Ancora schiaffi dal Tar, Marino fa i conti con la terza bocciatura

La gestione del sindaco di Roma è un continuo fare e disfare: ora bisognerà rimodificare (ancora) tutta la cartellonistica delle tariffe per le strisce blu. Chi paga?

L'aumento delle tariffe per le strisce blu di Roma, non s'ha da fare. Il Tar, infatti, accogliendo un ricorso presentato dal Codacons, ha annullato la delibera del 29 luglio con cui il Comune aveva decretato i rincari (1,50 euro l'ora) e, insieme, la cancellazione della tariffa agevolata giornaliera e dell’abbonamento mensile. Eppure, su tutta la cartellonistica della Capitale, le tariffe erano gia state modificate. Ed ora, bisognerà farlo di nuovo (e chi paga?). Insomma, la gestione del sindaco di Roma, Ignazio Marino, è un continuo fare e disfare.

Ed ormai senbra che a Roma decida tutto il Tar. Anzi, senza il sembra. Con quella di ieri, infatti, la giunta Marino colleziona la terza bocciatura, di fila, del tribunale amministrativo del Lazio. Tutto iniziò con la delibera sugli aumenti dei pass per la zona Ztl e quella che disponeva, ad anno scolastico iniziato, gli aumenti delle tariffe per gli asili nido.

Il Campidoglio, attraverso l’assessore alla Mobilità Guido Improta, ha fatto sapere che ricorrerà al Consiglio di Stato contro "una sentenza che è culturalmente sbagliata" e nella quale il Tar si sarebbe spinto "a compiere delle valutazioni politiche che non ci convincono proprio". Certo, la poltrona di Improta sembra sempre più instabile.

Ma il Tar ha giustificato la decisione mettendo in luce le carenze tecniche della delibera, a loro avviso "caratterizzata da una istruttoria incompleta e inadeguata", per di più basata su uno studio sull’adeguatezza del trasporto pubblico fermo al 2008. Per il Tar, inoltre, "non vi è stata alcuna verifica circa la specifica domanda di sosta nelle diverse zone tariffate, né alcuna differenziazione è stata operata, ad esempio, tra soggetti che provengono da zone già coperte da servizi “forti” di trasporto pubblico, ed utenti che, invece, si spostano da zone periferiche o, comunque, non adeguatamente servite".

Commenti
Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 18/03/2015 - 10:56

A questa gente, da Nord a Sud passando per il Centro, non interessa un fischio la viabilità. Per loro, maestri dello sperpero, conta solamente fare cassa per ripianare i buchi del loro bilancio, mica per tappare le buche stradali. Sekhmet.

APG

Mer, 18/03/2015 - 13:40

Che schifo di città è diventata Roma, un suk immondo, un lupanare a cielo aperto! Credo che quanto a sporcizia, a insicurezza, a illegalità sia la numero 1 in Italia. Quel cesso di città che è ormai diventata Milano, al confronto, è la Svizzera! Altro che Città Eterna e capitale d'Italia, Roma è ormai diventata una città latrina mefitica e nauseabonda.

FRANZJOSEFF

Mer, 18/03/2015 - 13:53

SIG. APG SONO D'ACCORDISSIMO CON LEI. HO VISTO ROMA DOPO IL PRIMO SINDACO DI SINISTRA COME ERA STATA RIDOTTA. HO GIURATO CHE NON AVREI MAI PIU' MESSO PIEDE IN QUESTA CLOACA MASSIMA CHIAMATA ROMA. STAVO A ROMA E MI FACEVA SCHIFO ESSERCI.

Ritratto di gianni2

gianni2

Mer, 18/03/2015 - 14:11

questo sfigato dovrebbe essere messo a pascolare le pecore. Dopo un adeguato insegnamento.

arnaldo40

Mer, 18/03/2015 - 14:47

Per coprire quella faccia da ebete, si é fatto crescere pure la barba. Questo losco individuo sta facendo del tutto per distruggere Roma, e lo fa di proposito. È un vile disgraziato. Pensa a cambiare il logo di Roma, ma non gliene frega nienti di quartieri come San Lorenzo, Pigneto, Tormarancia, Torsapienza, Tor bella Monaca Infernetto, ed altri ancora dove la sicurezza, la legalitá, la pulizia, sono chimere. In questi quartieri questo essere immondo, non ha mai messo i suoi luridi piedi. Di sindaci di sinistra ne abbiamo avuti tanti, ultimi dei quali Rutelli e Veltroni, ma un essere come marino Roma non se lo meritava preoprio.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 18/03/2015 - 14:50

intanto lui celebra matrimoni di lesbiche e finocchi.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 18/03/2015 - 14:53

So-Marino, cacciamolo a pedate una volta per tutte. Gentaglia.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 18/03/2015 - 16:03

Il fatto INDEGNO è che questa GENTAGLIA non ha ne PUDORE ne DIGNITA' perchè la POLTRONA e i SOLDI contano più dell'ONORABILITA' sociale e del Cognome che si porta!! Tutto fanno tranne il desiderio del Popolo. Ma allora quale sarebbe il VOSTRO servizio SUPER PAGATO???????