Dal cardinale McCarrick (colpevole di abusi) donazioni a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI

Soldi alla Curia Vaticana dal porporato statunitense. Per coprire le accuse?

Dal cardinale McCarrick (colpevole di abusi) donazioni a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI

Avrebbe finanziato Giovanni Paolo II e poi Benedetto XVI per coprire gli abusi sessuali di cui veniva accusato. L'ex cardinale statunitense, Theodore McCarrick, primo porporato della storia dimesso dallo stato clericale perché riconosciuto colpevole di abusi sessuali contro minori e adulti, avrebbe versato centinaia di migliaia di dollari a importanti ecclesiastici, tra i quali anche consiglieri papali e due pontefici, nel corso di quasi vent'anni. A riferirlo è stato il Washington Post, che ha pubblicato i dati finanziari. Donazioni registrate proprio negli anni durante i quali le autorità della chiesa cattolica avrebbero ignorato le accuse di molestie sessuali rivolte a McCarrick.

Secondo il quotidiano americano, l'allora cardinale avrebbe inviato assegni per un totale di 600.000 dollari a ecclesiastici in Vaticano e altrove; molti degli oltre 100 destinatari degli assegni sarebbero stati direttamente coinvolti nella valutazione delle accuse contro McCarrick, secondo documenti e interviste citati dal Washington Post.

McCarrick avrebbe inviato 90mila dollari a Giovanni Paolo II dal 2001 al 2005; Papa Ratzinger avrebbe invece ricevuto 291.000 dollari, di cui 250.000 dollari con un unico assegno nel maggio 2005, appena un mese dopo la sua elezione al soglio pontificio. L'ex porporato americano, 89 anni, avrebbe attinto da un conto corrente dell'arcidiocesi di Washington - l'Archbishop's Special Fund - dove McCarrick è stato cardinale dal 2001 e dove raccoglieva i fondi ottenuti da ricchi donatori cattolici. Di questo fondo speciale, il porporato disponeva senza dover sottostare a particolari controlli, secondo le testimonianze raccolte dal quotidiano statunitense.

Il portavoce vaticano non ha commentato, mentre un ex segretario personale di Giovanni Paolo II scrive il Washington Post - ha riferito che le donazioni a Papa Wojtyla furono trasferite al Segretario di Stato vaticano. A quei tempi si trattava del cardinale Angelo Sodano, che ha lasciato il ruolo da decano del collegio cardinalizio il 21 dicembre scorso. Secondo i dati del quotidiano statunitense, avrebbe ricevuto 19 mila dollari tra il 2002 e il 2016. Il suo successore, Tarcisio Bertone, avrebbe ottenuto 7.000 dollari in totale dal 2007 fino al 2012.

Tra i porporati citati dal Washington Post c'è anche il cardinale Leonardo Sandri, sostituto alla Segreteria di Stato tra il 2000 e il 2007. Un suo portavoce ha osservato: le donazioni «non hanno mai influenzato le decisioni del cardinale come funzionario della Santa Sede». Anche lui, tuttavia, secondo i dati in possesso del Washington Post, avrebbe ricevuto 6.500 dollari da McCarrick. Un nuovo scandalo che si trova ad affrontare Papa Francesco.

Commenti

Grazie per il tuo commento