Da Cardi Black Box le opere di Scott Short

Dopo aver ospitato le prime mostre personali in Italia delle due giovani artiste Shirana Shahbazi e Michal Helfman, Cardi Black Box continua il suo programma con un'esposizione del pittore americano Scott Short (1964), alla sua prima personale in Europa.
In mostra saranno presentate circa 20 opere nuove e recenti, di cui alcune di grande formato, che offrono una riflessione sulla pratica della pittura e sul processo di formazione cha sta dietro all'immagine. Scott Short lavora a cavallo tra copia e originale, riproduzione tecnica e lavoro manuale, ribaltando il rapporto tra astrazione e figurazione. All'origine della sua opera si trova l'operazione meccanica della riproduzione, nel quale l'elemento della casualità diventa la sorgente stessa dell'ispirazione dell'artista.
Scott Short parte da semplici fogli monocromi colorati che fotocopia in bianco e nero centinaia di volte. Ciò che resta impresso sul foglio non è il nulla quanto l'accumulo dei vari passaggi, il pulviscolo sul vetro, il residuo di inchiostro della macchina, l'errore. Avvalendosi di una riproduzione su diapositiva, l'artista proietta infine il risultato ottenuto su tela o carta: dopo avere provato diverse possibilità di dimensioni e orientazioni, inizia il lavoro di meticolosa trasposizione, di copia della copia. Short lascia spazio al caso, fa emergere l'invisibile, trasformandoli in immagine. Nelle sue mani, la fotocopiatrice diviene strumento di creazione, diviene una macchina che non prosciuga il significato dell'originale, ma che crea un originale attraverso la copia.
I lavori di Short si collocano al confine tra astrazione e rappresentazione: i nuclei di minuscoli punti di pittura ad olio o inchiostro sembrano evocare un paesaggio. I dipinti hanno anche una spiccata presenza scultorea, percezione amplificata dalle loro dimensioni spesso monumentali.