C’è una macchina che fa impazzire i cambia-moneta

Quei due giovani stranieri fermi davanti al cambia moneta aveva insospettito il barista perché continuava a sentir tintinnare le monete. Così quando ha visto passare i carabinieri della compagnia Porta Magenta li ha pregati di controllare. Uno dei due appena ha visto la divise se l’è data a gambe, ma è stato acchiappato svelando così il mistero. In tasca custodiva uno strumento elettronico in grado di far «impazzire» la macchinetta che a ogni impulso sgancia i soldi. La scoperta è stata fatta l’altro giorno in un bar di via Osoppo dove si erano infilati due albanesi di 26 e 37 anni che si erano messi a giocare al video poker. O meglio uno cambiava e l’altro giocava. Ma il cambio avveniva con trappa insistenza. Così il titolare del bar ha fatto intervenire i carabinieri che hanno fermato gli albanesi. Scoprendo così uno strumento elettronico, mai visto né conosciuto prima dalle forze dell’ordine, più piccolo di un pacchetto di sigarette con un’antenna in rame da infilare nel bocchetta della cambia moneta. E a ogni impulso, la macchina buttava fuori banconote e monetine.