Picchiati brutalmente dai rom giornalista e operatore: ​"Volevamo solo aiutarli"

È accaduto a Cagliari. Le due vittime sanguinanti sono riuscite a rifiggiarsi nel pronto soccorso di un ospedale dove sono stati medicati per numerose e pesanti tumefazioni a viso e corpo

Aggrediti e picchiati brutalmente in un campo rom. Vittime un giornalista ed un cameraman dell'emittente televisiva Tcs di Cagliari che, attorno alle 10 di questa mattina, si sono recati in un campo abusivo alla periferia nord di Cagliari, tra la Motorizzazione civile e il quartiere di Mulinu Becciu. Antonello Lai e Matteo Campulla, reporter e operatore sarebbero stati accerchiati e malmenati da quattro o cinque rom.

Lai, conduttore del programma "Zona Franca" ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali per i suoi servizi a favore dei più deboli e degli emarginati. Oggi avrebbe dovuto girare un servizio sull'emarginazione in città per il suo programma, e intervistare gli abitanti del campo dopo le proteste dei residenti del vicino rione di Mulinu Becciu, stanchi dei roghi appiccati di notte tra le roulotte per bruciare materiale di ogni sorta. "Volevamo aiutarli e documentare le loro condizioni di vita", ha detto al pronto soccorso ai carabinieri.

Stando alla prima ricostruzione dei fatti, non appena Lai e il cameraman sono scesi dall'auto sono stati affrontati da un gruppo di giovani che li hanno invitati ad andare via. Subito dopo è scattata l'aggressione: il giornalista è stato colpito con pugni e calci, così come il videoperatore.

Sanguinanti, sono riusciti ad entrare in macchina e a raggiungere il pronto soccorso dell'ospedale "Brotzu" dove sono stati medicati per numerose e pesanti tumefazioni a viso e corpo. Gli investigatori sospettano che i rom si siano indispettiti a causa dell'arresto di tre persone compiuto ieri sera dai carabinieri di Monserrato per riciclaggio e ricettazione di pezzi di auto rubate su internet.

Dopo l'aggressione, i militari della compagnia di Cagliari e i colleghi della stazione di Sant'Avendrace si sono recati al campo rom per cercare di ricostruire l'accaduto e individuare i responsabili del pestaggio, ma l' hanno trovato semideserto: erano rimaste soltanto donne e bambini, gli uomini erano tutti spariti.

La videocamera dell'operatore, però, avrebbe registrato alcuni fotogrammi dell'accaduto. Ora è stata sequestrata dall'Autorità giudiziaria.

Solidarietà ai colleghi da parte dell'Ordine dei giornalisti della Sardegna e dall’Associazione della Stampa Sarda:"Preoccupa", commentano Francesco Birocchi e Celestino Tabasso, presidenti di Ordine e Sindacato sardi, "il crescente clima di intimidazione nel quale sono sempre più spesso costretti a lavorare gli operatori dell’informazione. Sono purtroppo sempre più frequenti anche le aggressioni fisiche, ai danni di colleghi il cui unico obiettivo è informare il pubblico e dare voce a tutti".

Commenti

Alessio2012

Mer, 09/09/2015 - 20:36

Bene! Sono tanti i sardi a difenderli... quindi non si lamentino.

michetta

Mer, 09/09/2015 - 20:47

E torniamo a parlarne. Mi dispiace per questi due professionisti della comunicazione,ma tant'e'. Fin da quando sono stati equiparati gli stipendi dei magistrati con quelli degli alti gradi militari,si sospettava che in Italia,non ci sarebbe stata piu' alcuna possibilita' di guerra civile. E chi la faceva? Con le conseguenze,che tutti,diventano delinquenti,avendo dai governi italiani succedutesi al comando,il permesso per farlo. I rom, gli zingari,gli invasori clandestini,gli scippatori,i delinquenti nostri dell'est,nordafricani, tutti dico tutti, sono AUTORIZZATI a fare quello che vogliono, tanto NON ACCADRA' MAI ALCUNCHE'. E se per caso, qualcuno di questi fetentissimi fetenti, andasse a finire in prigione, dopo poco tempo, verrebbe scarcerato....Ma, tra l'altro, chi ha fomentato, perche' tutto cio' accadesse?

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 09/09/2015 - 20:52

welcome to italy

Miraldo

Mer, 09/09/2015 - 21:26

E bravi e voi continuate a votare la sinistra e i rincoglioniti del M5S e poi vi lamentate se vi aggrediscono, sveglia quella gente è coperta da loro.

Edmond Dantes

Mer, 09/09/2015 - 21:59

Non poteva mancare una dichiarazione della presidenta Boldrini: " Premesso che questa presidenza ha da sempre tutelato la libera informazione, non si può non tener conto della peculiarità della cultura Rom che nutre atavica diffidenza verso le incursioni delle popolazioni stanziali, storicamente ostili al nomadismo ingiustamente accusato di avere un'economia sostenuta dal furto e dalla rapina. Pertanto un diverso approccio da parte degli addetti all'informazione potrà in futuro evitare analoghi sgraditi equivoci" . Cioè: non meno di 500 euro solo per non farsi menare.

Ritratto di Japiro

Japiro

Mer, 09/09/2015 - 22:24

Gli sta bene, cosi la prossima volta si faranno i caxxi loro...altro che aiutarli!!!

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mer, 09/09/2015 - 22:56

Beh, magari così cambieranno idea e smetteranno di fare pubblicità a favore degli zingari, avendo potuto toccare con mano.

goorka

Mer, 09/09/2015 - 23:41

ISardi li difendono? Forse sono giornalisti sardi....

ziobeppe1951

Gio, 10/09/2015 - 00:10

Pensa un po' te, si picchiano pure tra amici

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 10/09/2015 - 00:55

Il comportamento di quei ROM è coerente con il trattamento riservato loro dai magistrati. VIVONO DI FURTI, RAPINE E TRUFFE DA MOLTISSIMI ANNI MA LA MAGISTRATURA NON FA NULLA. I magistrati hanno deciso CONTRO IL CODICE PENALE, che per i ROM il crimine è confacente al loro sistema di vita. DI FATTO IN ITALIA, GRAZIE AL SOCIOLOGISMO SINISTROIDE DI MOLTI TROPPI MAGISTRATI, È STATA LEGALIZZATA LA DELINQUENZA.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 10/09/2015 - 00:59

Forse la brutta avventura di quei giornalisti è servita a far cadere le FETTE DI SALAME BUONISTE CHE AVEVANO SUGLI OCCHI PRIMA DI ENTRARE NEL CAMPO ROM.

nordcorea

Gio, 10/09/2015 - 05:14

ve ne hanno date poche....poveri cretini.... andare disarmati dai quei mezzi delinquenti!!!! idea poco buona.

nordcorea

Gio, 10/09/2015 - 05:16

I CRABINIERI ESISTONO ANCORA IN ITALIA????

nordcorea

Gio, 10/09/2015 - 05:18

....O SONO OCCUPATI A SPAZZOLARSI LA DIVISA???....

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 10/09/2015 - 05:56

Difendeteli e predente dei calci. Bravi.

gluca72

Gio, 10/09/2015 - 08:32

Ingenui e superficiali i giornalisti coinvolti nonostante siano persone di esperienza, è noto a tutti il pericolo nell'entrare in un campo senza concordare tempi e modalità, il non capirlo è oltre che negare un problema rischiare l'incolumità personale.

sacrivalori

Gio, 10/09/2015 - 15:02

E la cosa paradossale sarà che i due aggrediti, per conservare il posto di lavoro, saranno costretti a fare come Brumotti: fingere di non avercela con gli stranieri ed esortare gli Italiani a fare lo stesso. Altrimenti una sola parola contro clandestini o ROM che siano, e il licenziamento è immediato!

claudio faleri

Lun, 04/01/2016 - 14:28

lasciate stare gli zingari, cxxxxxi, pensate alla vs vita, questo è il risultato

luciano32

Ven, 08/01/2016 - 13:31

No!!! La cultura nomade non è rom non è zingaresca, e nobile nessuno ruba tutti lavorano onestamente non chiedono elemosine siete dei maldicenti. Ma fino ache ci sara una sinistra vendoliana e boldrinesca sarà sempre peggio

Malacappa

Lun, 11/04/2016 - 20:44

Volevano aiutarli?Allora vi sta bene andate da questa feccia che l vi spaccano la faccia se siete cosi idioti da credere che sti delinquenti si vogliono integrare vi meritate delle legnate.