Videomessaggio di Bernardo Corradi per Elena Santarelli
Autoerotismo davanti a madre con neonato, molestie a un'altra donna: fermato romeno
Pontina, i numeri drammatici della strada che collega Roma a Terracina
Pontina, emergenza alle porte di Roma
Nordafricano ubriaco distrugge locale di Pontedera e torna subito libero
Perugia, Salvini scolpisce il blocco di cioccolato a Eurochocolate

De Bellis: "Ecco la ri(e)voluzione di SkyTg24"

Approfondimenti, dalla mattina alla sera. Visione multipiattaforma, forte concentrazione sui social e grande attenzione all’estero.

Sono questi i punti fondamentali della nuova versione di Sky TG24 che ha messo a punto il neo direttore Giuseppe De Bellis, ex condirettore del nostro Giornale, che prenderà via lunedì. “Il cuore del nostro mestiere è e resterà la notizia, ma nel flusso di informazione continuo e incessante, il nostro compito è decrittare la realtà, farla comprendere agli spettatori e proporre inchieste e spunto di riflessione”.

Per questo, oltre al “rullo” di news sempre aggiornate, da lunedì ci saranno molti e nuovi spazi di approfondimento. Da “Buongiorno” che apre la giornata a “Skyline” che la chiude. De Bellis ci racconta in questa intervista il suo nuovo tg.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 20/09/2019 - 16:53

Mala tempora currunt. Non vi é più la capacità, ma soprattutto la volontà, di frenare il rilancio dell'invasione afro islamica, che vede in mare natanti tedeschi ed olandesi, che lavorano per l'invasione, verosimilmente pagati da paesi islamici dell'Africa ricca. Tutto ciò grazie a Conte, ai comunisti al potere ed al crollo politico-morale di M5S. Ciò è stato favorito anche dalla decisione "quirinalizia", certamente legittima, ma inopportuna, di non tenere conto della volontà del Popolo Italiano, che nelle recenti elezioni "europee" aveva mostrato interesse politico e nazionale ad un'Italia per centro-destra, ergo contro la riapertura di porti e spiagge allo sbarco di una marea di persone di formazione morale, religiosa e politica in contrasto con la cultura della maggioranza degli Italiani.