Un anno fa moriva Ermes Mattielli: "Vittima dei ladri e dello Stato"​

Oggi il primo anniversario dalla morte di Ermes Mattielli, morto dopo l'assurda condanna a 5 anni di carcere e 135mila euro di risarcimento per aver sparato a due ladri rom entrati nella sua ricicleria

È passato già un anno da quel 5 novembre del 2015 quando morì Ermes Mattielli. Il rigattiere di Scalini (Vicenza) era stato condannato dal Tribunale a 5 anni e 4 mesi di carcere e 135mila euro di risarcimento per aver ferito a colpi di pistola due ladri rom che si erano introdotti nella sua ricicleria. Una vittima trasformata in carnefice da una giustizia che troppo spesso tutela i delinquenti e castiga gli onesti.

Oggi pomeriggio il comitato Prima Noi, che è stato al fianco di Ermes durante tutta la sua battaglia legale, ha deposto un mazzo di fiori e una targa in ricordo di Mattielli. (GUARDA IL VIDEO) "Siamo stati al cimitero per visitare la sua tomba - afferma Alex Cioni, il portavoce del comitato - e davanti alla casa dove viveva le sue giornate". Dopo un anno, l'attenzione mediatica si è spenta, ma non il ricordo di chi gli è stato vicino. "Noi vogliamo ricordare la figura di un uomo - continua Cioni - che si è trovato suo malgrado a dovere affrontare una battaglia sulla legittima difesa che riteniamo non possa finire del dimenticatoio. Anzi, nel ricordare Ermes Mattielli, intendiamo risollevare una questione che oggi rimane, spenti i riflettori, nei cassetti della politica che deve assumersi le proprie responsabilità legiferando in modo da tutelare le vittime e non i delinquenti. La sua storia merita di essere ricordata proprio per evitare che drammi simili tornino nell'agenda politica dei partiti solo per rincorrere un fatto di cronaca nera sottoposto ai riflettori dei media".

La vicenda di Ermes

Era il giugno del 2006 quando Ermes Mattielli, lavoratore inabile, usò la sua calibro 9 e scaricò l'intero caricatore - 15 colpi - contro due nomadi, ferendoli. Erano entrati nella sua ricicleria di Arsiero armati di spranga per portargli via il rame. Non era il primo furto che riceveva. "Approfittavano dei miei problemi fisici - aveva detto nella sua ultima intervista a ilGiornale.it - e per questo mi avevano trasformato in un bersaglio. Non ne potevo più". Dopo un lungo percorso giudiziario, i giudici decretarono per la sua colpevolezza: cinque anni e quattro mesi di reclusione per duplice tentato omicidio dei nomadi Blu Helt, allora 28enne, e Cris Caris, 22 anni al tempo dei fatti. Inoltre il Tribunale stabilì un risarcimenti di 135mila euro di provvisionale.

Il rigattiere quei soldi non li aveva. "Derubato di notte e deriso dalla giustizia di giorno", amava ripetere. Poi il 1 novembre scorso, anche a causa dallo stress per una vicenda giudiziaria assurda, Ermes venne ricoverato per un infarto. Dopo quattro giorni morì nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Alto Vicentino di Santorso.

Oggi, ad un anno dalla morte, di fronte alla sua casa rimane un mazzo di fiori, una targa e un enorme murale. Due sole parole: "Ciao Ermes".

Commenti
Ritratto di armandoesse

armandoesse

Sab, 05/11/2016 - 19:54

I rom non dovrebbero poter godere di quello che era suo

petra

Sab, 05/11/2016 - 21:00

E' vergognoso come è stato trattato dall'Italia questo concittadino. Magistrati, governo, una cosa ignobile. E poi vorremmo il rispetto dal mondo? Ma chi non rispetta se stesso come puo' aspettarsi rispetto dagli altri?

forbot

Sab, 05/11/2016 - 21:16

Mi associo a quanti ritengono ingiusta la condanna inflitta al Mattielli-.

Ritratto di malatesta

malatesta

Sab, 05/11/2016 - 21:29

Chi l'ha condannato dovrebbe mettersi in ginocchio e chiedergli scusa..

forbot

Sab, 05/11/2016 - 21:30

Sono convinto che il caso capitato a Mattielli sia stato la causa principale del suo prematuro decesso. Elevo alla memoria di questo uomo una fervida prece. Ai ladri che hanno infranto il Settimo Comandamento di trovare prima o poi dei Giudici Giusti !

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 05/11/2016 - 21:31

---2 ragazzi rom cercano di entrare nel capannone adiacente alla abitazione del mattielli- -suona l'allarme --il mattielli si precipita all'esterno armato di pistola -i due ragazzi iniziano a fuggire a mani vuote--il mattielli spara loro alle spalle---ne attinge uno alla schiena e l'altro alla coscia col femore che si spappola--entrambi i ragazzi sono a terra in una pozza di sangue --implorano pietà e chiedono al mattielli di chiamare i carabinieri----

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 05/11/2016 - 21:31

-(segue)-il mattielli si avvicina al primo e spara 5 colpi--lo attinge agli arti inferiori e superiori -poi mira alla testa--il ragazzo disperato si dimena-parte il colpo gli frantuma la mascella, gli rompe otto denti e gli buca la lingua, ma non lo uccide-il mattielli si avvicina all’altro giovane accasciato e gli spara nove colpi addosso-quando mira alla testa ha finito il caricatore-in tutto ha sparato 5 pallottole ad una sagoma e 10 all’altra --esiste qualcuno sulla faccia della terra che possa definire l'operato del mattielli legittima difesa??????--voi siete fuori di brutto--

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 05/11/2016 - 21:36

In un paese veramente DEMOCRATICO NO, caro amico armandoesse 19e54, ma nell'Italia di FROTTOLO e HALF/ANOOO....... Ecco perchè #IOVOTONO. Saludos dal Nicaragua.

Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 05/11/2016 - 22:17

La condanna purtroppo per, lui sembra del tutto giustificata. L'operato del rigattiere veneto non può veramente qualificarsi come "legittima difesa". Ci sono le leggi e c'e' giurisprudenza che ne delineano le caratteristiche e in questo caso non ci siamo proprio. L'esercizio arbitrario delle proprie ragioni e un intento punitivo che non competeva certo al Signor Mattielli ma alla giustizia sono fatti che non dovrebbero essere dimenticati pur nell'umana pietà per questa triste vicenda.

LaGaviota

Sab, 05/11/2016 - 22:42

I rom mandano i minorenni a rubare nelle nostre case, portano le mogli ad elemosinare , gli adulti fanno i ricettatori e i rapinatori.......e gli italiani gli danno le case e la paghetta giornaliera. Basta! Cacciamoli tutti!

Ritratto di ALBACHIARA333

ALBACHIARA333

Dom, 06/11/2016 - 00:21

UN RICORDO AL POVERO ERMES VITTIMA DI UN GOVERNO VERGOGNOSO E DI UNA MAGISTRATURA IGNOBILE CHE PROTEGGE E DIFENDE DISONESTI E DELINQUENTI ROVINANDO SENZA PIETÀ GLI ONESTI CHE CERCANO DI DIFENDERSI. PRIMA O POI QUESTI CARNEFICI SI PRESENTERANNO DAVANTI AL GIUDICE SUPREMO DOVE FINALMENTE TRIONFA LA GIUSTIZIA

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 06/11/2016 - 00:22

Ermes Mattielli resterà la vittima drammaticamente ingiusta della depravazione ideologica del comunismo che è arrivata ad inquinare tragicamente la giustizia del nostro paese. Rimarrà la macchia nera di una parte della magistratura che ha perso ogni rispetto delle istituzioni e del diritto in ossequio ad una ideologia disumana.

Ritratto di Alleaf55

Alleaf55

Dom, 06/11/2016 - 01:17

E vai, elkid !!! Solo una mente bacata dalla malafede poteva cercare di trasformare un povero disabile vittima di una serie vergognosa di furti (da parte di due mxrde che non hanno fatto altro che delinquere in tutta la loro vita) in una belva fredda e sanguinaria, che nemmeno i killer di Gomorra !!! Fatti curare, ma te ne serve uno davvero bravo.

LaGaviota

Dom, 06/11/2016 - 01:52

-(segue)-:questa gente non cambia, per sempre vivranno da parassiti, ladri e ricettatori. Se ne avranno l'opportunita' ammazzeranno senza pietà ,porteranno le loro mogli a mendicare e manderanno i figli minorenni a sfilare portafogli e rubare negli appartamenti. Quando sono a terra chiedono pietà solo per strategia, ma poi ubriachi a bordo dei loro macchinoni ammazzeranno e spadroneggeranno. No nessuna pietà.

alfa2000

Dom, 06/11/2016 - 05:14

per rispondee ad ELKID, forse, e ripeto forse si potrebbe trattare di eccesso di legittima difesa, ..... ma adesso prova un pò tu a pensare che questi 2 gentiluomini si siano presentati a casa tua,.... DOPO VARI ALTRI ATTENTATI PRECEDENTI, e magari in casa hai un paio di bambini, poi ce lo dirai come reagisci tu. sciocca persona e quì mi taccio

levy

Dom, 06/11/2016 - 08:02

Elkid- Quei due ragazzi che entrarono a rubare dovevano sapere che a conseguenza della loro azione gli poteva succedere di tutto, incluso perdere la vita, troppe volte i derubati hanno perso la vita senza colpa. Chi è causa del suo male dia la colpa a sè stesso.

levy

Dom, 06/11/2016 - 08:04

Purtroppo dobbiamo dire che Ermes è morto invano, perchè la legge sulla difesa dei propri beni e della vita non è cambiata.

Martinico

Dom, 06/11/2016 - 08:23

Elkid, per come hai esposto i fatti, sicuramente hai ragione non era piena e assoluta legittima difesa ma non è umanamente possibile scaricare sulla povera gente onesta che lavora, suda, si svena con le tasse ecc ecc...tutta la responsabilità di un apparato statale che non è in grado di fermare chi non ha diritto di circolare liberamente nel territorio per reati commessi e reiterati fino alla nausea. La povera gente che commette questi eccessi di legittima difesa, dovrebbero avere una sentenza equa dove come attenuante ci deve essere l'errore della giustizia che produce esasperazione. L'errore di uno stato che a sua volta dovrebbe essere condannato. Perché ciò produce una difesa sommaria, non sempre in linea con la legge.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 06/11/2016 - 09:41

Dedicategli una stanza alla camera dei deputati. L'hanno dedicata pure al mancato omicida di un carabiniere.....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 06/11/2016 - 10:40

@elkid, io avrei finito l'opera, se vuoi saperlo. Se lo avesse fatto forse sarebbe ancora vivo. Non so se non ha potuto o è stato impedito da altri che erano a far da palo che hanno chiamato la polizia. Nessuna pietà, perchè questi delinquenti non ne hanno, visto le loro scorribande.

Massimo25

Dom, 06/11/2016 - 10:53

I suoi assassini hanno nome e cognome e sono tuttora in attività..e non sono i due rom

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 06/11/2016 - 11:01

Con Ermes MATTIELLI, con i tanti come lui presenti nella società, che non hanno voce. Diffusi ovunque, anche tra quanti vivono in condizioni più agiate. Oppressi da una magistratura malata, malatissima, diffusa estesamente nei nostri territori e protetta dai Davigo come fosse la Dea Kalì. Contro i Davigo, verniciati di perbenismo sociale ed istituzionale. -riproduzione riservata- 11 - 6.11.2016

Luigi Farinelli

Dom, 06/11/2016 - 11:59

Se qualcuno se ne è accorto, almeno non a sinistra dove su queste cose sono molto "distratti", la situazione sta degenerando sempre più. E così continuerà finchè non si riuscirà a sbattere davanti agli occhi della gente le cifre, i dati, i riscontri VERI E OGGETTIVI e non quelli truffaldini e alterati dalla propaganda politicamente corretta: dalla vergognosa connivenza delle Istituzioni come nel caso di Hermes alle vere responsabilità della destabilizzazione a livello geopolitico in Africa, Europa e Medio Oriente; dalla truffa del "femminicidio" al degrado urbano in mano a sbandati e immigrati senza controllo; dalla violenza sempre tollerata dei centri sociali anarcoidi (stolidi strumenti dello stesso regime mercantilista e massonico) alla truffa del "riscaldamento planetario antropico"; dalle balle sui "generi intercambiabili al pansessualismo con il quale si stanno corrompendo i bambini a scuola.

elalca

Dom, 06/11/2016 - 12:05

elkid: ha perso ancora una buona occasione per tacere. pirla

Ritratto di Zione

Zione

Dom, 06/11/2016 - 12:30

GIUDICIUME !!!

tofani.graziano

Dom, 06/11/2016 - 12:53

E' passato un anno dalla tua morte ERMES ma credimi che non sei stato dimenticato.Riposa in pace e caccia dalla tua mente il ricordo di coloro che non ti meritavano e non ti meritano

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 06/11/2016 - 13:13

elkid,come ti rammento da sempre,censura permettendo: fa' la cosa giusta, così ti ricorderemo per aver contribuito "volontariamente", con la tua dipartita, alla diminuzione all'emissione della CO2!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 06/11/2016 - 14:04

Quanto ha postato da Elpirl21e31, ci fa capire una sola cosa. La colpa di quanto LUI descrive meticolosamente e maniacalmente è dello STATO (delle sue istituzioni) perche uno STATO che lascia liberi di delinquere soggetti come questi, è uno stato ASSENTE!!!! TUTTO IL RESTO CHE HA DESCRITTO è SPAZZATURAAAA!!! VAI A FARE IL ROMANZIERE!!! #IOVOTONO, anche per cambiare questo schifo di stato.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 06/11/2016 - 15:37

-----voi non volete la legittima difesa che già c'è in italia---voi volete la licenza di uccidere hic et nunc----mi dispiace deludervi ma questa licenza è solo appannaggio degli 007 della regina----mattielli non è un assassino solo per pura fatalità ---non mi ispira nessun sentimento di compassione---per chi conosce le carte è così---hasta luego

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 06/11/2016 - 15:38

Se non si rispettano le leggi la nostra società va a farsi benedire E le leggi dovrebbero essere applicate a tutti nel modo più giusto possibile La vendetta privata non è segno di civiltà, solo allo stato compete applicare la giustizia Anche se non siamo d'accordo e non ci piacciono certe sentenze. Mattielli ha sbagliato ed e stato condannato I due albanesi sono stati anche loro condannati per il crimine che avevano commesso (furto, paradossalmente meno grave del tentato omicidio e lesioni gravissime per le quali il Mattielli e' stato condannato) Uno di loro è rimasto invalido a vita, il risarcimento si riferisce a questo fatto Pensate ai fatti come sono avvenuti e non alle persone o alla loro origine nel giudicare questi tragici eventi