Toro-Juve, Allegri: “Partita sentita da società e tifosi ma deve restare bella partita di calcio”
Toro-Juve, Allegri: “Mazzarri sta facendo bene al Toro”
Cantone all’INPS: “Giudizio positivo su Boeri, ha rimesso in moto una macchina poco efficiente”
Il concerto di Natale in aula a Montecitorio, Fico assiste tra i banchi dei deputati
Meloni: “Sovranismo si pone il problema del futuro delle prossime generazioni”
Manovra, Conte: “Il saldo è stabilito, non ci sono altri margini”

Sisma, delegazione Fdi a casa di Nonna Peppina: "Dopo terremoto costretta a vivere in una roulotte"

Una delegazione di deputati-sindaci di Fratelli d'Italia guidata da Paolo Trancassini, sindaco di Leonessa e Francesco Acquaroli, già sindaco di Potenza Picena, si è recata nelle Marche per visitare i comuni del cratere a due anni di distanza dal sisma che ha colpito il centro Italia. "Vogliamo rivolgere un appello a deputati e senatori che provengono dalle zone colpite dal sisma per fare squadra dal punto di vista parlamentare. Occorre anzitutto riaprire il decreto, perchè tutti sappiamo che la ricostruzione non c'è e che c'è bisogno di emendare il decreto anche con norme che non prevedano un aumento di spesa: questo è importante soprattutto per velocizzare la ricostruzione privata, elemento che potrà fare la differenza. Come Fdi abbiamo presentato una serie di emendamenti, ma come abbiamo visto in Commissione, Lega e M5s hanno blindato il decreto. Se il decreto non verrà riaperto, si perderà l'occasione di dare risposte immediate: dall'attuale governo attendiamo un segnale forte in questo senso". Nel corso del tour la delegazione ha incontrato una folta rappresentanza di amministratori dei centri compresi nel cratere del sisma. Il momento culminante è stato il sopralluogo a Fiastra con la visita per constatare lo stato dei lavori di ricotruzione della casa di Nonna Peppina, la signora che ha visto i sigilli posti sull'abitazione sorta a poca distanza da quella distrutta dal sisma dell'ottobre 2016. "Nella vicenda che ha coinvolto nonna Peppina colpisce la velocità e l'esagerazione della risposta dello Stato a quello che è stato un atto emergenziale. Invece di andare a rimuovere le macerie dalla zona rossa, si è preferito fare 50 metri in più e andare a mettere sotto sequestro la sua nuova casa, quella che le serviva a mantenere forti le radici con questa terra. Un segnale totalmente sbagliato da parte dello Stato che testimonia la sua presenza colpendo chi prova a ricominciare da zero, voltandogli le spalle nel modo peggiore". Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Commenti

leopard73

Sab, 14/07/2018 - 18:30

Viva la grande imbecillità POLITICA un merito da 10&LODE PRENDERSELA con una 95enne.. bravi.....

buri

Sab, 14/07/2018 - 22:10

il trattamento riservato alla Signora peppina dalla burocrazia è semplicemente vergognoso, spero che presto le sia reso giustizia