Azzurre, debutto da incubo: la Francia segna 5 reti

Iniziano male gli Europei per le ragazze di Milena Bertolini. Le transalpine chiudono la pratica in 45', Italia dominata e unico gol di Piemonte nel finale

Azzurre, debutto da incubo: la Francia segna 5 reti

Il debutto delle azzurre all'Europeo femminile è da incubo. La sconfitta con la Francia era da mettere in conto, considerando il valore dell'avversario. Quello che non ci aspettava era il pesante punteggio con il quale le azzurre sono uscite dal campo. Il 5-1 finale al New York Stadium di Rotherham matura tutto nel primo tempo, nel quale le transalpine trovano la tripletta della congolese naturalizzata del Psg Geyoro e le reti di Katoto e Cascarino, colpiscono un palo e trovano la prodezza del nostro portiere Giuliani. Una gara a senso unico se si eccettua quell'occasione capitata sui piedi di Bonansea dopo nemmeno quattro giri di lancette e sventata da di piede da Peyraud-Magnin, oltre al gol di Piemonte, entrata da nemmeno due minuti, che attenua nel finale il passivo.

Impressionante il modo in cui le francesi del contestato ct Corinne Diacre occupino il terreno di gioco e vadano a raddoppiare ogni volta che perdono palla. E quando i talenti transalpini salgono in cattedra sono dolori: Diani semina il panico sulla fascia destra e lo stesso fa Karchaoui su quella opposta. In più la difesa italiana è sempre in apprensione davanti al temibile tridente delle Bleus e commette errori in serie sui gol. Ci sarà un motivo se la Francia è alla 17ª vittoria di fila e negli ultimi tre anni, dal Mondiale in poi, ha subito una sola sconfitta in amichevole contro le iridate degli Stati Uniti (aprile 2021) . La nostra ct Milena Bertolini, che aveva dovuto rinunciare a Cernoia colpita dal Covid, non trova le contromisure, fa qualche cambio nella ripresa quando le francesi tolgono il piede dall'acceleratore e prova anche a variare il modulo. La rete di Piemonte premia comunque l'orgoglio delle azzurre, più vivaci nella ripresa. E per fortuna il Var sana l'errore dell'arbitro Welch che aveva espulso frettolosamente capitan Sara Gama.

Giovedì seconda gara con l'Islanda che nella gara di esordio contro il Belgio ha pareggiato 1-1: in gol per le nordiche al 5' della ripresa Thorvaldsdottir che nel primo tempo aveva fallito un rigore, risposta belga dal dischetto al 22' di Vanhaevermaet. Intanto continua la battaglia delle calciatrici dell'Inghilterra contro i pantaloncini bianchi che nel periodo del ciclo mestruale possono rappresentare un problema. Ne aveva parlato l'attaccante Beth Mead, la Federcalcio d'oltremanica ha risposto: «Lavoreremo con lo sponsor per andare incontro alle calciatrici».

Commenti