"Mio padre mi ha puntato un ​fucile contro perché son gay"

Un padre 75enne ha puntato il fucile contro il figlio dopo aver scoperto la sua omosessualità. L'anziano è stato condannato per stalking e lesioni aggravate

Non sopporta che il figlio, chirurgo di conclamata fama del Torinese, sia omosessuale. Così, un giorno, decide di assoldare un sicario affinché gli trinci le dita delle mani. Duemilacinquento euro la cifra pattuita dal 75enne, padre del medico, col malvivente per dare seguito alla fantasia criminale. Fatto sta che il bandito, dopo aver contratto l'affare, rinuncia alla lauta ricompensa avvertendo la vittima delle malevoli intenzioni paterne. "Non è demente, ma cosciente e ha fatto cose mirate. Mi ha discriminato" racconta oggi il professionista 43enne in una intervista al Corriere della Sera.

Tutto ha inizio nell'aprile del 2017. ll chirurgo viene paparazzato al mare, presso una località turistica della Costa Azzurra, in tenere effusioni con un noto attore straniero. Il medico ha già rivelato la sua omosessualità alla famiglia e, sebbene l'outing non sia stato accolto di buon grado dal padre, nulla lascia presagire quanto sarebbe accaduto da lì a breve. "L'incubo è iniziato con una lite per la casa al mare, in Costa Azzurra, che tra l’altro è mia, - spiega il 43enne - dove avevo invitato un famoso attore, di fama internazionale, che fu poi paparazzato sul mio terrazzo. La foto uscì su una rivista. La cosa incredibile era che mio papà lo conosceva, ed eravamo anche andati a vederlo, a teatro".

Su tutte le furie per la pubblicazione della foto "pietra dello scandalo", l'anziano comincia a fargli la guerra. "Cambiò le serrature di casa, e iniziò la guerra. All’inizio - continua il chirurgo - era rimasto un po’ interdetto e infastidito, con le solite frasi, tipo “speravamo in un nipotino”, ma poi non aveva detto più nulla. Pensavo avesse elaborato il suo lutto, diciamo. Quando mia madre ha chiesto la separazione, una decisione che nasce anche per i comportanti di mio papà nei miei confronti, lui è esploso, diventando violento".

Il 75enne dà seguito ad una vera e propria attività di stalking fino a quando, un giorno, sorprende con un fucile il figlio e la moglie nel corridoio di casa. "Mi stalkerizzava. Un giorno ce lo siamo ritrovati in corridoio, con pistole e fucile: iniziammo con le denunce, tante che con i carabinieri di Orbassano quasi eravamo diventati parenti. Andava a parlare della mia relazione con i parenti. Mentre il suo migliore amico, al mare, gli faceva osservazioni perché io andavo là, in spiaggia, con il mio compagno". Accecato dall'ira, l'anziano arriva al punto di denunciarlo per una millantata aggressione. "Una volta mi denunciò, fingendo che gli avessi dato un pugno. - racconta il medico - Nel 2017: due anni di processo, ma fui assolto perché il fatto non sussiste".

Dopo circa due anni e mezzo di indagini, un processo, l'anziano è stato condannato a due anni di carcere per stalking e lesioni aggravate. "Non credo molto nell’umanità delle persone, e alla fine non c’è da sorprendersi: anche se ha studiato, probabilmente a lui mancava una parte di cultura, l’essere di larghe vedute. - conclude il chirurgo - Cercavo di mettermi nei panni di una persona di 70 anni, per la quale i gay sono quelli del Gay pride che vedi in tv: sia chiaro, nulla di male, ma è difficile abbinare quell’immagine a un figlio". Da circa un anno, i rapporti tra i due si sono definitivamente incrinati: "Ci parliamo solo tramite avvocati, perché continua a farmi causa e dispetti. L’ultima volta che lo sentii, lo pregai di lasciarci in pace, perché mamma stava già molto male. E lui mi disse: 'spero che moriate entrambi'".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Savoiardo

Gio, 17/12/2020 - 12:27

Ognuno puo' fare cio' che vuole,ma con discrezione e non puo' che altri condividano i suoi comportamenti.

lorenzovan

Gio, 17/12/2020 - 13:22

savoiardo..cioe' e' colpa del figlio se il padre e' fuori di testa e omofobo criminale ''?..siamo al classico livello del " se l'e' cercata"... tu sei uno dei tanti motivi per i quali sono emigrato via dal mio paese nel 65 e non ci sono piu' tornato che per qualche visita ai parenti ..di pochi giorni

ulio1974

Gio, 17/12/2020 - 14:31

...per rendere il tutto più piccante, se fossi stato l'articolista, avrei dato chiari indizi per far capire chi è il "famoso attore id fama internazionale", senza farne il nome ovviamente...

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 17/12/2020 - 14:59

@Savoiardo... svegliatiii! Il Medioevo è finitoooo!

Carlopi

Gio, 17/12/2020 - 15:18

Savoiardo, gli altri non devono condividere proprio un bel niente. Non sono affari loro. Gli "altri" , i comportamenti dei quali non saranno certo tutti encomiabili, devono solo farsi gli affari propri.

Savoiardo

Gio, 17/12/2020 - 16:20

Gentili Signori.Quanta ignoranza ( nel senso di non conoscenza delle evidenze mediche e scientifiche e sopratutto della natura umana ).Le ideologie mettono in sonno ragione, affetti,educazione.Il caso e'tragedia per il figlio e per il padre.

martinsvensk

Gio, 17/12/2020 - 17:39

Per quale motivo questa vicenda debba essere una tragedia per il figlio proprio non lo capisco o meglio lo capisco solo perché è una vera tragedia per lui avere un padre così che non accetta che il giovane possa amare una persona del suo stesso sesso arrivando ad avere comportamenti che definire aberranti è poco.