Coronavirus, ecco il piano per liberare posti letto in Lombardia

L’emergenza sanitaria causata dal coronavirus rischia di far collassare il sistema sanitario nazionale. La delibera della regione su dimissioni (lampo) e case di riposo riorganizzate

Dimissioni lampo e riorganizzazione delle case di riposo. È quanto prevede una delibera d’urgenza varata dalla regione Lombardia per fronteggiare l’emergenza sanitaria provocata dall’epidemia di coronavirus. Il sistema sanitario regionale (e nazionale) rischia di collassare qualora il numero dei contagi non dovesse diminuire con lo trascorrere dei giorni. In poche parole, gli ospedali lombardi e italiani stanno tenendo ritmi altissimi per curare gli infettati dal Covid-19, oltre che tutti gli altri pazienti.

Uno scenario da incubo che negli scorsi giorni ha suggerito al governo giallorosso, su consiglio della commissione di esperti che lo sta affiancando in questa emergenza nazionale, di cambiare decisamente rotta e di prendere provvedimenti realmente stringenti per mettere in guardia la popolazione.

La Lombardia ha messo a punto un piano per liberare più posti letto possibili nei propri nosocomi, soprattutto quelli nei reparti di terapia intensiva. Come spiega il Corriere della Sera, la misura d’urgenza adottata da Attilio Fontana e dalla sua giunta, non prevede solamente dimissioni lampo per i casi stabili che si sono rimessi dal coronavirus, ma anche una riorganizzazione degli ospizi: in sostanza, le case di riposo verranno riconvertite in parte per ospitare i contagiati da Covid-19 che sono in fase di recupero.

Nella delibera si legge: "A fronte della necessità di liberare rapidamente posti letto di terapia intensiva, sub intensiva e in regime di ricovero ordinario degli ospedali per acuti, occorre mettere a disposizione del sistema regionale i posti letto delle ìcure extra ospedaliereì (sub-acuti, post-acuti, riabilitazione specialistica sanitaria in particolare pneumologica, cure intermedie intensive, posti letto nelle residenze sanitarie per anziani)".

Insomma, chi è in fase di convalescenza sarà trasferito in strutture di riabilitazione pneumologica oppure in strutture sociosanitarie. Idem, scrive sempre il Corsera, per chi non è stato ancora colpito dal coronavirus, ma è in ospedale perché a soffre di patologie respiratorie, cardio-respiratorie, neurologiche o neuromuscolari.

La priorità è una e una solo: liberare posti letto in ospedale, per fare così posto ai casi più gravi. E per evitare che gli ospedali vadano in tilt, mandando al collasso il sistema sanitario nazionale. In questo senso le parole di Giulio Gallera, assessore al Welfare di regione Lombardia, sono quanto mai chiare: "I posti delle terapie intensive e degli ospedali per acuti vanno liberati velocemente per fare posto ad altri malati".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

adal46

Lun, 09/03/2020 - 12:15

Portare gli intubati in Lazio

AlvinS83

Lun, 09/03/2020 - 12:23

Grande Fontana!

sbrigati

Lun, 09/03/2020 - 12:41

Liberare posti letto in ospedale, facile a dirsi un poco più complicato da farsi. In ospedale di solito non ci si va a passare le vacanze.

Risen

Lun, 09/03/2020 - 13:10

La mancanza di posti letto e dovuta alla privatizzazione della sanità voluta dalla lega che quindi dovrà essere ritenuta responsabile del decesso di ogni singola persona che si sarebbe potuta salvare

Ritratto di bimbo

bimbo

Lun, 09/03/2020 - 14:19

Dovrebbero mettere dei letti a castello..