Adesso gli studenti devono elencare "i benefici dell'immigrazione"

Gli studenti dei licei italiani chiamati a misurarsi con l'immigrazione, ma per un libro di storia l'arrivo dei migranti comporta solo note positive

Alcuni libri destinati ai licei fanno misurare gli studenti con esercizi incentrati sull'immigrazione. E fin qui, nulla di strano. Il quotidiano La Verità, però, ha deciso di spulciare pagina per pagina alcuni testi, riuscendo a evidenziare la presunta persistenza di una certa "propaganda migrazionista".

É il caso, per esempio, di "L' occhio della Storia. Corso integrato di storia e geografia" edito da Laterza e stilato da Andrea Giardina e Claudio Cerre. Tra i virgolettati riportati dal quotidiano diretto da Belpietro, quello secondo cui "oggi la scuola deve favorire l' integrazione dei figli degli immigrati e quindi la creazione di una società plurietnica e multiculturale". Saremmo, insomma, dalle parti dell'orientamento politico. Il testo in questione arriverebbe ad asserire quello che tanti leader politici, in questi ultimi anni, hanno sostenuto: l'arrivo dei migranti è la conditio sine qua non per la copertura delle future pensioni. I meccanismi pensionistici del Belpaese sarebbero destinati al fallimento "a meno che - si legge - non prosegua una immigrazione abbastanza consistente da ingrossare le classi in età lavorativa". Siamo alle solite, insomma. Solo che in questa circostanza, dovendoci studiare sopra, gli studenti potrebbero avere pochi margini di discussione.

Poi arriva tutta la parte dedicata alla bontà dei fenomeni migratori. I migranti, dicono gli autori, "per la maggior parte" sono "entrati in Italia legalmente, con un normale visto d' ingresso, ma poi non lo hanno rinnovato o non hanno chiesto il permesso di soggiorno". Un'affermazione quantomeno opinabile. Gli sbarchi, invece, sarebbero stati vittime di "cattiva informazione, molto allarmismo e dati spesso difficili da interpretare". La pecezione che alcuni avrebbero su questi fenomeni sarebbe del tutto distorta, tanto che l'unica visione corretta sarebbe quella per cui i migranti "sono una risorsa per i Paesi di origine perché ne alimentano l' economia inviando denaro, le cosiddette "rimesse". I migranti sono una ricchezza anche per il Paese che li riceve perché rivitalizzano la struttura demografica - con nuovi nati e un incremento della popolazione giovanile - e sostengono l' economia". Sembra di assistere a un comizio elettorale? Ma c'è dell'altro.

C'è spazio pure per una sorta di elegia riservata alle invasioni barbariche, che vengono presentate come un modello positivo: "Questo fenomeno migratorio ha contribuito alla costruzione di quel mondo romano-barbarico che è alla base della nostra Europa, quella stessa Europa che oggi si sente spaventata e minaccia dall' arrivo di masse di migranti e rifugiati". Con buona pace, per farla corta, delle nostre radici e della nostra identità latina. Finita qui? Non proprio. Nel testo si trovano pure un altro paio di riferimenti: quello all'ostruzionismo sull'accoglienza del presidente dell'Ungheria e quello, fotografico, inerente il Festival Sabir, una manifestazione a favore dell'immigrazione organizzata da Caritas, Arci, Cgil ecc...

Il libro sembrerebbe voler rispondere a molte domande sul futuro dell'Europa. Risposte cui gli studenti possono attingere. Al lettore il compito di valutare se i punti di vista elencati siano corretti o no.

Commenti

Angelo664

Lun, 05/11/2018 - 14:51

Tema breve e conciso : Nulla. In un paese civile, se opportunamente governati ed imbrigliati allora potrebbero : fare il lavori più' umili che nessuno vuol più' fare ed imparare la lingua locale. Pagare le tasse e la mutua oltre che i fondi pensionistici. Se non pagano : Niente permesso di soggiorno, niente sanità' gratuita, niente appartamenti in affitto. Saluti e baci.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 05/11/2018 - 14:52

Facile. Zero.

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Lun, 05/11/2018 - 14:57

Elencare i benefici dell'immigrazione? Se non è controllata e non si riesce a dare un lavoro, è assolutamente nullo il beneficio. Ma si sa, io non sono un compagno quindi sono rassista e fassista.

baronemanfredri...

Lun, 05/11/2018 - 14:57

GUADAGNI A FAVORE DELLE COOP DEL PD DELLA CGIL COME SINDACATO CHE PRENDE LE PRATICA ACLI ARCI CEI E TUTTE LE ORGANIZZAZIONI CATTOCOMUNISTE ECCO I VANTAGGI SULLA PELLE DEI BAMBINI MORTI.

baronemanfredri...

Lun, 05/11/2018 - 14:59

DIMENTICAVO LA CARITAS TRA LE PEGGIORI ORGANIZZAZIONI SERVI DELL'ESTREMA SINISTRA TANTO I SOLDI SONO SOLDI ANCHE SE SONO COME I 30 DANARI DI GIUDA

MOSTARDELLIS

Lun, 05/11/2018 - 15:16

A chi andrebbero denunciati questi schifosi?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 05/11/2018 - 15:22

Poi uno dice, perchè si arrivi a bruciare i libri.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 05/11/2018 - 15:24

Donc: fare ingrassare pretastri,coop rosse ed onlus varie; aumentare le vendite al dettaglio di tutti i tipi di droghe;violentare tutte le ragazzine-ragazze-donne nonché anziane che gli capitano a tiro ...

killkoms

Lun, 05/11/2018 - 15:27

zero!

Ritratto di Blent

Blent

Lun, 05/11/2018 - 15:31

benefici zero e tantissime grane .

Gianni11

Lun, 05/11/2018 - 15:39

NESSUNO, solo danni. Questi schifosi sinistroidi sovversivi foibisti nelle scuole vanno purgati. Le istituzioni, specialmente le scuole e la magistratura, sono infestate di sovversivi anti-Italia e anti-italiani che vanno rimossi in qualsiasi maniera necessaria.

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 05/11/2018 - 16:09

Integrazione? Ma quale integrazione!

Geegrobot

Lun, 05/11/2018 - 16:11

Comunisti infami

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Lun, 05/11/2018 - 16:13

tutto ciò e aberrante si da il chiaro messaggio che in un modo o nel l'altro si devono adeguare i nostri figli e non il contrario incredibile

Drprocton

Lun, 05/11/2018 - 16:19

È la stessa scuola che ci ha fatto studiare la rivoluzione bolscevica in 3 paginette nascondendo tutti i crimini commessi da stalin (60.000.000) o le crocifissioni durante la dominazione araba o l'Olocausto di 50.000.000 di indiani nelle riserve? Quando si è studenti non si comprende che si è strumento dell'ideologia sinistroide di tale istituzione. Loro possono fare tutte le pagliacciate che vogliono sui teorici benefici dell'immigrazione, a mettere in guardia i propri figli dai tanti rischi reali che invece ci sono ci pensano quei genitori dal pensiero libero e non ideologizzato. Chiaro?

pilandi

Lun, 05/11/2018 - 16:19

Non ci vedo nulla di male, se chi svolge il tema pensa che non ve ne siano, lo scriva MOTIVANDOLO.

pilandi

Lun, 05/11/2018 - 16:21

@baronemanfredri.. cara la mia testina di vitello la caritas da da mangiare anche a tanti italiani in difficoltà! Sciacquati la bocca prima di parlare di loro, capra!

carpa1

Lun, 05/11/2018 - 16:23

E poi chi si oppone a questa invasione calcolata ed indiscriminata sarebbero razzisti xenofobi solo perchè cercano di difendere il proprio paese ormai stravolto da una massa di idioti che non riescono a capire quale sia la differenza tra accoglienza ed accozzaglia fatta entrare per sovvertire l'ordine, o quel che ne resta dopo decenni di governi sinistri? L'accoglienza, per essere vera, deve essere graduale, controllata e guidata in modo da consentire una vera integrazione e non la distruzione di quanto costruito da chi ha combattuto, lavorato e dato la vita per il benessere del paese.

Una-mattina-mi-...

Lun, 05/11/2018 - 16:34

I VANTAGGI? SOLDI A PALATE PER CHI CI TRAFFICA SU, PER CHI DELINQUE IMPUNEMENTE, PER CHI, CON LA SCUSA DELL'EMERGENZA FARLOCCA, IMPONE LEGGI CAPESTRO URGENTI, PER CHI SCRIVE LIBRI DEMENZIALI E NE FA LUCROSE "CONFERENZE"...

ziobeppe1951

Lun, 05/11/2018 - 16:34

.....e mi raccomando..la riga sempre a sinistra

Una-mattina-mi-...

Lun, 05/11/2018 - 16:38

LA CIVILTA' ROMANA A DIRE IL VERO E' STATA DISTRUTTA DALLE INVASIONI BARBARICHE, E CI SONO VOLUTI CENTINAIA DI ANNI, E POI UNA TERRIBILE PESTILENZA (QUELLA DEL 1348)PER USCIRNE. GRAZIE AL CROLLO DEMOGRAFICO DRASTICO, SIAMO INFATTI USCITI DAL MEDIOEVO IN CUI ERAVAMO PRECIPITATI, ALTRO CHE CRESCITA DEMOGRAFICA. SENZA RIDUZIONE DELLA POPOLAZIONE E RINNOVAMENTO DELLA SOCIETA' DAL BUIO NON SE NE USCIVA.

Divoll

Lun, 05/11/2018 - 16:40

Vantaggi? NESSUNO.

agosvac

Lun, 05/11/2018 - 16:56

Un tema che richiede solo una parola: NESSUNO!!!!!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 05/11/2018 - 17:37

Fermo restando che la "società plurietnica e multiculturale", piaccia o meno, è già una realtà vorrei chiedere a Belpietro cosa ci trova di distorto nel concetto secondo il quale "oggi la scuola deve favorire l'integrazione dei figli degli immigrati...". Forse è meglio non siano integrati nella nostra società?

wainer

Lun, 05/11/2018 - 17:43

Eccoli i vantaggi veri! Violenze, Stupri, Rapine, Furti, Spaccio,Lavoro Nero, Degrado, Sporcizia, Malattie etc.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 05/11/2018 - 18:05

-svolgimento--Le bottiglie di Barolo? Rischierebbero di diventare una rarità- Le mele del Trentino ce le potremmo dimenticare e anche le pesche Igp di Verona-il mais mantovano per la polenta e il latte per il Parmigiano-Se dalle campagne italiane sparissero i lavoratori stranieri-il made in Italy agricolo subirebbe un colpo mortale-E il Nord- in particolare- si paralizzerebbe-i numeri ci dicono che senza immigrati - il Piemonte vedrebbe sparire dai campi 20mila dei 32 mila lavoratori con incarico stagionale o a giornata-La provincia di Mantova dovrebbe invece andare a caccia di 3.632 operai- il 58 per cento di quelli che imbracciano oggi la zappa-Percentuale che sale fino ai due terzi a Pordenone- mentre a Verona è al 69 per cento e a Cuneo sfiora il 74- L'indice più alto si registra a Bolzano-che raggiunge l'81 per cento di manodopera straniera--quindi proprio il nord est leghista ha bisogno di questa mano d'opera--di questi operai stranieri dei campi felpini mai ci dice-swag

caren

Lun, 05/11/2018 - 18:25

Questo articolo, più gli altri due sotto e quello sopra, suonano come un campanello d'allarme e non c'è da stare per niente allegri.

Treg

Lun, 05/11/2018 - 18:26

Caro Dreamer 66, cercherò di chiarirti le idee. La società multietnica va benissimo, ma non quella multiculturale. Negli USA, molto citati come esempio, la società è multietnica ma si sentono tutti Americani, che è la ragione per cui sono là emigrati. Hai ragione poi, non c'è niente di distorto nel favorire con la scuola l'integrazione dei figli degli immigrati, anzi è ciò che la scuola deve fare senza esserne sollecitata. Ti faccio però notare che gli immigrati che mandano i figli a scuola sono quelli che qui lavorano e che sono venuti per integrarsi, non quelli che vengono con i barconi (certo, non tutti). Questo è in sintesi ciò che noi biechi sovranisti di destra vogliamo. Chiaro ?

Anonimo (non verificato)