Accise sottratte al fisco, prosciolti 12 manager

Il gup di Milano Maria Cristina Mannocci ha prosciolto «perché il fatto non sussiste» 12 persone, tra cui 8 manager e responsabili di Eni e Snam rete gas, che erano accusati, a vario titolo, di ostacolo all’attività degli organi di vigilanza, violazione della legge sulle accise e violazione delle norme sui sigilli, nell’ambito dell’inchiesta della Procura milanese relativa a presunti contatori irregolari della rete gas che, negli anni, avrebbero gonfiato le bollette dei cittadini. Il pm Letizia Mannella, che aveva chiesto il processo per tutti e 12 gli imputati, contestava a vario titolo a 8 responsabili e manager di Snam Rete Gas e Eni e a quattro rappresentanti di due compagnie straniere, di aver sottratto, tra il 2003 e il 2007, all’accertamento delle accise quasi 20 miliardi di euro. E in particolare, gli imputati delle due compagnie straniere, la Transmediterranean Pipeline Company e la Greenstream, secondo il pm, avevano sottratto agli accertamenti dell’Agenzia delle Dogane le cifre più rilevanti, oltre 18 miliardi di euro.
Ieri però per tutti (43 i capi di imputazione in totale) è arrivata l’assoluzione decisa dal gup.