Blitz degli autonomi: ma neanche i nomadi li stanno ad ascoltare

I no global provano a sfondare i cordoni della polizia. Poi chiedono ai
rom un incontro al Torchiera: disertato

Anche ieri Triboniano è finito sotto assedio, causa Centri sociali in missione di agit-prop al campo nomadi dove volevano organizzare una assemblea. Ma si sono trovati davanti a un massiccio schieramento di agenti che li ha respinti al mittente. Di peso. Qualcuno s’era infatti sdraiato a terra ed è stato sollevato e portato via a braccia. Dopo un lungo conciliabolo è stato deciso un incontro al vicino Centro sociale Torchiera. A cui i nomadi, si sono ben guardati dal partecipare.
Dopo i violenti scontri di giovedì dunque, da tre giorni sembra essere tornata la calma allo storico campo nomadi, passato dall’abusivismo selvaggio a una parvenza di legalità. Da anni infatti in quell’area dietro il cimitero maggiore si erano accampati zingari e profughi vari dai Balcani. Arrivati in certi momenti fino a mille. Creando una zona franca, fuori da ogni controllo. Poi nel 2007 il patto di legalità: il Comune organizzava condizioni minime di vivibilità, allacciamenti di acqua, luce, fogne, ma dentro ci sarebbero finiti solo i regolari, incensurati e che mandavano i figli a scuola. E nel momento di trasferimento dal campo abusivo, gli esclusi scatenarono scontri feroci, con incendi, sassaiole e bambini branditi a mo’ di clava.
Poi la situazione si avviò alla normalità, anche se non sono mancati in questi anni i momenti di tensione. L’ultimo la settimana scorsa quando lo sgombero di una famiglia proprietaria di una casa finì in tafferugli. Una tensione destinata a salire. Sul campo ballerebbe infatti uno sgombero da effettuare entro il 30 giugno, perché quell’area è interessata a lavori per l’Expò. Giovedì un gruppo di rom si apprestava a marciare verso Palazzo Marino per chiedere quali fossero le intenzioni della Giunta, trovando la strada sbarrata dalle forze dell’ordine. Subito bersagliate da una fitta sassaiola. Gli agenti hanno risposto serrando i ranghi e ricacciato i nomadi dentro il campo.
In quella, come in tutte le altre occasioni, però non erano mancati i «suggerimenti» di alcuni esponenti dell’area antagonista, in particolare gli «Antirazzisti milanesi» di Fabio Zerbini che anche ieri alle 15 si sono presentati in Triboniano per riprendere la loro azione di «agitazione e propaganda». Venendo rimbalzati da polizia e carabinieri, che ne hanno alzati diversi di peso, portati a 500 metri di distanza e mollati in mezzo alla strada, dove sono rimasti guardati a vista. Ma subito dopo anche dagli stessi rom. Non essendo possibile entrare al campo, i nomadi venivano invitati ad un incontro al Torchiera. «Si, si ora veniamo» hanno risposto. Senza poi farsi vedere. Preferendo rimanere sulle verande dello loro roulotte a fumare e chiacchierare. E verso le 19, dopo quattro ore di attesa sotto un sole cocente, gli «antirazzisti» se ne sono andati delusi. Cacciati alla fin fine non dalla polizia, ma dal «2 di picche» rimediato dagli zingari.