Cani ed esseri umani. Un'amicizia lunga 33.000 anni

I cani erano al nostro fianco già più di 30000 anni fa. Lo dimostrano studi eseguiti su un fossile rinvenuto in Siberia.

33mila anni fa i cani erano già al nostro fianco. A dimostrarlo sono studi eseguiti contemporaneamente da tre diversi laboratori su un reperto trovato nella Siberia Meridionale. Il reperto, il cranio di un animale molto simile a un cane da slitta, è stato scoperto vicino ad altri ritrovamenti, che fanno pensare a un suo utilizzo nella caccia di altre specie dell'era glaciale.

Non nuova la scoperta della grotta che ospitava i reperti, risalente già agli anni 70. E' stato però solo grazie alle tecniche che si avvalgono del radiocarbonio che è stato possibile datare il teschio animale con precisione.

A contendere al ritrovamento la palma di animale da compagnia più antico mai ritrovato, un fossile scoperto nella caverna di Goyet, in Belgio, risalente a circa 36mila anni fa. Le analisi eseguite su questo secondo reperto non sarebbero però altrettanto attendibili.

In realtà, dicono gli studiosi, il cane sarebbe stato addomesticato più volte nel corso della storia, entrando definitivamente nelle grazie degli umani 18mila anni fa, con lo sviluppo di pastorizia e agricoltura, che hanno fatto degli animali preziosi alleati nel lavoro. Un'amicizia di lunga data quindi, che secondo un sondaggio condotto in Inghilterra starebbe però per finire. Sarebbero sempre di più le persone a preferire lo schermo di un portatile allo scondinzolio del proprio animale da compagnia.