"Fino a 21 milioni di euro...". Il maxi bonus al ceo di Astrazeneca

L'assemblea degli azionisti ha approvato di misura le nuove politiche remunerative. Proteste da alcuni azionisti

"Fino a 21 milioni di euro...". Il maxi bonus al ceo di Astrazeneca

Una cifra stellare, pari a 18 milioni di sterline, quasi 21 milioni di euro. È questo il nuovo stipendio del 2021 per Pascal Soriot, l'amministrazione delegato della multinazionale biofarmaceutica Astrazeneca, celebre per la produzione dell'omonimo vaccino contro il Covid-19.

L'assemblea degli azionisti, infatti, ha approvato di misura le politiche di remunerazione dei vertici dopo che i proxy advisor avevano messo nel mirino lo stipendio del Ceo Soriot, chiedendo ai soci di votare contro. Nonostante questo, però, il 60,19% dei voti sono stati per il "sì", dando il via libera alle nuove politiche di remunerazione. In questo modo, il bonus annuo massimo di Soriot nel 2021 verrà portato a 2,5 volte il salario di base, contro le 2 volte previste come tetto massimo dalla precedente politica, permettendogli anche di assegnare premi azionari a lungo termine per un valore fino a 6,5 volte il suo salario (in base alle norme precedenti era 5,5 volte). In sostanza, la cifra del ceo è da capogiro, come sottolinea il Corriere della Sera, che tima il suo stipendio sui 18 milioni di sterline (cioè quasi 21 milioni di euro). Il che porterebbe Soriot a un guadagno totale di 100 milioni di sterline dal 2012, anno in cui ha assunto la carica. Astrazeneca difende lo stipendio da capogiro del Ceo ricordando, come precisa il Corriere, di non aver chiesto sovvenzioni al governo per la ricerca e di "essere stato un attore leader a livello mondiale nella risposta alla pandemia". L'azienda, infatti, è diventata celebre per la scoperta e la produzione di uno dei sieri anti-Covid.

Nonostante l'approvazione dell'assemblea, però, una "proporzione significativa" di azionisti si è ribellata, stando a quanto dichiarato dalla stessa Astrazeneca. A protestare contro la cifra di Soriot sono stati gli investitori che possiedono il 39,8% delle azioni: si tratta di alcuni gruppi consultivi di azionisti e gestori di fondi, tra cui compaiono anche Aviva Investors e Standard Life Aberdeen.

Contro Astrazeneca, inoltre, pende un'azione legale da parte dell'Unione Europea, riguardo le forniture di vaccini. Proteste da parte di manifestanti anche per chiedere il vaccino gratis. Nonostante questo, però, il bonus azionario di Soriot salirà dal 500% dello stipensio base al 650%. Il bonus annuale massimo, invece salirebbe dal 200 al 250%.

Commenti

Grazie per il tuo commento