Arrestato e condannato ma libero. Così il killer ha ucciso Stefano

Said era stato fermato per due volte per violenze sulla ex compagna: "Sputi e calci". Poi la condanna. Era in attesa dell'appello

Said Mechaquat, il marocchino con cittadinanza italiana che ha ucciso con una coltellata alla gola Stefano Leo a Torino nella zona dei Murazzi, a quanto pare aveva diversi precedenti penali quando ha deciso di accoltellare in modo mortale il ragazzo. La prima condanna in primo grado è arrivata il 20 giugno del 2016. Come rirporta la Stampa le accuse sono pensanti: violenza fisica psicologica, ingiurie, minacce e danneggiamenti.

Nelle motivazioni della sentenza emerege il vero volto di Said Mechaquat: "Un violento che aveva ridotto la sua ex compagna in uno stato di succubanza, costretta a subire percosse e minacce con frequenza costante. Per sua stessa ammissione almeno tre volte al mese". L'uomo a quanto pare prendeva a calci e pugni la sua compagna costretta spesso alla fuga da casa. Il procedimento dopo il primo grado si è bloccato.Said è in attesa della sentenza di appello che non è ancora stata fissata. Ma già nel 2015 il marocchino aveva avuto i primi problemi con la giustizia. Il 19 febbraio 2015 aveva subito una condanna a un anno e due mesi. Il motivo? Sempre lo stesso: violenze sulla sua compagna. La donna era stata colpita con pugni e schiaffi. Anche calci mentre la donna era incinta. Un vero e proprio incubo. La storia tra Said e la sua ex compagna Ambra è stata di fatto scandita dalle violenze e dalle denunce. Said viene arrestato per ben due volte. Nel 2013 i poliziotti trovano la donna seminuda in strada in lacrime con il piccolo figlio tra le braccia. Era stata picchiata. Dieci giorni di prognosi. Come ricorda sempre la Stampa, Said viene scarcerato. Ma tornano le violenze. Dopo le denunce, la condanna per Said arriva nel 2015. L'uomo però è rimasto in libertà fino all'incontro con Stefano. La giustizia non ha fatto in tempo a mettere dietro le sbarre un assassino così spietato che ha spezzato per sempre il sorriso di questo ragazzo. Il tutto per un errore burocratico. La sua condanna infatti era diventata definitiva nel 2018. Ma la comunicazione che sarebbe dovuta giungere dagli uffici di Cancelleria della Corte d’Appello ma non è mai arrivata. La sentenza così non è stata eseguita. Said è rimasto libero e ha ucciso il povero Stefano.

Commenti

beowulfagate

Gio, 04/04/2019 - 10:14

Anche se giudicare dalle apparenze non va bene (ma chi l'ha deciso?),la foto della vittima sembra mostrare uno di quei tipi molto ben disposti verso gli stranieri.E se così fosse...

PAROLITO

Gio, 04/04/2019 - 10:15

ma come fanno a dormire la notte questi giudici? e come vanno in giro, con cento guardie armate intorno? mah, che vita di mxxxa !!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 04/04/2019 - 10:15

di che preoccuparsi,non cè il 2 senza il 3,pronto a prossimo omicidio,da come vanno le cose da parte di certi giudici comunisti e criminali, nulla da dire da parte di FIANO, BOLDRINI e soci ??

adal46

Gio, 04/04/2019 - 10:16

La giustizia ha atteso il fatale "non c'è due senza tre" per non arrischiare giudizi avventati. Avanti Savoia...!

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Gio, 04/04/2019 - 10:16

Andatelo a raccontare al giudice. Devono spiegare perché queste bestie non vengono fatte marcire nelle patrie galere. Hanno voluto l'Italia? Devono sottostare alle nostre leggi, se ci sono, altrimenti il nostro Paese diventa l'Eldorado della libertà di delinquere.

adal46

Gio, 04/04/2019 - 10:19

RIP Stefano: il dolore dei tuoi famigliari può essere consolato solo dalla consapevolezza che sei uno dei novelli martiri frutto di una società marcia.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 04/04/2019 - 10:22

Immensa, in compenso, la gioia dei nostri progressisti nel dimostrare che l'assassino di turno non è il tanto temuto straniero. Bensì un italiano.

gneo58

Gio, 04/04/2019 - 10:32

tralasciando i discorsi triti e ritriti sui giudici questo dimostra che 1) i processi devono essere fatti per direttissima ed in tempi brevissimi tra un grado e l'altro - 2) per certi soggetti tra un grado e l'altro non deve essere concessa la liberta' - dentro fino alla fine -

fedeverità

Gio, 04/04/2019 - 10:35

Chi è responsabile DEVE pagare....chi non ha trattenuto un soggetto del genere DEVE pagare!!! Ora basta!!! Viva la giustizia!!!! ps. Vi rendete conto che ancora godeva di libertà dopo tutto quello che aveva fatto?????? Italiano,di colore,cinese....siamo tutti UGUALI,ma gente così non merita niente....ERGASTOLO ,ma in Marocco! MALEDETTO!

Ritratto di teseiTeseo

teseiTeseo

Gio, 04/04/2019 - 10:37

Sono intrisi (anche i più giovani) di una cultura sciovinista e maschilista datata. Vengono proiettati in una società post-femminista, abituati a 'possedere' la femmina come cosa propria. Ovviamente esi adattano, ma imparano solo a simulare modernità di superficie per un breve periodo atto a conquistare l'agognata femmina occidentale. Poi fuoriesce la mentalità originaria e non sentendosi in grado di mantenere la femmina nel loro dominio in competizione con altri maschi la perdono e sbroccano.

Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 04/04/2019 - 10:38

Giustizia da vomito.

fedeverità

Gio, 04/04/2019 - 10:45

Un'ultima cosa....suo padre .....da ora in poi...che pensiero avrà nel quotidiano?....

nopolcorrect

Gio, 04/04/2019 - 10:47

Ancora un capolavoro dei nostri magistrati. Bravi, complimenti. E noi paghiamo i loro lauti stipendi!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 04/04/2019 - 10:48

E "Bravi giudici!" Perche' questa volta non lo mandate libero con la scusa che "non potra' piu' ripetere il reato", dato che Stefano e' morto? Solo la pena di morte togliera' dalla societa' civile chi dall'interno ne approfitta per distruggerla.

buppert

Gio, 04/04/2019 - 10:50

Naturalmente era sostenuto anche dai servizi sociali alla faccia dei pensionati italiani che scampano con 500 euro al mese

effecal

Gio, 04/04/2019 - 10:55

Se la sinistra strafighetta non tiene a bada i suoi amici compagni di merende sarà un problema.

Algenor

Gio, 04/04/2019 - 10:56

É incredibile l'arricchimento culturale portato dall'immigrazione: complimenti inoltre alla nostra magistratura per la capacitá di dare giustizia alle vittime di violenza e proteggere la società dai criminali. Adesso una bella assoluzione per infermità mentale, un paio di anni in ospedale psichiatrico e potrà ricominciare una nuova vita nel paradiso dei delinquenti, un tempo noto come il Bel Paese.

oracolodidelfo

Gio, 04/04/2019 - 10:57

Signori Magistrati, signori (?) politici che avete depenalizzato i reati, come la mettiamo? Rivedete le Leggi e non insultate oltre la mitezza del popolo italiano. Vergognatevi!

oracolodidelfo

Gio, 04/04/2019 - 11:00

Amministratori e Legislatori della Giustizia, cosa dovrebbero fare adesso i famigliari di Stefano? Non avendo più speranze nella vostra Giustizia, confido in quella Divina che arriverà, o se arriverà.......

piardasarda

Gio, 04/04/2019 - 11:02

Ma in carcere ci sta Corona, pericolosissimo per la comunità intera.

LUCATRAMIL

Gio, 04/04/2019 - 11:04

però non ci si può lamentare se viene incarcerata gente innocente e pure perchè è libero chi è ancora soggetto ad Appello (ossia ancora incolpevole fino a prova contraria). Il problema è sempre la lentezza della giustizia e, dato che esiste il processo telematico, la colpa non è più della carta, ma di chi gestisce le pratiche.

pasquale1058

Gio, 04/04/2019 - 11:05

Da TORTORA,non è cambiato un ...... anche IL CAVALIERE NON C'E' L'HA FATTA NONOSTANTE AVESSE AVVOCATI E MEZZI. ALLORA VINCONO LORO? MA QUESTI QUA'NON PAGANO MAI, VINCE LA CASTA SU UN'INTERO POPOLO CHE ATTRAVERSO IL VOTO HA INDICATO LA STRADA E LA DIREZIONE DEL SUO VOLERE? ALLORA FACCIAMO UNA CLASS ACTION CONTRO CHI REMA CONTRO IL VOLERE DEL POPOLO ITALIANO.

VittorioMar

Gio, 04/04/2019 - 11:06

..QUESTO E' PURO "TERRORISMO"...innesca le PAURE..GUARDANDOSI DA CHI SI INCONTRA E...ALLE SPALLE ...non facciamolo passare per PAZZO o in DEPRESSIONE...e gli ITALIANI cosa devono dire ??

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 04/04/2019 - 11:16

Poi dicono che siamo "RAZZISTI, se non addirittura "fascisti". Da cittadino anziano, con pensione già 2 volte ridotta dal Governo e dal Parlamento, osservo sbalordito la superficialità di un "sistema" che non si preoccupa di difendere i "cittadini", mentre lascia circolare individui immigrati "abusivamente" e già riconosciuti come "delinquenti". La tragedia cammina liberamente nelle nostre strade e le conseguenze le paga il Popolo, cioè noi, nel totale disinteresse della "politica".

nopolcorrect

Gio, 04/04/2019 - 11:17

Un grazie di cuore ai nostri bravissimi magistrati! Grazie, grazie, bravi, avanti così!

routier

Gio, 04/04/2019 - 12:11

Fossi in codesto assassino, cercherei di dormire con un occhio aperto. La giustizia a volte usa strade non proprio ortodosse...!

kayak65

Gio, 04/04/2019 - 12:44

un motivo valido per classificare la giustizia italiana al 289 posto e certificare che le ore medie lavorate da ciascun magistrate sono di 2,5 al giorno...il resto per talk show o comparsate varie

Divoll

Gio, 04/04/2019 - 12:55

Bisogna introdurre la responsabilita' amministrativa, e forse anche penale, per giudici che liberano individui che, in seguito, compiano crimini gravi. Non se la possono cavare cosi', come nulla fosse, perche' una decisione sbagliata costa la vita a un innocente.

maurizio50

Gio, 04/04/2019 - 12:57

Bene! Ora si processino quelli che lo hanno messo fuori, per concorso in omicidio pluri aggravato!!!!!

Divoll

Gio, 04/04/2019 - 12:57

@ Memphis - come, italiano? Ma se e' marocchino!

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 04/04/2019 - 13:03

Arrestato due volte ma libero ... ... ... grazie magistrati, siete la colonna del nostro paese ???...

Ritratto di zocchi

zocchi

Gio, 04/04/2019 - 13:08

Come si giustificano i giudici che lo hanno lasciato libero di commettere un assurdo omicidio ?

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 04/04/2019 - 13:15

Un selvaggio violento picchiatore marocchino deve sempre essere libero, in Itaglia, altrimenti siam rassisti, e non vogliamo certo sembrar rassisti, meglio subire la furia selvaggia del marocchino. Così sono programmati a pensare molti Compagni politicamente corretti. Bisogna capire che quello dei Compagni politicamente corretti non è un pensiero autonomo, è una programmazione, esattamente come nel mondo di The Matrix.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Gio, 04/04/2019 - 13:27

Chi ha scarcerato Said é responsabile con l'omicida razzista marocchino, che ha sfogato il suo odio antioccidentale, dello sgozzamento di un italiano? Siamo difronte al primo caso di un assassino razzista marocchino ha voluto uccidere la "felicità" di un occidentale semplicemente per odio subliminale.

kennedy99

Gio, 04/04/2019 - 13:51

povera italia adesso allora correte ha curarlo ha spese degli italiani. come minimo lo fanno passare per incapace di intedere e volere. adesso verrà la cara boldrini e soci ha vedere se è stato fatto tutto il possibile per recuperarlo. vada qualche italiano in marocco ha compiere quello che ha fatto questo signore. come minimo riceverà una pallottola omaggio. tutto gratis naturalmente.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 04/04/2019 - 14:07

#Divoll - 12:57 Sì. Ma con regolare cittadinanza italiana. Tributatagli dai kompagni.

veromario

Gio, 04/04/2019 - 16:24

volete per piacere togliere quel sorriso da deficiente ,anche perché ha ucciso un ragazzo che grazie a lui non ride più.

Alessio2012

Gio, 04/04/2019 - 16:55

UN'ITALIANA SE L'E' SPOSATO, QUINDI VUOL DIRE CHE AGLI ITALIANI UNO COSI' PIACE!!

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Gio, 04/04/2019 - 18:28

Said Mechaquat, un italiano! Mah!

roberto67

Gio, 04/04/2019 - 18:28

Anche questa volta la morte della vittima ricade sulla coscienza di qualcuno. L'assassino non ha agito da solo, chi l'ha lasciato in libertà è complice.

maurizio50

Gio, 04/04/2019 - 18:41

E così un altro dei nostri ci ha rimesso la pelle per "un errore burocratico". Il morto sarà felicissimo. I suoi parenti ancora di più. I Compagni brinderanno di gioia alla notizia!!!!!