Tonali vede rossonero, l'Inter si consola con Vidal

Il talento del Brescia vicino al Milan, a un passo anche da Bakayoko e Diaz. Conte vuole Kanté

Pare proprio che il sorpasso ci sia stato. Anche perché l'Inter ha rallentato, quasi accostando. E allora il Milan non si è fatto pregare, prima informandosi e poi affondando il colpo per arrivare a Tonali. Gioiellino del Brescia e della nazionale, inseguito tempo fa anche dalla Juventus e da alcune big straniere: classe 2000, l'etichetta di nuovo Pirlo che faticherà a togliersi di dosso, potrebbe insomma davvero diventare un giocatore del Diavolo. Maldini ha fatto sul serio, Cellino ha apprezzato e l'accordo potrebbe farsi sulle basi di un prestito parecchio oneroso (10 milioni), un riscatto fissato a 25 e ad almeno un paio di milioni di bonus: al Brescia andrebbe anche il 15% su una futura ed eventuale rivendita. Pioli farebbe i salti di gioia e nel frattempo riaccoglierebbe anche Bakayoko, di ritorno dal Chelsea con la formula del prestito più diritto di riscatto fissato a 30 milioni: ne uscirebbe un reparto rinforzato e di prospettiva, tenuto conte dei 26 anni del francese, dei 23 di Kessié e dei 22 di Bennacer. Rossoneri potenzialmente scatenati, ecco, perché ha anche imboccato il rettilineo finale la trattativa che porterà a Milano il 21enne Brahim Diaz, trequartista di scuola Real Madrid: da capire però ancora la formula, perché il Milan vorrebbe evitare il prestito secco.

Sorpassata su Tonali, l'Inter si accontenterebbe di due veterani e forse tre: salutato Borja Valero (che potrebbe tornare alla Fiorentina, oppure accettare la corte di una tra Genoa e Parma), i nerazzurri chiuderanno per Vidal (prossimo allo svincolo dal Barcellona) e Kolarov, che lascerebbe la Roma dietro il pagamento di 1,5 milioni più il giovane Vergani. Il terzo, che Conte ha espressamente chiesto, sarebbe N'Golo Kanté, cui però il Chelsea non rinuncerà se non dietro il pagamento di 50 milioni: difficile, ecco. Marotta e Ausilio nel frattempo sfogliano la margherita Skriniar, finito ai margini delle rotazioni come dimostrano le cinque le panchine nelle ultime sei gare disputate in stagione dall'Inter: svenderlo no, piazzarlo bene magari sì. Il Psg è interessato e non è detto che il discorso non si approfondisca: a Conte ma anche alla Juve - piace Paredes (al cui cartellino andrebbe aggiunto un conguaglio di una ventina di milioni), già visto in Italia con Empoli e Roma. In uscita ci può essere anche Candreva, che piace al Napoli.

I prossimi giorni saranno decisivi anche per il valzer dei centravanti: Dzeko alla Juve (dove tornerebbe Kean, dall'Everton) e Milik alla Roma restano gli affari più vicini alla conclusione, pur se De Laurentiis ha alzato la posta (12 milioni), cedendo nel frattempo Allan all'Everton (25 più bonus). L'Atalanta, di suo, ha chiuso con la Lokomotiv Mosca per Aleksej Miranchuk, centrocampista russo classe 1995.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

sbrigati

Dom, 30/08/2020 - 17:44

Per costruire una squadra per il futuro è logico affidarsi ai "vecchietti" invece di puntare sui giovani. Il signor Zang potrà anche vincere qualcosa subito, ma sarà un fuoco di paglia.