Altro che il 25, evviva il 18 aprile

In quel giorno del '48 le prime elezioni post costituzione: gli italiani scongiurarono la presa del potere da parte dei comunisti

Oggi avremmo voluto sì festeggiare la liberazione, ma quella da un governo di dilettanti. Ci siamo andati vicino ma purtroppo sono ancora lì, sfidando la legge di gravità. Lo spettacolo da guerra civile dentro la maggioranza andato in scena l'altra sera a Palazzo Chigi, con ministri che si ammutinano, altri che si ricattano e i restanti che litigano furiosamente tra di loro non ha precedenti nella storia della Repubblica nata proprio sull'onda del divisivo e sanguinoso 25 Aprile. Al punto che, come mi ha suggerito ieri un amico, per ripristinare un po' di verità, verrebbe voglia di spostare la celebrazione della Liberazione a un'altra data, perché quella vera, di liberazione, avvenne non un 25 ma un 18 aprile. Proprio in quel giorno del 1948 si celebrarono le prime elezioni post costituzione repubblicana e gli italiani con il loro voto scongiurarono il rischio reale e concreto della presa del potere da parte dei comunisti e dei socialisti.

Vinse con il 48 per cento del consenso e la maggioranza assoluta dei seggi la Democrazia cristiana di De Gasperi.

Solo a quel punto - in mano a moderati, cattolici e liberali - l'Italia trovò davvero la sua libertà (il rischio era di passare direttamente dal fascismo al comunismo di Togliatti), la sua collocazione definitiva nello scacchiere del mondo occidentale e l'inizio di un percorso di stabilità, di crescita sociale ed economica che la portò fino a essere l'ottava potenza del mondo.

Oggi, di fronte alla pericolosità di Di Maio e del governo tutto ci sarebbe bisogno, invece che delle risse e degli odi da «25», di un nuovo «18 Aprile» che rimetta l'Italia sui giusti binari della storia. Più che i «liberatori» - tanto per stare nel tema del giorno - questi governanti mi sembrano simili ai gerarchi di Salò che uno contro l'altro, asserragliati nel fortino, si occuparono solo di salvare se stessi, peraltro con risultati pessimi.

Matteo Salvini deve salvare il suo sottosegretario Siri, Di Maio la sua sindaca Raggi, il premier Conte il suo nobile posteriore, ognuno insomma ha un suo personale motivo per non fare prevalere il bene comune come si è ben visto l'altra sera a Palazzo Chigi, tanto che anche il decreto sviluppo è rimasto nel limbo.

Salvini ci rifletta, non ha il diritto di trascinarci tutti in questo buco nero.

Commenti

faman

Gio, 25/04/2019 - 16:19

il Direttore dice: "il rischio era di passare direttamente dal fascismo al comunismo di Togliatti", ma di quale rischio parla, a Yalta era già stata decisa la spartizione dell'Europa, Stalin avrebbe comunque abbandonato i comunisti italiani al loro destino, in cambio del dominio sull'Europa dell'est. I carri armati russi si sono perfino ritirati da Vienna abbandonandola all'occidente.

Rottweiler

Gio, 25/04/2019 - 16:30

Esimio direttore lei non considera il convitato di pietra. Il pdr non aspetta altro per rilanciare il governo m5stolti+PD+cespuglietti rossi vari. Non crederà mica ci mandino ad elezioni vero?

Cheyenne

Gio, 25/04/2019 - 16:48

il 18 aprile fu la vittoria della democrazia sul feroce comunismo del boia togliatti

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 25/04/2019 - 17:04

Su una cosa sono d'accordo: siamo in un buco nero. Ma questo buco nero è il risultato di tutta una serie di forze centrifughe la cui responsabilità non è né della Lega, né del M5S. E poi...Dubito fortemente sui risultati del referendum in cui vinse la forma di governo repubblicana; dubito fortemente che "questa" democrazia sia la migliore soluzione; dubito fortemente che "questa" Europa sia la migliore per l'Italia; così come dubito fortemente che "questa" ONU serva a qualcosa. Lei potrebbe pensare che vivo nel dubbio. Tutt'altro: ho molte certezze e le vedremo dopo le Europee.

gigi0000

Gio, 25/04/2019 - 17:05

"Salvini ci rifletta, non ha il diritto di trascinarci tutti in questo buco nero." Non ha il diritto, ma lo farà comunque, fregandosene degli italiani, dei leghisti e di tutti, pensando ovviamente solo a sé stesso ed al suo potere, credendosi l'unto del Signore.

MarioNanni

Gio, 25/04/2019 - 17:38

come negare che fu la sinistra italiana a scassare l'anima dell'Italia dal 45 in poi per portare i regimi stalinisti e maoisti su tutto il nostro Paese. non è riuscita nel "'68" ma, martella che ti martello, c'è riuscita nel 2011, con le trame sul governo democratico presieduto da Berlusconi, e perfezionato adesso con i 5stelle, ahimè, grazie, ancora ahimè, a Salvini.

Luchy

Gio, 25/04/2019 - 18:15

Rottweiler Gio, 25/04/2019 - 16:30 Certo che se continuiamo ad avere paura di quello che potrebbe fare Mattarella, che poi non è mica un matto, al voto non ci andremo mai per i prossimi 4 anni di casini come quelli di oggi.

CarlSchmidt

Gio, 25/04/2019 - 18:30

La maggioranza degli italiani che votarono il 18 aprile 1948, consegnandoci un paese che diventò in breve una delle maggiori potenze industriali del mondo, era fatta di persone ( per esempio i miei genitori)che conoscevano il valore e la bellezza del lavoro, dell'impegno personale e della libertà. Ricordo ancora le macerie che, bambino, vedevo intorno a me e le tante persone che lavoravano dalla mattina alla sera, dopo avermi accompagnato a scuola. Il 18 aprile, con l'aiuto appassionato della Chiesa (i Comitati civici) questi italiani vinsero e l'Italia cominciò una nuova vita. Gli italiani di questo tipo sono ancora la maggioranza ? Oggi sento parlare solo di mafia, ndrangheta, corruzioni varie. L'Italia mi sembra un paese triste, senza speranza nel futuro, ma solo capace di piccole cose e di pensieri meschini.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 25/04/2019 - 18:31

La prima guerra mondiale generò il fascismo, la seconda il comunismo. Il 18 aprile formalmente vinsero i moderati ma la cultura degli italiani, veicolata da un falso antifascismo, era comunista. Eran comunisti quelli che avevano la tessera ma lo erano, a loro insaputa, anche quelli che la tessera non l'avrebbero mai presa. Oggi siamo ancora lì. Sbraitano di sovranismo e populismo ma di ideologia comunista e fascista si tratta. Sono le uniche in circolazione anche se i loro partiti son defunti. Detto e sottoscritto da un decrepito liberale al 6%.

Ritratto di Cali85

Cali85

Gio, 25/04/2019 - 18:49

Sono tanti anni che vivo questa data e mi ha fatto sempre inca...re il fatto che in tutti i "BLA BLA BLA" della radio, televisione e carta stampata nessuno nomini i veri artefici della nostra Liberazione e cioè: Inglesi, Americani , Canadesi, Brasiliani,Australiani oppure qualsiasi altro di tutte le Nazioni che ci hanno liberato . Va bè che la storia la scrivono i vincitori ma raccontarci la storiella che i Partigiani , rossi, perché nominano solo quelli, hanno vinto la guerra è una bella "BUFALA"!

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Gio, 25/04/2019 - 19:29

Nel 1948 Con i patti di Jalta, il destino dell’Italia era già stato deciso. È un vero peccato che il 18 aprile del 1948 non abbia vinto il fronte social comunista di Togliatti e Nenni: ci sarebbe stata una novella guerra civile e con l’appoggio degli americani i comunisti italiani sarebbero stati estinti. Contrariamente hanno continuato e continuano ad imperversare contro la Nazione e contro gli Italiani.

Idrissecondo

Gio, 25/04/2019 - 19:32

Il ns "peccato originale" è di aver condotto la guerra sino al 43 con un alleato e poi con un altro. Sta lì la nostra differenza con gli altri popoli, che invece, vincitori o sconfitti che furono, fecero una guerra senza tradimenti. Sulla base di ciò, comunisti da una parte, ex fasciti democraticizzati dall'altra, è nata una nuova repubblica malata. Un referendum truccato monarchia/repubblica ha pure contribuito non poco ai nostri guai. Lasciamo poi perdere gli assassinii giustizialisti di fine guerra. Una repubblica nata sul sangue e sull'imbroglio. Così, dopo oltre 70 anni, si parla ancora di memoria, non di storia

ilrompiballe

Gio, 25/04/2019 - 19:34

Per faman : premesso che Stalin si ritirò dall'Austria (Galizia) nel 1955, Lei crede che se il PCI avesse vinto le elezioni il 18 aprile 1948 Stalin gli avrebbe imposto di lasciare il potere ai democristiani ? Io che pure da piccolo ho vissuto quei momenti non ci credo, dato che peraltro si andò avanti anni nel ritrovamento di depositi di armi opportunamente occultate dai compagni: ma forse Lei non era ancora nato.

michelefusco

Gio, 25/04/2019 - 19:36

Ma Sig. Sallusti, ieri sera a la 7 era proprio "addolorato" xchè qualcuno un pò di anni fà in Piazzale Loreto, in una giornata MEMORABILE, un partigiano aveva osato "urinare" su una figura femminile ..appesa a testa in giù, che guaio!!!!! chissà cosa aveva combinato quel personaggio che aveva al suo fianco, si dai ..i treni arrivavano in orario!!!! anche quelli che aveva inviato nei campi di concentramento, le leggi razziali!! le .. escursioni in Etiopia!!!! la libertà di stampa!!! gli amici portati a S. Anna di Stazzema!! Le ricorda qualcosa? Già, i partigiani non sono mai esistiti vero? Io invece li ringrazio TUTTI, se oggi sono libero, se oggi Lei è libero, lo deve anche a loro. W il 25 aprile, ABBASSO I fascisti!!!! finisco, "una mattina mi son svegliato ........"

investigator13

Gio, 25/04/2019 - 19:37

il 25 aprile festeggiamo l'occupazione americana, fuori i tedeschi dentro loro. Abbiamo assorbito la loro cultura, ci siamo americanizzati abbiamo seguito le mode più devastanti come il '68, droghe, separazioni, divorzi, distruggendo la famiglia siamo arrivati al femminicidio come conseguenza naturale, per non parlare di omosessualità. devianze di ogni genere, e noi festeggiamo….

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 25/04/2019 - 20:08

Ha ragione Direttore, ma i comunisti non hanno orecchio per quel che non vogliono sentire.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 25/04/2019 - 20:50

Sono più anziano del Presidente Mattarella, ma non ricordo comunque nulla della "liberazione". Né ricordo un'esaltazione così vivace della Liberazione come quella mostrata quest'anno. Guerra a Salvini? Ma lui non é "fascista".

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Gio, 25/04/2019 - 21:23

Che bella festa, il 25-4. La guerra civile continua... finisce in rissa tra pidioti e pentadementi, questi allontanati da quelli, i centri sociali strappano bandiere e striscioni ai poveri grilloidi, l'ANPI fischia aRraggi, la brigata ebraica insultata da ANPI e filo palestinesi. Che bello, che si scannino. Ha fatto bene Salvini, ma anche Berlusconi, a star lontano da queste marmaglie.

Paolo17

Gio, 25/04/2019 - 22:09

faman, ma vatti a rileggere un pò di storia che è meglio. Alle elementari, magari.

Rottweiler

Gio, 25/04/2019 - 22:22

Sì esatto, 4 anni di casini come nei 5 anni precedenti, 4 governi mai eletti (ma tutti di variazione di rosso)..... Alle elezioni non ci andremo fino al 2023.

faman

Gio, 25/04/2019 - 22:40

ilrompiballe-Gio, 25/04/2019 - 19:34: se Togliatti avesse vinto le elezioni del 1948, sarebbero stati gli americani a impedire ai comunisti di prendere il potere e Stalin avrebbe dovuto ingoiare il rospo (i comunisti greci non ebbero l'appoggio sovietico e furono sconfitti). Come gli americani hanno ingoiato il rospo coi colpi di stato comunisti nell'europa dell'est. Un intervento diretto dell'uno o dell'altro avrebbe scatenato una nuova guerra totale, poi non dimentichiamo che i sovietici ancora non avevano (fino al 1949) la bomba atomica.

Riccardo111

Gio, 25/04/2019 - 23:09

In effetti sarebbe meglio festeggiare il 18 Aprile, almeno mette d'accordo tutti.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 25/04/2019 - 23:09

Quando ci libereremo dal XXV aprile?

lorenzovan

Gio, 25/04/2019 - 23:23

carll schmidt..abbiampo avuto le stesse esperienze...ricordo un paese distrutto..la gente che lavorava e lavorava e i politici funzionavano...e chi rubava era messo all'angolo e in galera...quasi come ora......

lorenzovan

Gio, 25/04/2019 - 23:25

leonida.-..tu invece le hai talmente lunghe che gli asini ti hanno nominato loro re...lololo

lorenzovan

Gio, 25/04/2019 - 23:44

io ai neofascio applicherei la cura usata nell'Arancia meccanica di Kutrick...obbligati per ore..giorni..settimane ad assistere a proiezioni di immGINI REALI sulla seconda guerra mondiale e sulle miserie degli italiani comuni..poi per far bilancio PARI un centinaio di ore sui lager con annessi documENtari

Mr Blonde

Gio, 25/04/2019 - 23:47

non male, direi allora vista la democrazia liberale che fortunatamente siamo diventati di festeggiare sia l'uno che l'altro e di appendere, metaforicamente, a testa in giù tutti gli "ismi"

faman

Ven, 26/04/2019 - 00:14

Rottweiler-Gio, 25/04/2019 - 22:22: i governi in Italia non sono eletti, che sia giusto o no (io penso di no), i governi si formano nelle segreterie dei partiti e poi facendo la conta in Parlamento. Fino a che la legge è questa, i governi sono legittimi

faman

Ven, 26/04/2019 - 00:16

Paolo17-Gio, 25/04/2019 - 22:09: allora professore spiegami un pò tu la storia

mzee3

Ven, 26/04/2019 - 00:19

Direttore la credevo più intelligente! Certo anche il 18 Aprile è importante...anzi importantissimo ma senza il 25 non ci sarebbe stato il 18.

ziobeppe1951

Ven, 26/04/2019 - 00:34

michele FUSSCCO.....come diceva ORIANA FALLACI ....morire non è un dispiacere. Diventare inutile, quello si è un dispiacere....ABBASSO I KOMUNISTI!!!....finisco....GIOVINEZZA

acam

Ven, 26/04/2019 - 00:37

A stasera Italia ho sentito una tizia M5* con una mimica facciale impossibile corredata da un paio di occhiali ridicoli. ora ho imparato che in un discorso pubblico la postura prima di aprire la ciabatta é cosa importantissima perché già le prime parole diano un effetto convincente, il quasi piagnisteo di quella figura senza impatto sociale è stato terrificante e non ha certo reso servigio al suo porta gelati ha messo su un paio di pletore insostenibili che sicuramente non hanno fatto onore al partito che la sostiene. Di mai o ha bisogno di personaggi politicamente veramente rilevanti, che difendano la sua traballante posizione, o per dire cavolate basta a se stesso perché ne ha molte del suo. la posizione dell'anche bibitaro è costituzionalmente debolissima e addirittura controproducente speriamo la sostenga fino in fondo e silvio avrà ragione

ESILIATO

Ven, 26/04/2019 - 00:38

Critica fu la scissione di Saragat che finanziato dai sindacati usa e dalla massoneria fu abile a portare via un blocco di voti a Togliatti.

Ritratto di akamai66

akamai66

Ven, 26/04/2019 - 00:42

Indubbiamente l’aprile del 1948 fu importante ma finì lì, perché De Gasperi era solo, circondato da una DC di paracelsi. Quando a pochi mesi di distanza , a seguito dell’attentato a Togliatti, i partigiani scatenarono l’inferno, vi erano tutti i fondamentali per dichiarare i komunisti fuorilegge, analogamente a quanto era accaduto in Grecia, ma De Gasperi non ci provò nemmeno. Ci sarebbe voluto un personaggio come De Gaulle che non appena annusò il pericolo del maggio 1968, in rapida successione buttò fuori di casa la NATO per far piacere ai Russi, si recò personalmente a incassare il dividendo di poter far male ai compagni francesi e avuto il go, ordino al Generale Massu, che in Germania disponeva di un Corpo d’Armata corazzato di tenersi pronto ad occupare Parigi. Noi non abbiamo questi UOMINI abbiamo dei tiepidi chiacchieroni….al massimo diceva Montanelli qualche Masaniello. Che tristezza.

apostrofo

Ven, 26/04/2019 - 01:14

Fino ad un paio di anni fa del fascismo o neofascismo si parlava poco o niente, come giusto che fosse, data la esigua entità di nostalgici. La sinistra, soprattutto una Boldrini attivissima con i suoi "razzisti e neofascisti" ha dato un grosso contributo mediatico ad un certo risveglio, seppur insignificante ma presente, di quella ideologia in naturale contrapposizione con un comunismo strisciante e totalizzante nonché auspicato e dove possibile praticato nel paese, soprattutto nel settore immigrazione autonomamente decisa ed attuata dalla sinistra in quelle proporzioni per "ripopolare il paese" o, più esattamente, le "piazze" del partito

Michelepezzetti

Ven, 26/04/2019 - 01:34

Vorrei onorare in occasione della ricorrenza del 25 Aprile i MILITARI ( di leva ed effettivi) che parteciparono alla Liberazione. Questa storia è sconosciuta ad una larga parte degli italiani. Ieri dalla Gruber i giornalisti Severnigni, Sallusti e Telese hanno parlato a lungo dei Partigiani (pro e contro). Tuttavia nessuno di loro ha accennato a tutti i giovani che hanno combattuto la guerra di Liberazione a fianco degli alleati con l'Uniforme del RINATO ESERCITO ITALIANO! Non va mai dimenticato che questi soldati mostrano speranza nella totale disperazione dei più e coraggio nel generale scoramento dei molti, offrendo il loro sacrificio per quell’Italia libera e democratica che oggi conosciamo.

ex d.c.

Ven, 26/04/2019 - 01:57

Speravamo crollassero prima delle Europee ma questi due ridicoli personaggi sono troppo attaccati alle poltrone. Approfittiamo delle elezioni per disfarsene

Oraculus

Ven, 26/04/2019 - 07:05

Caro , carissimo Sallusti...gli errori di una italianita' sbagliata??...sono a monte della stessa , quella che si apprende nella prima palestra dell'apprendere a vivere , ossia quella dell'istruzione , quella che poi via vía conduce a quella formazione professionale di squinternati políticamente cresciuti per odiare piu' che amare...il voto??...in Italia e' solo espressione di odio...odio per chi e' meglio di noi!!...per chi guadagna piu' di noi...un odio piu' per sopprimere che...creare...e il comunismo lo dice tutto in merito...Sallusti?? , grazie per esistere.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 26/04/2019 - 07:15

Sin dagli inizi, questo governo non mi ha mai sodisfatto!!! Ciò che sta succedendo era prevedibile, perchè lo stato ha sempre tenuto la popolazione ad ignorare la vera verità della politica!!! Il movimento 5 Stelle è stato votato dalla popolazione del profondo sud,"""MA COSA CI CAPISCONO QUESTI, QUANDO VOTANO I LORO PARLAMENTARI??? CHE UNA VOLTA AL GOVERNO, SE NE FREGANO DELLE LORO PROVINCE E LE LASCIANO NELLE MANI DELLE MAFIE LOCALI O DELLA CAMORRA??? LA LEGA? NON VORREI CHE Salvini FACESSE QUALCHE PASSO FALSO, COME HA FATTO Berlusconi??? ORA ASPETTIAMO LE VOTAZIONI EUROPEE, POI RIFAREMO L`ITALIA PER QUELLO CHE VALE, NON PER CIÒ CHE I LECCHINI DEL 'PD' HANNO FATTO, (Svendere i tesori del paese, perche sono di proprietà degli Italiani, non dei MIGRANTI, ne dei TEDESCHI o FRANCESI ne dell`EUROPA"""!!!

Oraculus

Ven, 26/04/2019 - 07:18

Allora??...ando' cosi' , ma poi la DC si perse in errori come quelli di voler rendere compatibilita' con...l'incompatibilita' e Moro ne fu l'alfiere...poi vennero i socialisti coi comunisti...sino ad ora , ídem con quelli del M5S coi PD...divisi ma , stessi cervelli e stessi intenti...demolire le economie per dare piu' giustizia ai...fancazzisti...e cosi' siamo come dei naufraghi...vaghiamo in un mare di guai...pronti ad acchiappare qualsiasi soluzione pur di stare a galla...

HARIES

Ven, 26/04/2019 - 07:27

Comunque, anche questo 25 Aprile 2019 è passato ed è stata l'ennesima occasione per attaccare questo Governo. Ogni pretesto è buono per la nostrana opposizione, e i media ovviamente devono riempire gli enormi vuoti della loro comunicazione con tante notizie contraddittorie. Sicuramente ci sarà molta attenzione nelle prossime Elezioni Europee. Il Popolo deciderà! Staremo a vedere quale strategia si inventeranno quei politici che hanno affamato il Popolo, per stare a galla.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 26/04/2019 - 07:41

@michelefusco 19:36-Guarda che i fatti di Sant Anna di Stazzena e tutte le altre rappresaglie, sono state provocate a causa dei tuoi "eroici partigiani". Che colpivano vigliaccamente lasciando poi le popolazioni inermi in mano ai tedeschi!

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 26/04/2019 - 07:42

io antighibellino....sempre!!

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Ven, 26/04/2019 - 07:49

il 18 fu possibile grazie al 25 Aprile e ai Partigiani cattolici liberali socialisti comunisti monarchici repubblicani azionisti anarchici repubblicani come si fa a dire che i partigiani furono ininfluenti alla liberazione ?(i partigiani ebbero oltre 44000 vittime) w i badogliani w gli Alleati...w la Democrazia e chi il 25 luglio rendendosi conto che la guerra era persa per non far radere al suolo l'Italia prese quella decisione. W 8 settembre. RICORDO A TUTTI CHE INNANZITUTTO IL 25 APRILE È LA DATA DELLA FINE DELLA GUERRA e di una DITTATURA! Abbasso tutte le dittature le xenofobie e le guerre e più di tutte quelle offensive e quella dichiarata da Mussolini fu una guerra offensiva, mise in piedi una dittatura razzista, cancello tutte le libertà di dissenso ...rosse o nere o azzurre o ciclamine...io sono contro tutte le dittature e le xenofobie. abbasso tutti gli orrori da varie parti commesse...ma non dimentichiamoci delle leggi razziali e della dittatura.

VittorioMar

Ven, 26/04/2019 - 08:06

..ci sono delle Ricorrenze che hanno perso il loro più "INTRINSECO" Significato : per l'inquilino del Vaticano la PASQUA e NATALE; per l'inquilino del Colle il 25 Aprile ..divisivo tra Italiani ;per i Sindacati il 1° Maggio per mancanza di Lavoro e di Lavoratori...solo Pensionati ...e accorparli al 2 GIUGNO !!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Ven, 26/04/2019 - 08:08

Per tutti i comunisti che si sono affrettati a commentare,mettetevi l'animo in pace,i partigiano si presentarono agli americani a guerra gia vinta e loro chiesero;ma voi chi siete? VIVA IL 18 APRILE

mariolino50

Ven, 26/04/2019 - 08:20

Sembra che la storia la conoscano in pochi, L'Italia era stata conquistata dagli americani, come deciso a Yalta, e i comunisti non avrebbero mai vinto, anche taroccando le elezioni, eravamo ancora sotto stretto controllo militare americano, e parecchio anche ora. Togliatti lo sapeva benissimo, e quando gli spararono la prima cosa che fece uscito dai ferri, fù tranquillizare i suoi, sapeva benissimo che sarebbero morti tutti se veniva fatta una sollevazione popolare.

ItalianoAllEstero

Ven, 26/04/2019 - 08:32

Direttore, forse dovremmo festeggiare entrambe le date. Il 25 aprile perché segna la fine dell’inutile guerra civile causate dai fascisti e la liberazione dell’Italia dei nazisti alleati dei fascisti. Il 18 aprile perché provò che i comunisti italiani, al contrario dei fascisti italiani, rispettavamo completamente le regole della democrazia.

Ritratto di Walhall

Walhall

Ven, 26/04/2019 - 10:02

@carlottacharlie: convengo totalmente con lei. I 5stelle sono un fallimento della intellighenzia italiana, i rappresentanti di un mondo astratto e possibile nella siderale anonima malinconia dell'etere. Mi viene infatti in mente una citazione di Albert Einstein che è calzante: "Il mondo che abbiamo creato è un riflesso del nostro modo di pensare. Non possiamo cambiarlo senza cambiare anche i nostri pensieri". Il popolo italiano più che castigarsi desidera essere salvato, ma i salvatori come sappiamo, hanno le lingue lunghe, le maniche strette e un baratto sleale. A maggio si vedrà se la gente guarderà ancora le "stelle", cinque per l'esatezza, oppure si convincerà che è l'attività del giorno a sancire il progresso, purché il sole non sia...rosso!!!!!!

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 26/04/2019 - 10:11

egregio direttore, ho aspettato la fine dei comizi elettorali, pro comunisti del 25 aprile. ieri ho guardato tutti i canali televisivi possibili(nazionali,regionali e cittadini)e ho sfogliato alcuni giornali in rete, compreso il suo, non ho trovato una sola citazione di un vero e quasi unico partigiano, che "parteggiava" per gli italiani e per l'italia, l'ormai dimenticato salvo d'acquisto, che al contrario dei così detti partigiani romani di via rasella(che scapparono e fecero fucilare 335 innocenti)si accusò pur senza colpo ferire, per salvare 20 italiani innocenti dal plotone nazista schierandosi lui davanti a quel plotone e fu fucilato il 23 settembre del 1943, aveva 22 anni, mentre i "partigiani" dopo la guerra andarono tutti al governo e nelle istituzioni, per "rifocillarsi" dalle grandi battaglie sostenute nei nascondigli e all'aestero, l'unico loro obbiettivo era quello di portare il comunismo russo in italia!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 26/04/2019 - 10:35

Concordo con Lei Direttore sulla necessita di cambiare la data per la celebrazione della fine del conflitto ma propongo l' 8 Maggio perché è quel giorno che è finita la 2° guerra Mondiale. Mentre fino a quella data c'è stato in Italia uno stato di guerra civile, a riprova di questo l'amministia Togliatti che interessava i reati compiuti fino al 18 Giugno 1946.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 26/04/2019 - 10:47

@lorenzovan - io, ai comunisti invasati come te, farei vedere i sorci verdi dopo aver proiettato tutti i massacri perpetrati da loro. Ma solo un cortometraggio, perchè non basterebbe una vita per proiettarli tutti.

Sabino GALLO

Ven, 26/04/2019 - 10:57

Crto , il compieto sarà "duro" per tutti ! Ma, cosiderando i riferimenti del Direttore, il compito più pericoloso e difficile è quello del capo rappresentativo di "tutti" ! Forse, la soluzione migliore (per Lui) è quella di occuparsi il più possibile di relazioni internazionali, lontano dall'Italia !

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 26/04/2019 - 11:09

Prevediamo tempi difficilissimi per la Nostra fragile democrazia e come avvenne per il Governo Allende che si ostinò, nonostante la DC cilena avesse tolto la maggioranza, a governare tre mesi mandando il Cile completamente sott'acqua, così questo Governo se non si fermerà. Forza Italia e shalòm.

idleproc

Ven, 26/04/2019 - 12:04

Non se ne pu' più. dopo essersi venduti la baracca hanno fatto caciara per il 25 aprile, dopo essere diventati tutti finanzieri e essersi venduti i lavoratori e i poveri italiani, faranno caciara per il primo maggio, poi comincierà il caldo e faranno caciara per il riscaldamento globale. Veramente ci vuole un bel po' di "resistenza". Passerà.

mozzafiato

Ven, 26/04/2019 - 13:03

ÄDRIANO R. leggo con intersse i tuoi garbati e sensatissimi commenti, anche se molti non li condivido. Significativo il tuo accostamento circa il comportamento criminale di allende in Cile; tuttavia nel nostro caso dimentichi che questo governo ha una sostenuta maggioranza parlamentare cosa che invece il "MARTIRE DEL FASCISMO" allende NEL PARLAMENTO CILENO, NON AVEVA.Saluti

faman

Ven, 26/04/2019 - 14:17

tomari-Ven, 26/04/2019 - 07:41: dimmi tu cosa dovevano fare gli italiani per riconquistare la libertà dalla dittatura e dalla feroce occupazione nazista? per i fascistoidi come te la risposta è semplice: leccare i piedi agli occupanti.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 26/04/2019 - 14:21

X faman: .... a Yalta era già stata decisa la spartizione dell'Europa ... con estremo disappunto dei "partigiani" rossi! Grazie agli alleati, che hanno liberato l'Italia, il pericolo rosso di finire nelle sgrinfie di stalin era così scongiurato.

mozzafiato

Ven, 26/04/2019 - 14:28

pero' ragazzi ! Possibile che bisogna ripetere sempre le medesime cose ? Se questo e un governo di dilettanti... quei governi di professionisti che ci hanno ridotto in questo stato pietoso... come devono essere definiti ? Stessa domanda, MA LA RISPOSTA TRAGICAMENTE, ANCORA NON ARRIVA !!!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 26/04/2019 - 14:34

X faman: forse non te ne sei accorto, ma implicitamente riconosci che stai raccontando la "tua" storia ....

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 26/04/2019 - 14:38

X faman: forse hai un po' di confusione nella cervice, noi siamo stati liberati dall'occupazione nazista dagli alleati anglo-americani, gli "occupanti," come li chiami tu, erano i tedeschi.

faman

Ven, 26/04/2019 - 14:53

scimmietta-Ven, 26/04/2019 - 14:38: guarda che in altre occasioni ho detto che sono stati gli alleati a liberare l'Italia, il merito va a loro, però anche gli italiani mi sembra che avessero il diritto di ribellarsi. Poi non capisco la tua puntualizzazione sugli "occupanti": hai detto che erano i tedeschi, io li ho chiamati nazisti, ma non credi sia la stessa cosa?

faman

Ven, 26/04/2019 - 14:58

scimmietta-Ven, 26/04/2019 - 14:21: se tu leggessi i miei commenti sapresti che ho scritto: a Yalta era già stata decisa la spartizione dell'Europa, è inutile che tanti starnazzino che l'Italia ha corso il rischio di diventare comunista, non sarebbe mai successo, se anche avessero vinto le elezioni, gli americani non avrebbero mai permesso che prendessero il potere e Stalin avrebbe dovuto ingoiare il rospo e abbandonare il PCI al suo destino. Come gli americani hanno ingoiato il rospo, ad esempio col colpo di stato comunista in Cecoslovacchia nel 1948.

mozzafiato

Ven, 26/04/2019 - 15:13

SCIMMIETTA i soliti petecchiosi rossi che ci ammorbano qui, sono incurabili ! Loro la storia se la scrivono e se la cantano, trincerandosi dietro le menzogne di storici ignoranti komunisti e parassiti ABILITATI DAL SISTEMA. Sui libri di G. Pansa (PER ESEMPIO) CI SONO PERSINO NOMI E COGNOMI DI alcuni di QUESTI FALSI STORICI senza faccia ne onore! Inoltre credo che la gente sia completamente ignorate sull'argomento fascismo e partigiani rossi E NON IMMAGINANO NEMMENO CHE POSSANO ESISTERE CHE SUL MEDESIMO ARGOMENTO C'E'CHI PERSINO PER HOBBY "STUDIA LA MATERIA" DA DECENNI ed e'in possesso di montagne di documentazione !!!

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Ven, 26/04/2019 - 21:00

Non nego che il fascismo sia stata una dittatura e che ci sia stato bisogno di una movimento che lo sconfiggesse, unitamente agli alleati. Ma fermiamoci qua. Il comunismo al potere sarebbe stata una iattura atroce per l'Italia. Gli americani furono praticamente isolati nel mondo nella loro lotta per evitare che il comunismo prendesse piede almeno nell'Europa occidentale. Per nostra fortuna ci sono riusciti. Le cose sono andate come era bene che andassero quel 18 aprile. Per quello l'Europa, e segnatamente, l'Italia, è potuta poi crescere in democrazia e benessere. Riuscendo, in quegli anni privilegiati, anche a dimenticare, almeno in parte, le divisioni.