Beneficenza Ieri mille colombe per i bambini poveri, domani una fondazione per l’arte

Prima della cena alla Scala, Marchesi è stato festeggiato in via Manzoni davanti al monumento a Pertini, mille colombe preparate dai pasticcieri di Alma, l’università di alta cucina di cui è rettore a Colorno (Parma), e vendute per beneficenza a favore della AiBi, aibi.it, l’associazione Amici dei Bambini in difficoltà. «Questo è solo un primo traguardo, altri ne seguiranno come la fondazione che si occuperà di arte nelle sue molteplici forme, quindi anche in cucina». La sede sarà forse a Varese. Il fine è di educare i bambini a coltivare il gusto per il bello e il buono attraverso corsi culturali concepiti come altrettanti nidi d’arte.
E tre giovani musicisti Marchesi li ha già in casa, sono i suoi tre nipoti, tutti e tre dotati del cosiddetto orecchio assoluto che hanno già suonato in momenti importanti e torneranno a suonare per un progetto annunciato da Andrée Ruth Shammah, regista del Teatro Parenti. Si tratta di raccogliere delle promesse della musica perché suonino di volta in volta omaggiando delle icone della città di Milano. Per primo Marchesi, il 9 maggio, poi lo stilista Giorgio Armani e l’oncologo Umberto Veronesi. Come dice Gualtiero, sono tutte figure «diversamente giovani». Lo slogan giocherà sul concetto di «Ot-tanta voglia» che si legge come «ho tanta voglia», sottinteso «di fare nuove cose».