Orso sbrana il suo domatore: con la mascherina non l’ha riconosciuto

Tragedia a Mosca, dove l’animale, pensando di essere in pericolo, ha ucciso il 28enne circense

Orso sbrana il suo domatore: con la mascherina non l’ha riconosciuto

Tragedia al Great Moscow State Circus dove un domatore di 28 anni, Valentin Bulich, è stato assalito e sbranato da un orso del circo di Mosca.

Mascherina fatale per il domatore

Secondo quanto ricostruito e raccontato dagli amministratori dello spettacolo, Valentin si sarebbe dimenticato di togliere la mascherina anti-coronavirus prima di entrare all’interno della gabbia dove si trovava l’animale. Questa dimenticanza gli è stata fatale. L’orso non avrebbe riconosciuto il suo domatore di fiducia e, credendosi minacciato e in pericolo dall’estraneo che stava invadendo il suo territorio, si è difeso attaccando l’uomo. Yasha, questo il nome dell’orso che da diverso tempo si esibisce negli spettacoli del circo, avrebbe aggredito il 28enne in modo particolarmente violento, tanto da strappargli il cuoio capelluto. Gli altri lavoranti del circo hanno avuto molta difficoltà a estrarre Il ragazzo dalla gabbia . È stato trasportato in codice rosso in ospedale ma, una volta arrivato nella struttura ospedaliera, i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Aggredito dall'orso mentre puliva la gabbia

Il Greta Moscow State Circus ha spiegato che Valentin "era entrato nella gabbia per una pulizia di routine. Aveva chiuso a chiave la porta dall’interno come faceva sempre per impedire all’orso di scappare. L’unico errore è stato quello di non togliersi la mascherina”. Accedere alla gabbia è una violazione delle norme di sicurezza, ma anche una delle regole del circo, i domatori puliscono le gabbie dei loro animali. Tatyana Zapashnaya, una dirigente del circo, ha ammesso che questo è un momento molto difficile per tutti loro e che tutto è avvenuto rapidamente e in modo inaspettato. Adesso dovranno cercare di affrontare e superare il dolore per la loro perdita. Yasha è un orso che spesso si avvicina alle persone incuriosito ed è conosciuto per le sue acrobazie anche fuori dallo spettacolo. Non ha mai mostrato una indole violenta, probabilmente si è molto spaventato e istintivamente ha cercato di difendersi.

A luglio dello scorso anno, uno dei più riconosciuti domatori italiani, il 61enne Ettore Weber del Circo Orfei, era stato aggredito e ucciso da 4 tigri durante le prove serali dello spettacolo a Triggiano, nella provincia barese. Il dramma era avvenuto davanti agli occhi della moglie Loredana. Stava addestrando i felini, quando improvvisamente uno di loro lo aveva assalito e subito dopo anche gli altri lo avevano aggredito. Weber era stato immediatamente soccorso dal personale presente ma era comunque morto a causa delle gravi ferite riportate.

Commenti