350 all’ora verso le Olimpiadi invernali: inaugurata la Beijing-Zhangjiakou

Inaugurata la Beijing-Zhangjiakou. È la linea collegamento tra due città sedi olimpiche nel 2022 e un simbolo dell’alta velocità ferroviaria in Cina

Beijing-Zhangjiakou, la linea ferroviaria ad alta velocità con la sua tratta aggiuntiva fino a Chongli, è divenuta ufficialmente operativa il 30 dicembre dello scorso anno. La sua apertura è il simbolo dei progressi nella costruzione delle strutture di supporto alle Olimpiadi invernali 2022. Con il compito di garantire i trasporti per l’evento, essa favorisce lo sviluppo integrato dell’area Beijing-Tianjin Hebei e perfeziona la già ampia rete ferroviaria ad alta velocità cinese.

Cent’anni, dalla vecchia ferrovia al futuro

Nell’agosto del 1909, dopo 4 anni di duro lavoro, la squadra guidata da Zhan Tianyou, il “padre della ferrovia cinese”, portò a termine la costruzione della linea Beijing-Zhangjiakou, la prima progettata e costruita autonomamente dai cinesi. La sua costruzione permise di interrompere il monopolio occidentale inaugurando una nuova epoca per le ferrovie cinesi. Dopo 110 anni, la ferrovia ad alta velocità Beijing-Zhangjiakou è diventata ufficialmente operativa e i tempi di percorrenza tra le due città passano da 3 ore e 7 minuti a soli 56 minuti. Costruita autonomamente, non necessita di alcuna riparazione, è del livello tecnicamente più avanzato al mondo e permette una velocità di viaggio tra i 35 e i 350 chilometri orari: questa linea esprime lo sviluppo delle ferrovie cinesi tanto quanto tutti i grandi progressi raggiunti con tenacia dalla Cina.

L’Alta velocità intelligente

La Beijing-Zhangjiakou non è solo un servizio erogato per le Olimpiadi Invernali 2020 di Beijing, è un modello cinese di ferrovia ad alta velocità smart, e inaugura una nuova era di ferrovie intelligenti nel mondo grazie all’integrazione tra costruzione, installazioni e operatività intelligenti, alla più alta velocità ferroviaria al mondo - 350 chilometri orari - e alla capacità di viaggiare ad alta velocità anche in presenza di condizioni metereologiche estremamente avverse (temperature bassissime e tempeste di sabbia). Questo sistema ferroviario gestisce in autonomia una serie di funzioni quali partenza, sosta e apertura delle porte. Per i passeggeri i servizi intelligenti includono gli e-tickets, l’accesso con la scansione del volto, il Wireless charging per i cellulari e un design con forme umanizzate per il deposito dell’attrezzatura sciistica per le Olimpiadi invernali.

La linea Beijing Zhangjiakou ha richiesto soluzione eccezionali anche durante il percorso costruttivo: lungo l’itinerario, tra le varie stazioni, c’è quella della Grande Muraglia di Badaling. Si tratta della stazione sotterranea più profonda della Cina i cui binari sono stati posizionati ad una profondità di 102 metri. La stazione di Taizicheng, ultima fermata sulla linea olimpica, è la prima tra le stazioni di ferrovie ad alta velocità di tutto il mondo e dista meno di 10 minuti dagli stadi e dal villaggio olimpico. La costruzione della Beijing-Zhangjiakou è durata 4 anni, al termine è stata arricchita da una serie di ulteriori equippaggiamenti smart, tanto che oggi si afferma che la sua inaugurazione e la sua attività abbiano permesso lo sviluppo intelligente delle ferrovie ad alta velocità, e per questo la Beijing-Zhangjiakou viene definita come la versione 1.0. Da quel momento, le ferrovie ad alta velocità della Cina non hanno mai cessato di realizzare costanti upgrade verso soluzioni sempre più smart e high-tech.

Otto ferrovie verticali e otto orizzontali

La Beijing-Zhangjiakou unisce non soltanto due città coinvolte nelle Olimpiadi invernali ma la sua linea aggiuntiva connette anche le tre aree delle piste da sci - Beijing, Yanqing e Zhangjiakou - garantendo i servizi di collegamento da e per l’evento. In futuro, il tour sciistico da Beijing a Chongli permetterà l’ulteriore sviluppo del turismo invernale della provincia dello Hebei. La Beijing-Zhangjiakou attraversa lo Hebei settentrionale, l’importante area integrata con Beijing-Tianjin-Hebei, parte importante del “Corridoio Beijing-Lanzhou”, del “Corridoio Beijing- Kunming” e della “rete delle 8 ferrovie verticali e 8 orizzontali”. La sua inaugurazione ha effetti su vasta scala, riduce i tempi di viaggio, promuove gli scambi people to people e favorisce lo sviluppo integrato tra le aree occidentali della Cina e quelle del Beijing- Tianjin-Hebei.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Mer, 15/04/2020 - 16:04

Degno di nota anche che i cinesi stanno fornendo mezzo mondo di materiale rotabile