Il 73% delle donne italiane non raggiunge l'orgasmo

Spesso la causa del mancato raggiungimento della apice del piacere sessuale da parte delle donne riguarda le performance maschili

Per le donne italiane, in un rapporto sessuale, l’orgasmo non è un risultato scontato. Infatti, il 73% del gentil sesso non lo raggiunge sempre. Addirittura il 20% lo raggiunge meno della metà delle volte. Questo è uno dei dati emersi da una ricerca condotta dall’Osservatorio di Tradapharma, in collaborazione con Doxa Duepuntozero, sulle abitudini e i falsi miti degli italiani sotto le lenzuola. La ricerca ha coinvolto 1.500 persone, uomini e donne, in un’età compresa tra i 25 e i 65 anni. Spesso la causa del mancato raggiungimento della apice del piacere sessuale da parte delle donne riguarda le performance maschili: l’uomo arriva al traguardo troppo velocemente (lo pensano il 69% degli uomini contro il 61% delle donne) oppure non riesce a mantenere l’erezione durante l’intero rapporto (il 46% contro il 33%), problema evidente già a partire dai 35 anni (48%).

Per quanto riguarda le cause che possono minare la soddisfazione sessuale della coppia, quello che influisce maggiormente in modo negativo, secondo la ricerca, è il calo del desiderio da parte di uno dei due partner. "I dati di questa ricerca - ha spiegato Fabrizio Iacono, docente di Urologia presso l’Università Federico II di Napoli - sono confermati anche dai nostri studi. Il 70% dei casi di deficit erettili non sono altro che disfunzioni sessuali che possono essere risolte in maniera non invasiva, con cambi di stile di vita, con una maggiore attività sportiva e l’introduzione, nella propria dieta, di alcuni integratori alimentari".

Commenti

pollicino46

Ven, 23/05/2014 - 14:58

Da quando la sinistra è al potere abbiamo perso il primato anche in questo campo!! Pero' in compenso siamo migliorati parecchio coi trans e i gay!!

Cinghiale

Ven, 23/05/2014 - 15:12

E il 73% delle donne avrebbe ammesso di non essere soddisfatta? Questi sondaggi mi lasciano sempre un po' perplesso.

yulbrynner

Ven, 23/05/2014 - 15:24

pollicione ammazzate che battutona, i veri toori sono pochi quell oe' il problema

yulbrynner

Ven, 23/05/2014 - 15:28

cinghiale io credo sempre poco a sondaggi e a ricerche mediche salutistiche.. il 73% no e' soddisfatta il 50% fa le corna mahhh sono dati cosi alla cazzo come si suol dire..di certo l'uomo di una volta non esiste quasi piu' pure gli uomini o come le donnine sono molto attenti a creme cremine e all'immagine peccato che la testa lasci moolto ma moolto a desiderare e con cio tutto cioche ne consegue.

Cinghiale

Ven, 23/05/2014 - 15:34

@yulbrynner Ven, 23/05/2014 - 15:28 - AHAHAHAHAHAH, Pensi se una donna fa le corna al marito AHAHAHAHAHAH e poi non è soddisfatta dall'amante. AHAHAHAHAHAH Stando ai numeri dovrebbe essere così, l'ho pensata adesso questa. AHAHAHAHAHAHAH

Nadia Vouch

Ven, 23/05/2014 - 16:27

Diciamo che a molti capita di convivere con alito libero della serie tabacco misto, barba stile carta vetrata, ciabatte al vento e telecomando o computer quale maestri di vita e, con sul volto, quella espressione del tipo "ma che ne vuoi sapere tu...". Che ne vuoi sapere di calcio o di che ne so perché non lo sa nemmeno lui (o lei, o entrambi). Da ciò, ha ragione Mina a cantare "l'importante è finire". Sarebbe innaturale il contrario. Solo che la paura di restare soli e il timore del giudizio altrui, o questioni economiche, fanno restare assieme persone non adatte a stare assieme in coppia.

Ritratto di giusdange2

giusdange2

Ven, 23/05/2014 - 16:30

Gli uomini, anche nell'intimità, devono comprendere meglio le esigenze delle loro partner.

epesce098

Ven, 23/05/2014 - 17:24

Ma se le donne mettessero un po' da parte il loro pudore e dessero qualche informazione in più al partner, forse potrebbero ovviare all'inconveniente. Non tutti gli uomini sanno...

james baker

Ven, 23/05/2014 - 17:34

Posso essere utile ??? -james baker-.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 23/05/2014 - 17:53

Debbo essere un uomo fortunato, a me è sempre capitato il rimanente 23%.... Battute a parte spesso le coppie non sono azzeccate bene (e qui parlo di chimica). Detto ciò, è vero che molti uomini non si preoccupano di capire la sessualità delle donne, i loro tempi che sono diversi dai nostri, la psicologia (perché nella donna l'eccitazione parte dalla stimolazione della testa in primis e poi il resto). Noi uomini siamo troppo sbrigativi a volte e andiamo subito al sodo, ma questo è un errore enorme. Non solo, spesso non ci rendiamo conto che tutto il corpo della donna è erogeno e ci fissiamo in un punto o due... Infine la comunicazione tra partner è spesso nulla, ci si vergogna oppure si ha paura del giudizio dell'altro e i più taciturni sono proprio gli uomini. Personalmente sono fermamente convinto che dietro una donna che non raggiunge il piacere vi sia un uomo incompetente o che è altrove con la testa. Detto questo, un appello va anche al gentil sesso. Nella mia esperienza di vita, ne ho trovata solo una che sapesse fare un po.... un po' meglio delle altre tecnicamente. Spesso e volentieri molte donne pensano che il fatto di presentarsi belle ma immobili sia sufficiente. Signore non è affatto così. Ogni bel canto viene a noia e variare aiuta sia lei che lui. Provocateci un po' di più, imparate qualche trucchetto per stuzzicarci e qualche altro trucchetto tecnico per attizzare l'uomo. Se l'uomo si annoia, noia riceverete in camera da letto, se invece è immerso nell'atto, cambia molto. E poi comunicate, scambiatevi opinioni e parlate alle donne, anche durante l'atto che sicuramente risponderanno... provare per credere.

linoalo1

Ven, 23/05/2014 - 18:15

Purtroppo ci credo!E la colpa è solo dell'uomo!Nessuno gli ha mai insegnato a come fare godere una donna!Oggi,la maggior parte degli uomini,si limita a fare sesso per raggiungere,da solo,l'orgasmo!Della donna,non gli importa niente!E' un po' come la Corte!Una volta si faceva ed era ben accetta!Oggi,sembra sparita!Lino.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Ven, 23/05/2014 - 19:03

Il 73% delle femminucce italiane non raggiunge l'orgasmo perchè sono FRIGIDE mentalmente e fisicamente. E' intuile che come al solito cerchiate di scaricate le colpe dei vostri fallimenti sugli uomini, cara De Montis. Poco tempo fa lessi addirittura che stanno mettendo appunto una pillola anti-frigidità a base di TESTOSTERONE (ormone maschile) per attivare un pò di desiderio sessuale nella maggior parte delle femminucce. Vedete voi come sono messe le italiane...

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Ven, 23/05/2014 - 19:06

la prima reazione è stata un tantino rude, tuttavia, messo che moltissime signore non sanno, e si vergognano, che quando la mela matura bene scoppiano i fuochi d'artificio; sta il fatto che i preliminari, le coccole; la complicità, insomma è quella che resta al palo. E poi, la parità, il libero amore la poligamìa sempre più diffusa , ma, soprattutto, quante lo fate per voi stesse?

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Ven, 23/05/2014 - 19:06

la prima reazione è stata un tantino rude, tuttavia, messo che moltissime signore non sanno, e si vergognano, che quando la mela matura bene scoppiano i fuochi d'artificio; sta il fatto che i preliminari, le coccole; la complicità, insomma è quella che resta al palo. E poi, la parità, il libero amore la poligamìa sempre più diffusa , ma, soprattutto, quante lo fate per voi stesse?

federico61

Ven, 23/05/2014 - 22:42

Adesso le donne vorranno inserire anche qui la parità di genere !

ghorio

Ven, 23/05/2014 - 22:53

Queste ricerche mi lasciano perplesso e sono fuori dalla realtà. Forse i tabù sessuali sono una prerogativa tutta italiana, ma non mi pare che donne italiche, in genere, si lamentino. Probabilmente lo fanno in queste ricerche, ma io dubito fortemente.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 23/05/2014 - 23:18

E' da quando ero un ragazzo che leggo storie del genere e inchieste simili, continuamente riproposte con il solito finale di accreditare la colpa al maschio. E' un rimasuglio femminista di volere godere e, allo stesso tempo, di castrare il maschio con accuse che ne depotenzino la sua virilità e sicurezza maschile. Neanche io, maschio, sono soddisfatto delle prestazioni femminili, le trovo più simili ad una tortura che ad un piacere, quando addirittura non sono uno sbadiglio che costringe l'uomo a rifugiarsi nel suo autoerotismo fantasioso per forzarsi a concludere, quando non riceve alcun aiuto dalla partner, con un piacere che sa d'amaro piuttosto che di soddisfazione completa. E' ovvio che in amore non esiste la perfezione, occorre perseguirla ma non è detto che la si raggiunga, e questo vale tanto per l'uomo che per la donna. Pensare di ricevere tutta la "pappa", pronta e bella servita, senza fare alcun sforzo è tipico del pensiero femminile che vogliono essere "servite" dal maschio mentre invece si dovrebbero impegnare al pari dell'uomo. La natura del maschio è quella di raggiungere al più presto l'orgasmo, facendo il minimo sforzo possibile per ottenerlo, è cosa ovvia e nota a chiunque, non gli si può fare una colpa a questa sua maniera naturale di essere, il pretenderlo è solo che assurdo e pure pretenzioso. Sono le donne che si devono sforzare d'essere più ricettive nei confronti del maschio, pronte a goderne le prestazioni, per quanto "corte" esse possono essere. Se per il maschio il piacere deve diventare una tortura di lungo corso è ovvio che preferisca lasciar perdere, salvo quel minimo che riesce ad ottenere dalla partner. E' la donna che deve mostrarsi "gatta", coccolando e mostrando, nel farlo, il suo piacere al maschio e auto gestendosi da sola ben prima di arrivare al letto, in tale maniera, i suoi necessari preliminari. Certamente, a seconda del tipo di uomo, ci può essere quello che prova piacere anche lui a farlo o che sia più sbrigativo nelle effusioni ma è la compagna che deve adeguarsi per lo più, perché è questo quello che fa parte della sua natura femminile, ed è questo quello che gli si richiede di fare nei confronti del maschio, oltre che di sé stessa. Pensare di rimanere là come una baccalà, pretendendo per la concessione delle sue grazie, di essere servita e riverita a danno dei bisogni maschili, è veramente incredibile che tuttora se ne parli. Devono avere scambiato il rapporto con il partner con i film di seduzione di James Bond, ogni colpo una tacca!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 24/05/2014 - 07:41

Io cerco di far sì che la mia partner raggiunga sempre l'orgasmo: io la donna la capisco solo quando mugola!

nino47

Sab, 24/05/2014 - 11:38

Secondo me non e'una novita' che il 70% delle donne non raggiunga l'orgasmo. E' sempre stato cosi' e sempre lo sara', per l'anatomia stessa della donna ed anche per la semplice natura della cosa: l'orgasmo femminile non e' essenziale alla procreazione, mentre, alcontrario, per il maschio sta tutto li'. E siccome mamma (?) natura non va tanto per il sottile, non si e'preocccupata piu' di tanto per quanto riguarda la soddisfazione femminile. Certo sta al maschio adoprarsi per dividere il piacere, ma spesso (molto spesso), ci vogliono delle "lavorate" che alla fine dimentichi perche' sei li'.....

nino47

Sab, 24/05/2014 - 11:41

@epesce098: lei ha centrato il problema!

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 24/05/2014 - 20:23

A pensarci bene, alla luce di queste assurde pretese femminili, diventa comprensibile il successo dei gay e il loro accrescimento in maniera esponenziale. L'omosessuale non ha bisogno di alcun raggiungimento del piacere, non essendo il suo corpo o la sua psiche fatti per questo. Gli uomini che vanno con loro, immagino che li preferiscano perché non hanno bisogno di sforzarsi in assurdi preliminari, mentre entrambi i partner condividono fortemente l'affetto dimostrato l'uno nei confronti dell'altro, senza fingimenti. L'uomo quando fa l'amore con la sua donna dimostra il suo amore, il suo desiderio per lei, sia con la sua erezione che con l'emissione del suo seme. L'uomo non può nascondere i suoi sentimenti e i suoi istinti, come fa la donna. Pretendere che sia l'uomo a far emergere gli istinti femminili e accentuare i suoi desideri e voglie, fino a farla giungere all'orgasmo come un complesso processo di fabbricazione che va dalla materia prima fino alla sua forma finale e al suo impacchettamento, è un idea malsana che viene direttamente dalla civiltà cristiana. Il cristianesimo ha sempre condannato il piacere, soprattutto in quello della donna in cui vedeva e vede solo la madre per mettere al mondo dei figli. La necessità della collettività, inoltre, di porre un freno ad eccessi sessuali di uomini e donne, ha inibito le donne, in particolare, a mantenersi frigide e distaccate dal piacere. In pratica le donne hanno, per tutto questo, difficoltà ad abbandonarsi alla loro stessa natura e ai loro desideri, finendo per pretendere che sia il maschio a rimetterli in moto dal nulla e superando la loro frigidità, imposta sia dalla fede che dalle regole sociali. Il comportamento degli animali degli opposti sessi non è così, basta osservarli per rendersene conto, ed è inutile dire che noi umani non siamo animali. Lo siamo! eccome se lo siamo! Se l'intelligenza ci distingue da loro e per molti versi ci da dei vantaggi, dall'altra parte ci toglie, a vari livelli e a seconda delle persone, alcune necessarie caratteristiche istintive che si farebbe bene, invece, a recuperare, come nel caso di cui si discute, cioè dell'insoddisfazione sessuale e femminile in particolare. Le femmine degli animali fanno di tutto per eccitarsi prima del rapporto ed eccitare il loro partner. A volte si negano per qualche tempo fin tanto che l'altro non le ha aiutate a eccitarsi, con il loro interessamento aggressivo e continuo ma, in tutto ciò, il maschio non si dedica, più che di tanto, a preliminari fisici perché è la stessa femmina ad eccitarsi e a eccitare il suo maschio, dimostrando tutta la sua eccitazione prima ancora dell'atto fisico. Le donne, viceversa, credono che la loro bellezza e l'essere toccate sia la loro sufficiente partecipazione al tutto, mentre dovrebbero essere loro a creare l'atmosfera per sé stesse e per il maschio, mostrando all'uomo il loro interesse fisico e affettivo, come l'uomo lo mostra con l'erezione e l'emissione di sperma. Ritengo la mancanza di ciò, da parte della donna, un vero tradimento verso l'uomo dei ruoli che la natura ci ha assegnato. Il pretendere, poi, che la cosa sia colpa dell'uomo e che esso si dia da fare per trasformare il tutto in un "circo" a loro servizio a senso unico e personale, è veramente troppo! Le donne si rassegnino a rimanere insoddisfatte se non capovolgono le loro idee. Il loro atto sessuale deve essere simile al parto, un terremoto interno iniziale che parte da loro prima ancora dell'atto fisico e che finisce con la nascita, nel caso del parto e con l'orgasmo nel caso dell'amore. E' la stessa cosa per l'uomo. Un terremoto interno scatenato dalla presenza fisica della donna e che finisce nell'annullamento di sé stesso, quasi una morte, durante l'eiaculazione. L'assurdità è che le donne rimproverano all'uomo il suo piacere e ritengono il loro un diritto che l'uomo dovrebbe dargli, come se ne fosse il responsabile! Solo che ridicolo! Come dicevo, perciò, non mi meraviglia affatto che molti uomini diventino gay e che altri uomini li ricerchino, è un inevitabile disamore verso qualcosa che dovrebbe essere amore e invece diventa una catena a senso unico, cosa che fa sì che si cerchi qualcosa di più reale come affetto e amore, anche se contro natura.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/06/2014 - 15:46

dopo che in tv hai visto monti, napolitano renzi...

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 30/06/2014 - 16:48

stock47 il problema e' che l'amplesso e' stato creato come giustamente lei ha ricordato per UNA SOLA COSA, per tutte le specie animali, l 'uomo (in quanto maschile e femminile) come tutte le cose ci ha voluto "speculare" in termini di accresciuto godimento..sono nate le "tecniche" le "teorie" le disquisizioni, i romanzi la pornografia, la psicoanalisi...il punto g, le trasmissioni tv, il tecnicismo...un gran casotto..se gli altri animali potessero comprendere sarebbe tutta una serie di sberleffi e pernacchie..