A Pesaro una «Gazzetta» da ricordare

commenti

07:0013 Ago
da Pesaro Alla fine della Gazzetta di Rossini, siamo usciti dall'omonimo Teatro di Pesaro nello stesso spirito del coro finale. «Ci vogliamo in ogni giorno la gazzetta rammentar». Sì, quest'edizione di un'opera poco nota di Rossini la vogliamo proprio ricordare, per l'accordo perfetto fra la...

commenti
07:0012 Ago

Applaudita «La gazza ladra» di Michieletto

da Pesaro Il maestro Alberto Zedda ha avviato, con la curatela dell'edizione critica nel 1973, la doverosa rivalutazione de La gazza ladra (1817), capolavoro «semiserio», in cui Rossini compendia dramma e commedia, sul modello imprendibile del «giocoso» assoluto, il Don Giovanni di Mozart. Zedda...

commenti
07:0010 Lug

Il ragionevole ritorno alla Scala dell'«Otello» di Rossini

Siamo sempre inclini a interpretare articoli e reazioni nel dovuto rispetto per le opinioni altrui. Quando si leggono in quotidiani di grande tiratura e vaste pretese moralizzatrici - è il caso di Repubblica e di Natalia Aspesi, regina madre delle cosiddette giornaliste di «costume» -...

commenti
07:0106 Maggio

Le acrobazie pianistiche del fenomeno Lang Lang e un Mozart «ridolinizzato»

diS vanito il rumore delle manifestazioni anti Expo e non metabolizzato l'ignobile, a dir poco, spettacolo delle devastazioni della zona Magenta di Milano, secondo il prevedibile rituale degli addetti alla contestazione - coloro che seguono l'illuminato precetto: «Sfonda la città vetrina» -...

commenti
08:5301 Maggio

"Turandot" con brivido
Il raro finale di Berio
ne decreterà il successo

Chailly oggi dirige l'opera di Puccini nella versione ultimata dal compositore contemporaneo. Un rischio calcolato...

commenti
07:0002 Feb

Morto Ciccolini, il perfezionista del pianoforte

«La musica è come l'ossigeno». Parola del gran decano del pianoforte Aldo Ciccolini, morto, come dicono con eleganza nella patria d'adozione, la Francia, alle soglie dei quattro volte venti più dieci (era nato a Napoli sotto la costellazione del leone, il 15 agosto del 1925). Del talento del...

commenti
10:4607 Dic

Il "Fidelio" che oscilla
tra Ragione e Male
è un inno alla speranza

L'immersione negli inferi del carcere si risolve alla fine nel trionfo della libertà. Così il genio di Beethoven ci regala il suo attestato di fiducia nell'umanità

commenti
09:0703 Dic

10 anni di tentativi,
quattro ouverture
e poi "Fidelio"

Nell'unica opera teatrale di Beethoven l'eroe è il simbolo di speranza nella Giustizia. L'azzardo del maestro Daniel Barenboim aprirà domenica la stagione della Scala

commenti
11 
12:5524 Nov

"La mia Italia ostaggio
di scioperi e incapacità"

Riccardo Muti, corteggiato dai più grandi teatri del mondo, confessa: "Voglio lavorare qui ma senza più titoli stabili"

commenti
07:0022 Set

Una protesta contro i privilegi

Le notizie peggiori sono quelle che arrivano come fulmini a ciel sereno. Tale è stata la comunicazione che il maestro Riccardo Muti rinunciava alla sua collaborazione con il Teatro dell'Opera di Roma. In una lettera indirizzata al sindaco di Roma-presidente Ignazio Marino e al sovrintendente del...

commenti
07:0013 Set

Argerich, e il cuore ti sorride

Martha Argerich non ha bisogno di biglietti da visita. Quando si presenta alla ribalta, con il suo incedere informale, la presenza spontanea, l'umanità naturale, è già in sintonia con tutta la sala. Gli applausi che ha raccolto a conclusione del primo concerto per pianoforte e orchestra di...

commenti
07:0001 Set

«Ora dirigo Verdi ma poi tornerò a Firenze con nuove opere»

Il maestro Zubin Mehta ha diretto ieri a Busseto, all'inaugurazione del museo dedicato a Renata Tebaldi, pagine di Verdi, di Wagner e di Chajkovskij. Prima del concerto ha ricevuto il premio Verdi d'oro. Maestro Mehta, quando è nato il suo interesse alla musica di Verdi?«Il mio amore per l'opera...

commenti
07:0126 Ago

«La Favorite», un raro e prezioso Donizetti

Un grande scrittore presente alla prima della Favorite di Gaetano Donizetti (1840), Théophile Gautier, rimproverava al direttore dell'Academie Royale de Musique di aver tirato i cordoni della borsa: «all'Opéra, la prodigalità è la migliore economia». Per Gautier l'opera in quattro atti di...

commenti
07:0008 Ago

Ferenc Fricsay: l'umiltà di una grande bacchetta

«Averlo incontrato e per un certo tempo accompagnato nella breve strada della sua vita, è un dono del quale posso solo essere grato». Sono parole che uno degli artisti unanimemente più ammirati del Ventesimo secolo, il baritono Dietrich Fischer-Dieskau, rivolse in memoria del grande direttore...

commenti
07:0028 Lug

«Le confidenze» di Stravinskij sono lezioni sulla bella musica

Non si può dire che nella bibliografia di Igor Stravinskij manchino esposizioni e sviluppi sul tema memorialistico, in parte frutto di un lavoro a più mani, come le autobiografie apparse nel periodo di grande affermazione fra le due guerre, proseguite copiosamente nella maturità, con...

commenti
07:0027 Lug

Bergonzi, l'eleganza in scena Il tenore che sublimò Verdi

L'ultima grande voce del Novecento aveva interpretato tutte le opere del compositore Girò il mondo e divenne famoso grazie a una tecnica poi diventata modello per tutti

commenti
07:2216 Lug

I novant'anni di Bergonzi, il più grande «tenore di Verdi»

Nel trascorso bicentenario di Giuseppe Verdi il nome di Carlo Bergonzi è risuonato spesso, come merita quello un tenore che si può fregiare come pochi altri del titolo di «verdiano». Un legame sigillato non solo per ragioni native, ma anche per il numero delle parti (verdiane) sostenute - anche...

commenti
07:2508 Lug

Con il «Requiem» Muti celebra la Grande Guerra

I gradini che salgono la collina del Sacrario militare di Redipuglia «sembrano milioni o seicentomila» quasi quanto i morti italiani nella Grande Guerra. Guido Ceronetti lo scrive in una tersa prosa inclusa nel prezioso volume che Ravenna Festival ha realizzato con saggi e testimonianze di grandi...

commenti
08:5417 Maggio

La Scala inizia
un anno sprecato

Durante una stagione decisiva, il sovrintendente Pereira a mezzo regime non potrà garantire la qualità necessaria

commenti
09:3927 Apr

Amicizie, amori, musica
del direttore Bernstein

Nelle lettere del maestro statunitense, mezzo secolo di cultura. Tra incontri memorabili, litigi sonori e concerti sotto le bombe

commenti
07:0418 Apr

La magia della «Passione ritrovata»

Il titolo del concerto presso la Basilica di San Marco a Milano, «La Passione ritrovata», poteva suscitare qualche perplessità, trattandosi della Passione secondo Giovanni, una delle opere più ammirate di quello che Richard Wagner chiamava, il Grande Taumaturgo, parliamo di Johann Sebastian...

commenti

Il maestro regala all'opera una suprema concertazione. E convince tutti

«Mi convinco sempre di più che la vastità della Scala nuocerebbe all'effetto. Scrivendo Falstaff non ho pensato né a teatri, né a cantanti. Ho scritto per piacer mio, e per conto mio, e credo che invece che alla Scala bisognerebbe rappresentarlo a Santa Agata». Giuseppe Verdi così scriveva...

commenti

Riccardo Muti dirige i giganti della classica

Qual è il filo conduttore fra il sublime mottetto Ave verum Corpus di Mozart, il breve pezzo per archi Orient & Occident di Arvo Pärt, una poesia in griko (l'antica lingua della Grecia in terra d'Otranto), un canto tradizionale azero e quello di lode che Adamo ed Eva rivolgono al Creatore nella...

commenti

L'apoteosi dei Berliner alla Scala

Il trionfo della leggendaria Filarmonica diretta da Simon Rattle bissa il successo della «Turandot»

commenti

Un «Lucio Silla» rispettoso ma moderno

La difficile opera settecentesca trova una veste nuova grazie a Mark Minkowski

commenti

Trionfale ultima "prima" di Barenboim

Tredici minuti di applausi per il maestro, nonostante qualche pecca e la scenografia poverissima (ma funzionale)

commenti

Dentro la «prima»

La febbrile caccia alle indiscrezioni precedenti la serata inaugurale della Scala di Milano (domenica prossima) è rituale: «parlan le mura», per dirla con la librettistica. Come immancabili oggi sono i traslochi temporali. La messa in scena di Deborah Warner (scene e costumi di Chloe Obolensky)...

commenti

Quegli affreschi di Lila, dalla Scala a Hollywood

Un nome da fata: «Lila». Tutti, fuori e dentro il teatro, lo hanno sentito. Perfino in un ambiente non proprio prodigo di complimenti come quello dello spettacolo, solo menzionare la firma di Lila De Nobili proiettava gli interlocutori in mondo magico, in un cerchio incantato. Il carisma dei suoi...

commenti

Il Mariinskij fa rivivere Balanchine a Ravenna

«San Pietroburgo è una città europea sorta in Russia per miracolo», sosteneva George Balanchine, coreografo che ha incarnato supremamente la danza accademica moderna. Nella capitale russa l'allora Georgij Balancivadze studiò pianoforte e composizione, entrando alla Scuola imperiale di ballo...

commenti

Così cantava la Divina
Ecco tutte le sue opere
senza il peso del tempo

A 37 anni dalla morte escono i dischi di Maria Callas rimasterizzati. E la sua voce torna a farsi ascoltare senza fruscii e distorsioni sonore

commenti

Sorpresa, l'orchestra canta Brahms

Quest'anno a Torino è stato riservato lo jus primae noctis: il concerto d'apertura del Festival Internazionale della Musica Mito, edizione 2014. Ospite la Budapest Festival Orchestra con il suo direttore-fondatore, Iván Fischer. A Torino il programma era così variegato e appetitoso da destare...

Altri articoli