbo, vicino di casa accoltella padre del piccolo per vendetta
Tra citofoni e cravatte il peggio della settimana
Coltello contro i carabinieri che lo controllano, pusher somalo dietro le sbarre

Terremoto al comune di Casteldaccia: arrestato il sindaco

Terremoto al Comune di Casteldaccia, in provincia di Palermo. Cinque le persone arrestate dai carabinieri: tra queste il sindaco, Giovanni Di Giacinto, il vice e un assessore. Gli indagati sono accusati a vario titolo di corruzione, abuso d'ufficio e falso materiale ideologico. I provvedimenti sono stati emessi dalla Procura di Termini Imerese, guidata da Ambrogio Cartosio. Secondo l'accusa, gli indagati avrebbero promesso lavori e appalti in cambio di assunzioni e anche di denaro. Gli arrestati sono accusati anche di abuso d'ufficio e falso materiale ideologico. Sarebbero diversi i casi di tangenti scoperti dai magistrati di Termini Imerese, che hanno portato agli arresti. Il gip, sulla base degli elementi probatori raccolti dai carabinieri della compagnia di Bagheria, ha ritenuto sussistere gravi indizi di colpevolezza a carico del sindaco Di Giacinto, del suo vice Giuseppe Montesanto e dell'assessore Maria Tomasello, per il reato di corruzione.