Atleta dell'anno, il sindaco Alemanno premia Ranieri e Hernanes

Seconda edizione del premio istituito dal comune di Roma. Il tecnico giallorosso: «Per me romano perdere lo scudetto è stata una doppia amarezza». Il calciatore della Lazio: «Sono contento dei primi cinque mesi nella Capitale, l'unico cruccio è aver perso il derby»

A rubare la scena ci hanno pensato Claudio Ranieri e Anderson Hernanes de Carvalho Andrade Lima, meglio noto come Hernanes. La presenza del tecnico della Roma e del centrocampista della Lazio è infatti bastata per garantire il tutto esaurito nella sala della «Protomoteca» del Campidoglio, dove si è svolta la cerimonia della seconda edizione del premio «Atleta dell'anno», istituito lo scorso anno dal comune.
Se nella prima edizione erano stati De Rossi e Zarate a vincere il premio per Roma e Lazio, stavolta è toccato al tecnico giallorosso, Claudio Ranieri (autore di una clamorosa rimonta che ha portato la Roma a sfiorare lo scudetto), e al centrocampista biancoceleste, Hernanes (già 5 gol al suo primo campionato in serie A), aggiudicarsi il riconoscimento e ricevere il premio dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno.
«Ci siamo andati vicino a vincere lo scudetto - ha ricordato Ranieri - e per me, tecnico e romano, è stata un'amarezza doppia. Ora passiamo un bel Natale e speriamo in 2011 ancora migliore del 2010». Di poche parole Hernanes, nonostante i progressi evidenti del suo italiano.
«Sono felice di questi cinque mesi a Roma - ha spiegato -. Sono stato accolto benissimo da questa città che mi ha fatto sentire subito a casa. L'unico cruccio fin qui è la sconfitta contro la Roma che mi ha dato un grande dispiacere. Ma ne giocheremo un altro (anzi due con quello in Coppa Italia), e spero che andrà meglio». Complimenti al brasiliano sono arrivati dallo stesso Ranieri. «Non era facile inserirsi subito, ma lui è stato molto bravo. Ha eleganza e classe pura, anche se non posso dire che sono contento visto che è un laziale. Roma merita di avere due squadre che lottano per il titolo».
La lista dei premiati è stata lunga: dall'azzurro Gigli della Virtus Roma allo schiacciatore Ivan Zaytsev della M.Roma, passando per lo schermidore Valerio Aspromonte, il pugile Emanuele Della Rosa, il nuotatore Flavio Bizzarri e il duo di canottieri Vincenzo Cappelli e Andrea Palmisano, senza dimenticare però la campionessa del mondo di ritmica, Elisa Santoni, i premi alla carriera all'ex giallorosso Candela e all'ex laziale Favalli, al fisioterapista della Roma, Giorgio Rossi, e al radiocronista Rai, Riccardo Cucchi.